HTC Vive: Ecco il primo dispositivo per la realtà aumentata nato in collaborazione con VALVE

​HTC annuncia la partnership strategica con Valve e il lancio in primavera della Developer Edition di HTC Vive; la versione consumer sarà disponibile entro la fine del 2015. Attraverso la partnership strategica con Valve, HTC promette di trasformare il modo in cui i consumatori interagiscono con la tecnologia e il mondo che li circonda grazie al debutto di HTC Vive. HTC Vive Developer Edition sarà lanciata già da questa primavera, mentre la versione consumer sarà disponibile entro la fine del 2015.

Vive combina la tecnologia di input e tracciamento di SteamVR di Valve con l’acclamato e riconosciuto design di HTC, stabilendo un nuovo punto di riferimento per un settore che, fino ad oggi, ha faticato ad andare al di là dei prototipi.

Cher Wang, Presidente di HTC ha commentato: “È inusuale che un’azienda abbia l’opportunità di trasformare in continuazione il modo in cui le persone interagiscono con il mondo e comunicano le une con le altre ma è esattamente quello che abbiamo intenzione di fare con Valve”.

“Abbiamo raggiunto questo obiettivo già una volta con lo sviluppo della tecnologia smartphone” ha aggiunto Peter Chou, CEO di HTC. “E ora, grazie alla partnership con Valve, intendiamo fare lo stesso con la tecnologia, un tempo solo sognata, della realtà virtuale”.

Qualità incredibile, esperienza coinvolgente

Vive è in grado di offrire l’esperienza più coinvolgente di qualsiasi supporto per la realtà virtuale, connettendo le persone con altri mondi in un solo istante. HTC e Valve hanno introdotto un sistema full room di visione a 360 gradi dotato di Tracked Controllers, che permettono di alzarsi, camminare ed esplorare uno spazio virtuale, toccando oggetti da ogni angolo e interagendo con ciò che sta intorno. Il nuovo supporto è dotato della definizione grafica di più alto livello, una frequenza di aggiornamento di 90 frame al secondo e un’incredibile fedeltà audio, fissando così un nuovo standard di qualità delle prestazioni.

HTC lancerà anche nuovi controller wireless VR per permettere ai giocatori di avere una percezione diretta del mondo virtuale. I due controller disponibili in un’unica confezione  sono progettati per essere così versatili da risultare compatibili con un’ampia gamma di esperienze di realtà virtuale. Diversamente dai tipici controller, i controller universali VR assicurano la massima semplicità e intuitività d’uso, permettendo di trarre il massimo da qualsiasi esperienza.

Oltre il gaming

Le Beta Version di Vive hanno già permesso ai maggiori produttori di videogiochi di tutto il mondo (tra cui Vertigo Games, Bossa, Barry –Fireproof, Dovetail Games, Wemo Labs, Google, Steel Wool Games e Owlchemy) di mettere a punto una ricca selezione di contenuti di intrattenimento.

“La nostra collaborazione con HTC è guidata dal desiderio condiviso di produrre il supporto per realtà virtuale più completo e coinvolgente”, riferisce Ken Birwell di Valve. “Rilasciare la Vive Developer Edition è un passo importante nel tentativo di raggiungere questo scopo”.

Se le straordinarie esperienze di gioco sono la base dell’universo della realtà virtuale, il gaming nasconde potenzialità senza limiti. HTC e Valve si impegnano ad ampliare le possibilità offerte dalla realtà virtuale per trasformare le esperienze più semplici della quotidianità. Viaggiare, giocare, incontrare gli amici e persino fare shopping non sarà mai più lo stesso e le aziende stanno lavorando fianco a fianco con i migliori content creator, inclusi Google, HBO, Lionsgate e il National Palace Museum in Taiwan, per fa sì che questa visione diventi realtà.

“Vive offre l’incredibile possibilità per tutti gli sviluppatori e creatori di contenuti di aiutarci a portare la realtà virtuale nella vita di tutti i giorni grazie a una soluzione completa che ridefinisca il modo in cui intendiamo l’intrattenimento, la comunicazione, l’apprendimento e persino il mondo in cui vediamo il lavoro” – ha concluso Cher Wang. “HTC Vive è una realtà, è qui ed è pronto ad essere lanciato prima dell’inizio del 2016”.