Google dice basta alle app truffaldine sul Play Store

Google intensifica i controlli sulle applicazioni che utilizzano artifici per aumentare la loro visibilità.

Sono quasi due miliardi le applicazioni presenti sul Play Store di Google per Android e molte di queste scalano le classifiche in modo anomalo anche perchè sono usate tecniche ad hoc per aumentare la visibilità delle stesse. Google ha detto basta a queste modalità per rubare visibilità alle altre applicazioni in modo truffaldino. Ora c’è un nuovo processo che permette di controllare se le applicazioni utilizzano qualche stratagemma per eludere il SEO del Play Store per scalare le classifiche più velocemente.

https://i2.wp.com/2.bp.blogspot.com/-4RiqurQCf5Y/VbnQer83GoI/AAAAAAAAS-w/mRGaikeruOQ/s1600/applicazioni%2Bsponsorizzate%2Bgoogle%2Bplay%2Bstore.jpg?resize=640%2C549&ssl=1

Tra i metodi usati più di frequente troviamo recensioni false, create ad hoc da servizi a pagamento di agenzie di marketing, download impazziti anche questi realizzati ad arte e molto altro.

Tutto questo non piace a Google ed ovviamente vuole porre fine a questi stratagemma e sebbene siano vietate dai termini e condizioni per gli sviluppatori, sono migliaia le applicazioni che ad una prima analisi hanno utilizzato questi trucchetti per scalare le classifiche.

Ora però BigG ha messo in chiaro cosa vuole fare e vuole passare ai fatti mettendo ordine non solo alle applicazioni ma anche alle recensioni, voti e download che non corrispondono al vero. Infatti stando a quanto pubblicato da Apptentive il 45% delle app sul Play Store e ben il 55% di quelle dell’AppStore per iOS ha recensioni e download falsi.