Ecco la recensione e videorecensione del Gear 2 Neo, lo smartwatch di Samsung con sistema operativo Tizen

Abbiamo provato per voi il nuovo smartwatch di Samsung, il Samsung Gear 2 Neo, venduto a un prezzo di 199 euro.

Il Samsung Gear 2 Neo è ormai sul mercato da qualche mese, ma, nonostante questo, è ancora compatibile solo con pochissimi smartphone Samsung: un vero peccato, perchè per usare il Samsung Gear 2 Neo bisogna necessariamente avere un Galaxy S5, S4 o Note 3 e pochi altri terminali. Se solo questo Samsung Gear 2 Neo fosse compatibile con altri dispositivi, sicuramente potrebbe essere più interessante, ma così è davvero troppo limitato a livello di compatibilità.

Detto questo, vediamo insieme una breve recensione del Samsung Gear 2 Neo prima di lasciarvi alla videorecensione completa del Samsung Gear 2 Neo.

Confezione

Classica, in pieno stile Samsung, in cartone che sembra legno riciclato. Segnalo che, essendo impermeabile, non si può ricaricare con il classico cavo MicroUSB (incluso nella confezione), ma serve un apposito adattatore che dovrete portare sempre con voi per caricare il device. Non comodissimo.

Costruzione e Vestibilità

Rispetto al vecchio modello, sicuramente Gear 2 Neo è comodo da indossare. E’ più leggero, meno ingombrante, lega meno e si indossa più volentieri, anche merito dell’assenza della fotocamera, che prima era sul cinturino ed era decisamente fastidiosa. Ora, inoltre, è possibile cambiare e sostituire il cinturino con uno a piacimento per personalizzare al massimo il prodotto.

In generale l’idea che si ha di questo Gear 2 Neo è quella di un prodotto di alta qualità, elegante, fine e ricercato. Non sarà un Rolex, ma si contraddistingue comunque per i materiali di qualità con cui è realizzato. Si vede che è costruito meglio rispetto a un Pebble, giusto per fare un confronto diretto. Nella parte anteriore abbiamo il pulsante fisico, mentre in alto abbiamo i sensori infrarossi per controllare la TV.

Il Gear 2 Neo è certificato per essere impermeabile: potete usarlo in piscina o sotto la doccia senza rischiare di rovinarlo o romperlo. Molto comodo per chi fa sport o attività fisica. In generale l’ingombro è lo stesso di un qualsiasi altro orologio. Il gancio per aprire e chiudere il device è davvero robusto e ben realizzato e dà una sensazione “premium”.

Hardware

Rispetto al vecchio modello la CPU è sicuramente migliorata: passa da un modello single core da 815 MHz a un processore dual core da 1 GHz. Rimane 512 MB la RAM, così come la memoria interna (utile principalmente per la musica) rimane da 4 GB. Manca la fotocamera e continua ad essere assente anche il chip NFC. In realtà un hardware potente non serve su questo smartwatch, che non ha bisogno di fare tante operazioni se non ricevere e mostrare le notifiche dello smartphone direttamente sul polso.

Come detto, abbiamo 4GB di memoria interna, che servono in pratica solo per usare lo smartwatch come lettore MP3 senza doverlo necessariamente collegare al telefono: non c’è l’uscita da 3.5mm per gli auricolari, ma possiamo collegare un auricolare bluetooth direttamente all’orologio per ascoltare la musica “in privato”.

Quello che però è stato aggiunto rispetto al vecchio modello è un sensore di battito cardiaco posto sul retro del Gear 2 Neo e che permette in ogni momento di misurare il proprio battito del cuore: peccato sia inutile, visto che funziona solo quando siamo a riposo e non quando facciamo attività fisica. A cosa mi serve sapere i battiti del mio cuore mentre dormo? Mah.

Gear 2 Neo è dotato di bluetooth per connettersi allo smartphone, ma mancano la connettività Wi-Fi, quella 3G e anche il GPS.

C’è uno speaker che funge da altoparlante per musica e chiamate, peccato che il volume in generale non sia particolarmente alto.

Display

Lo schermo rimane identico al predecessore. Si tratta di un 1,63 pollici con risoluzione di 320×320 pixel. La tecnologia rimane SuperAMOLED. I 277 dpi della densità dello schermo si traducono in un’ottima qualità visiva, aiutata anche da dei colori molto vivid. Lo schermo non è dotato di una tecnologia che ne permetta la visione da spento (come accade con Pebble o SmartWatch 2), ma il sistema di risveglio al movimento del polso è ottima.

Peccato non ci sia un sensore di luminosità: se la tenete bassa, quando sarete sotto alla luce diretta del sole non vedrete un tubo. In generale il display è buono comunque.

Software

Come detto, con Gear 2 Neo Samsung cambia completamente le carte in gioco e utilizza il suo Tizen al posto di Android. Sicuramente questo OS risulta migliore (almeno per ora) rispetto ad Android: si adatta benissimo al display piccolo, è molto intuitivo, veloce e personalizzabile. Tizen è perfetto per un dispositivo come questo e consente di controllare il Gear 2 Neo in modo davvero semplice e immediato.

