Google Fuchsia: Ecco il sistema operativo del dopo Android

Google sta sviluppando un nuovo sistema operativo mobile che sarebbe tutto nuovo ed un mix tra Android e Chrome OS e che sarà unico per tutti i dispositivi.

Google è pronto a sfornare un altro sistema operativo, si chiama Fuchsia e sarà la fusione perfetta di Android e Chrome OS e che non sarà però basato sul kernel Linux. Infatti Fuchsia è appositamente sviluppato per dispositivi Internet of Things ma anche per smartphone e PC in modo da unificare mondi diversi con le stesse app e funzionalità e creare un ecosistema unico nel suo genere.

Il cuore è basato su LittleKernel, alternativo i sistemi che conosciamo poichè dedicato per i dispositivi embedded dalla piattaforma Magenta. Dunque nei prossimi anni assisteremo ad una vera rivoluzione dei sistemi operativi mobile di BigG che conosciamo adesso con una unificazione dei vari micro mondi a cui siamo abituati. Infatti al momento solo Microsoft ci ha provato sviluppando la base di un unico sistema operativo che si adattasse ai vari dispositivi che siano smartphone, tablet, computer o altri dispositivi.

Infatti Fuchsia potrà essere utilizzato su smartphone, tablet e computer sia su CPU ARM a 32 che a 64 bit ma anche CPU per PC Intel ed AMD a 64 bit e dunque universalmente compatibile. Il linguaggio di programmazione è Dart mentre l’interfaccia utente è basata su Flutter che permette di controllare i dispositivi attraverso i movimenti delle mani il tutto ovviamente basato sul Material Design di Android.

Al momento il tutto è in uno stato embrionale ma a breve Fuchsia sarà disponibile per il Raspberry Pi 3. Dunque il compito di Fuchsia è arduo, è sostituire entrambi i sistemi operativi di punta come Android e Chrome OS e fonderli in un’unica piattaforma. Vedremo cosa farà Google con Brillo, sistema operativo nato per dispositivi IoT.