Google I/O 2013: tutte le grandi novità presentate Google durante la conferenza raccolte in un unico articolo

Come ci aspettavamo, questo pomeriggio dalle 18 è partito a San Francisco l’evento Google I/O, una due giorni che vede protagonisti i prodotti di Mountain View, dai suoi servizi ai suoi dispositivi, passando per nuove tecnologie e gadget di ogni genere.

La prima conferenza del Google I|O si è appena conclusa, ma Google ha presentato davvero una valanga di novità, non solo legate al mondo Android.

Tante altre novità ci aspetteranno nei prossimi giorni, quindi, per fare un pò di chiarezza, abbiamo raccolto in un solo articolo le principali novità provenienti dalla convention di Google. 

A seguire trovate i vari link agli articoli dedicati che abbiamo pubblicato:

Di seguito, invece, trovate un breve riassunto delle altre novità meno rilevanti. 

Come avete sicuramente notato, la conferenza ha portato parecchie novità riguardanti il mondo Android.

Sul palco, Vic Gundotra, vice presidente di Google ha prima di tutto presentato e introdotto Sundar Pichai, il nuovo responsabile del mondo Android.

Interessante questa statistica: Android ad oggi è il sistema operativo mobile più utilizzato al mondo grazie alle 900 milioni di attivazioni! Non male!

Successivamente Hugo Barra inizia a presentare le principali novità per Android.

  • Nuove API per Google Maps, utili agli sviluppatori: arrivano nuove APIper integrare i servizi cartografici in maniera più efficace all’interno delle applicazioni di terze parti con nuove funzioni di geo-localizzazione che permetteranno di minimizzare i consumi. Google ammette che sfruttando tutti i sensori dei nostri smartphone è possibile consumare solamente 1% di batteria ogni ora con i nuovi servizi di geo-localizzazione attivi.
  • Nuova modalità di Cross Sign
  • Google Cloud Messaging: le notifiche adesso sono sincronizzate tra tutti i dispositivi. In pratica, se si eliminano dallo smartphone, spariscono anche dal tablet. Era ora!
  • Google Play Game service: consentirà agli utenti loggandosi di giocare da più device (Android, iOS e Web) e ricominciare il gioco esattamente da dove lo si era lasciato. Oltre al salvataggio, come abbiamo detto, troveremo anche la possibilità di invitare amici e giocare in multiplayer.

Ecco, nel dettaglio, le nuove API per la localizzazione:

  • Geofencing: vengono assegnati dei “punti” virtuali nella mappa per migliorare l’acquisizione della posizione
  • Fornitore di posizione in grado di consumare meno del 1% della batteria ogni ora
  • Riconoscimento attivo: grazie alle nove API si sarà in grado di identificare se l’utente sta camminando, andando in bicicletta o in macchina.

E’ stato presentato anche Android Studio, l’applicazione per sviluppatori che consente di creare e sviluppare facilmente applicazioni e programmi per Android. Gli sviluppatori in sala hanno apprezzato tantissimo questo strumento che semplificherà il loro lavoro. Questo permette di risparmiare tempo, ma dà anche la possibilità di bissare il gap con la concorrenza per quanto riguarda la qualità delle applicazioni presenti su Google Play Store, soprattutto per quanto riguarda le versioni per tablet. Uno dei tool più importanti è App translation service che permette in pochi click di tradurre la propria applicazione nella lingua desiderata, usufruendo di servizi dedicati ad ottenere traduzioni attendibili e perfette.

Novità importanti anche anche per il Play Store: cambia la grafica desktop, mentre finalmente sui tablet verranno evidenziate le applicazioni create appositamente per i display più grandi. Era ora anche in questo caso. Come detto sopra, anche la versione web del Play Store cambia grafica e si allinea alla versione smartphone e tablet. Una UI molto più simile a quella del Play Store Android con card più grandi, facili da navigare e una divisione laterale dei servizi che rende tutte le sezioni più pulite e immediate. Non mancano le novità a livello di servizi con Google Checkout leggermente rivisto e una serie di nuove opzioni per gli sviluppatori e la traduzione delle descrizioni delle applicazioni in “qualunque” lingua.

Tra i servizi presentati, poi, troviamo:

Arriva Google Music Play All Access: un servizio per ascoltare musica in streaming a pagamento simile a Spotify. Troviamo anche la possibilità di creare Radio personalizzate in base al genere di musica. La musica si potrà ascoltare da tutti i device, compreso via browser. Si pagherà 10$ al mese, ma per ora è disponibile solo negli USA.

