adopt storage

In questi giorni il primo devices non Nexus riceverà l’ultima distribuzione Android 6.0 Marshmallow e tra le funzioni che ancora restano da analizzare c’è la possibilità di utilizzare le microSD come se fosse un’espansione a tutti gli effetti della memoria interna del dispositivo.

In realtà, quando procederemo all’inserimento di una scheda microSD in un dispositivo con Android 6 Marshmallow potremo scegliere se usare la microSD come memoria interna oppure come portable storage.

La differenza tra le due opzioni è abissale poichè con la prima opzione, potremo usare la memoria come una memoria esterna e copiarci ed incollare file come conosciamo finora e potremo installare solo le app compatibili con l’installazione su memoria esterna mentre nel secondo caso la microSD verrà riformattata e criptata in modo che possa essere utilizzata dal sistema in modo trasparente.

La differenza sostanziale sta nel fatto che se sceglieremo il primo caso, potremo usare la memoria come memoria portabile e se colleghiamo lo smartphone al PC la vedremo come memoria esterna copiando file normalmente mentre nel secondo caso, collegando il dispositivo al PC avremo la sola opzione di formattare la scheda microSD poichè criptata e dunque non potremo copiarci nessun file.

Insomma una bella differenza che secondo noi spingerà i produttori ad inserire memorie più grandi anche nei dispositivi di fascia media mentre il problema sarà più marcato nel caso di dispositivi di fascia bassa, dove la memoria interna sarà sempre limitata e dunque l’utilizzo di una memoria esterna è obbligatoria.

Via