Accedere da Remoto alle Cartelle Condivise su Windows dal nostro Smartphone Android [Android App]

ES File Explorer  File Manager

Il mondo Android è immenso, il suo carattere Open Source e i molti sviluppatori che girano intorno all’ecosistema creato da Google, permettono ai dispositivi con il sistema operativo Android di espandere le proprie capacità all’inverosimile.

Oggi andremo a vedere coem accedere ai propri file da Remoto presenti sul nostro PC Windows da nostro Smartphone Android utilizzando un programma che rientra nella categoria dei File Manager ma che è in grado di fare molto di più, ES File Explorer.

Con ES File Explorer potremmo andare ad accedere da Remoto alle cartelle che abbiamo condiviso su Windows.

Iniziamo.

Accedere da Remoto alle Cartelle Condivise su Windows dal nostro Smartphone Android [Android App]

  1. Il primo passo da compiere sarà mettere in condivisione le nostre Cartelle su Windows in modo che siano raggiungibili da Remoto tramite ES File Explorer. Per condividere una cartella su Windows dobbiamo cliccare con il pulsante destro del Mouse sulla Cartella desiderata, andare su Proprietà e poi nella finestra che si apre selezionare la Tab in alto “Condivisione” poi su Condividi e selezionare Everyone dal menù a tendina e poi cliccare su Aggiungi. Infine se volte abilitare i permessi di scrittura sulla cartella dal menù in basso a destra al fianco della scritta Everyone selezionate Lettura Scrittura. Cliccare su Condividi per confermare il tutto.
  2. Successivamente dobbiamo abilitare, sempre da Windows l’autorizzazione alla condivisione anonima. Andiamo nel Pannello di Controllo su Rete e Internet e poi in Centro Connessioni di Rete e Condivisione selezionando nel menù a destra l’opzione Modifica impostazioni di condivisione avanzate. Nella nuova pagina dovremo selezionare l’opzione con il pallino Condivisione Protetta da Password e cliccare su Salva.
  3. Il terzo passo di configurazione di Windwos consiste nel sapere il proprio indirizzo IP che servirà a ES FIle Explorer per raggiungerci. Per conoscere il nostro IP digitate dal Prompt dei Comandi ipconfig oppure visitate il sito web MioIP (l’IP sarà nel formato 192.168.x.x con x numeri).
  4. Ora installatare ES File Explorer sul vostro Smartphone Android apritelo e andate nella sezione Locale presente in alto a sinistra nel sotto menù a discesa. Si aprirà un sotto menù dove dovrete scegliere l’opzione LAN (Il PC e lo Smartphone devono essere connessi sotto la stessa Rete Wi-fi per il corretto funzionamento):ES File Explorer LAN Option
  5. Dalla sezione LAN selezionate l’opzione Scan per scansionare la rete in automatico alla ricerca delle cartelle condivise e poi andrete a selezionare l’IPdel vostro PC per connettervi da remoto oppure se selezionate l’opzione Server dovrete inserire manualmente i dati come IP ricavato precedentemente.
  6. Una volta cliccato su OK visualizzerete le cartelle, nella sezione LAN, che avete condiviso e così potrete farne ciò che volete come ascoltare la Musica che avete sul PC, visualizzare i Film memorizzati sull’Hard Disk di rete o semplicemente visualizzare le foto dell’estate appena trascorsa sul vostro smartphone comodamenti seduti sul vostro divano.

In questa guida abbiamo utilizzato ES File Explorer che è tra i migliori File Manager con interessanti features aggiuntive, ma nel Google Play Store sono disponibili molti programmi che effettuano la connessione remota.

Potete scaricare ES File Explorer gratuitamente nel Google Play Store:

[app]com.estrongs.android.pop&hl=en[/app]

Via

4 COMMENTS

  1. Ma sapete cosa significa remoto? Questa guida è una truffa per ottenere click, per il remoto a quanto pare oltre ad un serve NAS non ci sono soluzioni questo è un modo (peraltro scontato e risaputo) per accedere ai dati PC nella stessa rete locale. Dedicati alle corse che è meglio.

    • Non è assolutamente vero!!! La guida è chiara ed è stata testata personalmente. Per accedere da remoto ad un PC è sufficiente che entrami i dispositivi siano connessi ad internet e non essere protetti da nessun firewall che ne impedisca il collegamento.
      Prima di parlare forse dovresti prima informarti

      • Peccato che per remoto si intenda una connessione esterna quindi per esempio da mobile in 4G e non in locale collegandosi allo stesso wifi. Inoltre la vedo molto poco professionale come cosa proporre un collegamento non protetto, anche in locale mi sembra chiaro che funzioni, ma questo è tutt’altro discorso rispetto all’erroneo titolo della pagina.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here