Tizen è anche molto personalizzabile: possiamo scegliere, grazie all’app per smartphone Android, quali notifiche visualizzare sullo smartwatch Gear 2 Neo, possiamo cambiare e personalizzare lo sfondo, leggere notifiche di qualsiasi tipo e da qualsiasi applicazione e, grazie a uno store dedicato, possiamo anche scaricare e aggiungere applicazioni di terze parti come cronometro, piccoli giochi e altro ancora.

Come abbiamo detto, poi, è anche possibile anche caricare degli mp3 sul dispositivo per poterli ascoltare anche senza l’ausilio dello smartphone stesso.

Dall’applicazione Gear Manager (quella per smartphone Android) sarà possibile scegliere quali software notificare sull’orologio e modificare tante altre impostazioni: ne avrete davvero tante a disposizione.

Ma Gear 2 Neo è anche perfetto per rispondere alle chiamate: abbiamo infatti la possibilità di utilizzare lo smartwatch come vivavoce per le telefonate, anche se il basso volume dello speaker lo penalizza in questo senso. Questa funzione è sicuramente molto comoda e interessante, soprattutto se guidate molto durante il giorno o se capita spesso che abbiate le mani impegnate e non riuscite a rispondere al telefono, che magari si trova in tasca, nello zaino o in un posto scomodo da raggiungere.

Tra le tante altre funzionalità abbiamo anche il contapassi, che però spesso e volentieri sbaglia il conteggio rispetto a quello reale (in eccesso). Non manca, infine, un’inutilissima applicazione per tracciare e monitorare le ore di riposo.

Infine, come detto, abbiamo la possibilità di usare Gear 2 Neo come orologio per controllare la TV dalla distanza: comodo e perfettamente funzionante.

Autonomia

L’autonomia di questo smartwatch è davvero ottima: in generale Gear 2 Neo, con uso molto intenso, dura 3-4 giorni, che non sono affatto male, soprattutto perchè quasi doppiano il risultato del predecessore.

Prezzo

Il prezzo a cui viene venduto questo Gear 2 Neo è di 199€. Ben 100€ meno del predecessore al lancio e in linea con quanto offre la concorrenza, ma a mio avviso ancora troppi rispetto ai vantaggi offerti da un prodotto come questo. Io l’ho preso usato a 130 euro, a questo prezzo risulta sicuramente un prodotto più interessante.

Giudizio Finale

Gear 2 Neo è sicuramente un ottimo prodotto, uno dei migliori smartwatch in commercio, soprattutto grazie al display a colori, alla porta infrarossi, ai materiali di qualità e alla funzione vivavoce: tutte queste funzioni il Pebble se le sogna. E, anche per quanto riguarda le notifiche, il Gear 2 Neo le gestisce decisamente meglio rispetto a un Pebble.

E’ potente, aggiornato, pieno di funzionalità, bello, resistente ed elegante. Ma gli manca ancora qualcosa, in particolare tutte le funzioni legate al fitness e all’attività sportiva. Gear 2 Neo non è assolutamente pronto per lo sport e il sensore dei battiti cardiaci è uno specchietto per le allodole, visto che c’è ma non funziona.

Nel complesso, comunque, vi consiglio l’acquisto di questo Gear 2 Neo, anche se, sappiatelo fin da subito, non stravolgerà e non cambierà la vostra vita. Fatevi un esame di coscienza, pensate quanto vi possa servire uno smartwatch e decidete cosa fare di conseguenza: io vi posso solo assicurare che con Gear 2 Neo non vi trovrete male. La concorrenza sta arrivando agguerrita, ma Gear 2 Neo al momento è uno dei migliori smartwatch in circolazione, almeno finchè non arriverà ufficialmente il nuovo Android Wear.

Se però volete acquistare Gear 2 Neo per usarlo come “compagno” di allenamento per sport e fitness, lasciate stare, perchè da questo punto di vista non serve a nulla. Io l’avevo preso per questo e infatti l’ho rivenduto visto che non faceva ciò di cui avevo bisogno: con Runtastic non si parla, così come non si parla con Skimble. In pratica non faceva le uniche cose che mi servivano.

[youtuber youtube=’http://www.youtube.com/watch?v=7UOcmXmwfHc’]

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!

  • Salvatore Carotenuto

    Ciao Riccardo.. Volevo prendere un gear 2 a 80 euro per l’attività fisica.. Na dopo la tua recensione mi sa che desistito.. Cosa mi consigli??

    • Ti consiglio un dispositivo dedicato per il fitness tipo quelli che hanno alla Decathlon..Nike, Garmin, Adidas o altri..questi smartwatch non sono nati per il fitness purtroppo

      • Salvatore Carotenuto

        Avevo pensato un polar loop.. Ma ha molti problemi di compatibilità