E’ stato presentato il Galaxy S4 Google Edition: un S4 senza personalizzazioni di Samsung e che sarà aggiornato direttamente da Google grazie ad Android stock. In vendita nel Play Store USA dal 26 Giugno a 649 euro. Anche in questo caso abbiamo un articolo dedicato per maggiori dettagli.

Da Android si passa a Chrome, Chrome OS e Chromebook. A parlarcene è Sundar Pichai e Linus Upson, VP of Chrome Engineering, che elenca le ultime novità del browser di Google. Provando il gioco Racer: A Chrome Experience con più device coinvolti, i due relatori mostrano le prestazioni nettamente migliorate di Chrome grazie al nuovo formato di compressione perimmagini WebP e video VP9 (che diventerà lo standard per YouTube entro il 2013).

Google si approccia al mondo dell’educazione portando la tecnologia nelle mani degli studenti di tutto il mondo, così come fatto da Apple parecchi mesi addietro. Si tratta di un portale del Google Play Store che include tutta la serie di applicazioni ed i contenuti che possono risultare utili nell’ambiente didattico. Android e Chrome OS sono per Google due sistemi operativi destinati all’apprendimento e alle scuole e, dal prossimo autunno, integreranno Google Play for Education, che ospiterà esclusivamente applicazioni per gli insegnanti e gli studenti. In Malesia, i Chromebook sono già usati nelle scuole e più in generale nel settore educativo e dell’apprendimento.  Il servizio sarà disponibile in autunno, ma gli sviluppatori possono iniziare ad inserire le proprie applicazioni già da subito.

Da notare che al pubblico presente in sala Google ha anche regalato a tutti un Chromeboox Pixel. Un vero peccato non essere stati presenti in sala. 

Google ha aggiunto una funzionalità chiamata Checkout all’interno dei propri dispositivi mobile. Questa permetterà ad ogni utente di effettuare acquisti online mediante una procedura altamente semplificata, a differenza di adesso in cui servono almeno 27 passaggi diversi. Il pagamento verrà effettuato tramite Google Wallet, che contiene già le informazioni della carta di credito con cui desidereremo perfezionare l’acquisto. Questo sarà concluso in tre rapidissimi passaggi: premere il tasto relativo, verificare la correttezza dei dati inseriti, confermare. Più semplice di così non si potrebbe.

L’attenzione poi si sposta su Google+, che subirà nelle prossime ore un restyling, a 3 colonne, con l’introduzione di 41 nuove features, tra cui una nuova timeline per far fronte al numero sempre più crescente di utenti sul social network, supporto agli hashtag (anche automatico e suggerito, con un’analisi sul flusso di notizie) e nuova UI.

Hangouts, oltre al servizio integrato in Google+, diventerà un un nuovo sistema di messaggistica unificata (con videochiamate) per Android, iOS e Chrome disponibile da oggi. Google+ Photo viene rinnovato e consentirà di caricare le foto delle nostre fotocamere o dispositivi portatili direttamente in Google+, in modo automatico alla massima risoluzione, modificandole con il nuovo strumento Auto-enhance e Auto Awesome.

Arriva anche il tanto atteso Hangouts, il nuovo sistema di messaggistica unificata compatibile con Android, iOS e Chrome! E’ già disponibile per tutti gratuitamente. Per Chrome lo potete scaricare qui https://t.co/0c4GVxzniq

Novità anche per Google Search, che ci consentirà di interagire con la ricerca grazie a Knowledge Graph, introdotto lo scorso anno, e disponibile da oggi in polacco, turco, cinese e cinese semplificato. Google Now si estende anche ai PC desktop (e non solo ai dispositivi Android) e darà la possibilità all’utente di conversare con Google, come accade con Apple Siri. Non più un motore di ricerca, ma un vero assistente personale che prenotare tavoli nei ristoranti, taxi, voli e appuntamenti per contro vostro. Da oggi su Chrome e Chrome OS.

Arrivano aggiornamenti anche per Google Search, Music e Libri per dispositivi Android.

In arrivo anche il nuovo Google Maps per Android, iOS e browser web, che porterà tantissime novità e funzionalità. Le abbiamo viste nell’articolo dedicato. La novità principale, però, riguarda proprio l’interfaccia, che sarà completamente ridisegnata nella versione desktop.

Il keynote si chiude dopo oltre 3 ore, durante le quali sono state presentate veramente tantissime novità. E nei prossimi giorni arriveranno altre news che noi seguiremo per voi!

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!