Confronto tra Android Wear e Pebble Time: analogie e differenze. E’ meglio Android Wear o Pebble Time? Ecco un confronto completo tra Android Wear e Pebble Time

E’ meglio  Android Wear o Pebble Time?

Pebble-Time-v-Android-Wear-2

Confronto tra Android Wear e Pebble Time

Smartwatch, smartwatch ovunque. Se fino a un paio di anni fa le persone che indossavano uno smartwatch erano pochissime, oggi il numero di possessori di smartwatch è in costante crescita e, anche grazie all’arrivo di Apple Watch, diventa sempre più facile incontrare persone con uno smartwatch al polso.

Ormai gli smartwatch in commercio sono così tanti e così diversi tra loro che analizzare analogie e differenze tra i vari prodotti è quasi impossibile: proprio per questo, infatti, pochi giorni fa vi abbiamo proposto una tabella per aiutarvi a scegliere lo smartwatch più adatto alle vostre esigenze.

Tralasciando gli smartwatch con sistema operativo proprietario, però, sono sostanzialmente 3 i sistemi operativi più diffusi e apprezzati su questi “orologi intelligenti”: Android Wear, WatchOS e il sistema operativo proprietario di Pebble, che proprio in questi giorni sta lanciando anche in Italia il suo nuovissimo smartwatch Pebble Time, successore dell’indossabile più venduto e apprezzato di sempre, che ha ufficialmente spianato la strada a tutti gli altri smartwatch della concorrenza.

Per aiutarvi nella scelta del vostro prossimo smartwatch, oggi andremo a vedere un interessante confronto tra Pebble Time e Android Wear, due dei sistemi operativi più apprezzati dagli utenti e attualmente più diffusi al mondo.

In questo articolo in particolare analizzeremo analogie e differenze tra Pebble Time e Android Wear solo a livello di sistema operativo: non possiamo analizzare le differenze a livello hardware in quanto gli smartwatch Android Wear sono troppo diversi tra loro, hanno hardware differenti e design tutti diversi tra loro. Ci dobbiamo dunque limitare ad analizzare le differenze e le analogie lato software tra Pebble Time e Android Wear. 

Detto questo, vediamo insieme cosa cambia tra Pebble Time e Android Wear e quale è il dispositivo più adatto alle vostre esigenze in base all’interfaccia del sistema operativo, all’ecosistema di applicazioni e alle funzionalità offerte. Uno smartwatch, del resto, deve fare ben di più rispetto a dirvi solo l’orario e tutte queste funzioni sono molto più importanti dell’aspetto estetico. Ecco perchè ci concentriamo sulla parte software di questi smartwatch. Ora basta con le chiacchiere, iniziamo col confronto.

Confronto tra Pebble Time e Android Wear: cosa è meglio? Quale comprare?

1. Look

Ok, avevo detto che avremmo parlato solo di software, ma non possiamo ignorare completamente il design. Del resto lo smartwatch fa parte del nostro abbigliamento e comunica agli altri qualcosa su di noi, quindi deve essere bello e integrarsi al meglio con il resto dei nostri vestiti per creare un look completo ed elegante.

Dal punto di vista di Android Wear, gli smartwatch disponibili sono tantissimi e tutti diversi tra loro. Indubbiamente, però, dispositivi come LG G Watch, LG Watch Urbane o Huawei Watch sono veramente molto belli da vedere, quasi al pari di altri orologi (non smartwatch) o gioielli da indossare al polso.

Nello stesso tempo, è chiaro che il Pebble Time non offre questo design curato e ricercato e non offre nemmeno materiali di altissima qualità. Non può essere definito “brutto”, ma indubbiamente ci sono smartwatch con Android Wear molto più belli, fini ed eleganti del Pebble Time.

Se il design, le linee e l’eleganza sono un aspetto fondamentale per voi, il Pebble Time non vi piacerà (esteticamente), mentre se l’aspetto più importante di uno smartwatch è il software, allora vi consiglio di procedere con la lettura dell’articolo per scoprire le differenze tra Pebble Time e Android Wear.

2. Software

Il software rappresenta la vera e grossa differenza tra Android Wear e Pebble Time. Questa è dunque la parte più importante dell’articolo.

