HoloLens: Scopriamo il visore per la realtà aumentata di Microsoft

Microsoft qualche giorno fa ha presentato in pompa magna non solo Windows 10 ma anche il rivoluzionario visore per la realtà aumentata, HoloLens, che non solo sarà un visore per vedere la vita reale utilizzando la realtà aumentata ma cambierà il modo di approcciarci all’ambiente che ci circonda.

Con HoloLens avremo un visore alternativo a quelli già visti che non solo permetterà di vedere gli oggetti reali utilizzando la realtà aumentata ma anche di integrare alcuni servizi che Microsoft svilupperà appositamente come l’assistenza, la telemedicina e molto altro. HoloLens non è l’alternativa all’Oculus Rift e non è un Google Glass ma un dispositivo a metà.

HoloLens funziona tramite lenti semitrasparenti che fanno prendere forma alla realtà circostante grazie alla frapposizione di queste lenti tra l’occhio e l’ambiente con la riproduzione agli oggetti reali che danno l’illusione di avere davanti a se gli oggetti trasmessi. Dunque una tecnologia diversa da quella conosciuta finora e che risulta molto più convincente.

HoloLens si base su Windows Holografic, un sottosistema di Windows 10, che daranno il supporto anche ai produttori esterni di hardware. HoloLens a livello hardware monta una CPU potente in grado di coordinare le operazioni, un processore grafico che genera le immagini e un coprocessore che gestisce solo i movimenti in relazione a quelli della testa e ai gesti delle mani.

Al momento Microsoft ha dichiarato che il progetto è quasi finito, ma per vederlo nei negozi non sarà facile, almeno per il momento, in quanto non è prevista una commercializzazione a breve. Dunque Microsoft sembra già in dirittura d’arrivo, con un prodotto convincente, ben prima degli avversari anche se partita con netto ritardo.