Interfaccia di Android Wear. Android Wear è un prodotto di Google sotto ogni punto di vista e si rapporta al 100% con gli smartphone Android (la maggior parte dei dispositivi Android Wear, se non collegata al telefono, non fa praticamente niente se non mostrare l’orario). L’interfaccia è un mix di “carte” e liste che ricorda tanto quella dei nostri dispositivi Android. E’ un’interfaccia chiara, semplice e pulita, con tutte le funzioni a portata di “tap” e che risulta molto semplice da utilizzare. Le app per Android Wear si installano sul telefono e interagiscono al meglio con lo smartwatch. Ad oggi le app disponibili sono tantissime e tante altre continuano ad arrivare ogni giorno.

L’interfaccia di Android Wear in generale non usa pulsanti fisici (o ne usa pochi): tutto si controlla con swipe e touch sullo schermo.

Per quanto riguarda il sistema di notifiche, entrambi i sistemi operativi sono molto completi. Le notifiche arrivano in tempo reale, sono chiare da leggere e possiamo interagire con esse direttamente dallo smartwatch. Entrambi i sistemi permettono di rispondere alle notifiche con la voce e il sistema di trascrizione vocale funziona benissimo in entrambi i casi. Possiamo ad esempio rispondere ad un SMS dettando allo smartwatch con la voce: noi dettiamo, lui scrive e risponde al posto nostro. Comodo.

Quello che Pebble Time offre e che invece manca su Android Wear è la funzione Timeline. Si tratta di una lista “scrollabile” di eventi e di reminder attraverso la quale possiamo navigare per tenere traccia di cosa è successo, cosa sta accadendo e cosa accadrà. Ogni singola app può aggiungere un “pin” a questa lista: una volta che avrete provato questa funzione, non ne potrete più fare a meno e il vostro smartwatch diventerà il dispositivo perfetto per restare organizzati al meglio.

Interfaccia di Pebble Time. Al contrario di Android Wear, l’interfaccia si controlla con i 3 pulsanti fisici del dispositivo. Sicuramente è meno intuitiva tutta la gestione, ma il feedback dei tasti è impareggiabile. Indubbiamente l’interfaccia di Android Wear, con swipe, tap e touch, risulta più comoda e immediata da gestire.

In generale, però, l’interfaccia del Pebble è perfetta per accedere rapidamente alle funzioni che usiamo più spesso: calendario, musica e altro ancora. In generale, anche se i pulsanti possono sembrare più “scomodi” dell’interfaccia touch di Android Wear, l’interfaccia del Pebble sembra migliore e più comoda per accedere alle nostre app al volo. A livello di app, anche per il Pebble le app disponibili sono parecchie e tante altre continuano ad arrivare ogni giorno.

C’è da fare un appunto importante però: Android Wear è più “future proof” di Pebble Time nel senso che la sua interfaccia e le sue funzioni potranno essere migliorate, aumentate ed espanse in futuro, mentre tutto ciò che riguarda Pebble Time cambierà poco nei prossimi mesi. Per spiegarmi meglio, se amate fare cose “da nerd” con lo smartwatch come regolare le luci di casa, controllare da remoto altri hardware o interfacce, forse Android Wear fa più al caso vostro. Se invece amate fare cose più “standard” e intuitive, allora Pebble Time fa per voi.

3. Batteria e autonomia

Qua c’è poco da fare e da dire: il Pebble vince a mani basse. Tutti gli smartwatch Android Wear offrono al massimo 2 giorni di autonomia (molti solo 1), mentre il Pebble arriva tranquillamente a 7 giorni senza ricarica. Mica male.

Chiaramente i dispositivi Android Wear offrono un hardware più potente, schermi più belli a colori e altro ancora, ma se l’autonomia è quello che vi interessa, il Pebble fa per voi.

La grande autonomia del Pebble si spiega in fretta: il display e-paper consuma pochissima batteria, mentre il display LCD oppure OLED dei dispositivi Android Wear consuma molta, ma molta batteria. Dovete scegliere voi se il display LCD o OLED è indispensabile: se però preferite avere più autonomia sul vostro smartwatch, la scelta diventa molto facile.

Confronto tra Android Wear e Pebble Time: cosa è meglio?

In conclusione, non c’è un vincitore assoluto in questo scontro, come per ogni cosa.

Tutto dipende dalle vostre esigenze e preferenze.

Con questo articolo, però, spero di avervi chiarito meglio le idee su cosa offrono Android Wear e Pebble Time e su quali sono i punti di forza e debolezza di entrambi. La scelta finale spetta a voi.

Voi da che parte vi schierate? Android Wear o Pebble Time? Fatecelo sapere nei commenti!

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!