Nexus 4 di Google è stato un disastro. Previsioni di vendita errate e clienti infuriati per le lunghe attese: un esempio di come sbagliare le valutazioni può portare l’effetto contrario in Rete

Poco fa, girando per il web, ho trovato un interessante articolo su Ninjamarketing riguardante il Nexus 4, il nuovo smartphone Android di Google, prodotto e lanciato in collaborazione con LG. L’articolo mi sembra particolarmente interessante e per questo ho deciso di condividerlo con voi, arricchendolo con qualche considerazione personale ovviamente.

Gli utenti Android sicuramente conosceranno tutte le vicende che, ormai da settimane, hanno come oggetto il Nexus 4 di Google.

Per tutti gli altri utenti, questo articolo rappresenta un semplice riassunto di tutto ciò che ha riguardato, in questo ultimo mese, la commercializzazione del Nexus 4.

Google Nexus 4: un esempio di quello che non si deve fare nel commercio elettronico

Nexus 4: un disastro annunciato

Non appena si è scoperto che il Nexus 4 sarebbe stato prodotto da LG per Google, mi sono messo le mani nei capelli.

Molti di voi mi hanno accusato di essere imparziale, non oggettivo e altro ancora.

Il risultato, però, è stato un disastro vero e proprio. Telefono venduto a pochissimi $ negli USA, esaurito in pochi minuti, tantissimi utenti scontenti negli USA a causa delle attese lunghe per avere lo smartphone, utenti imbestialiti in Italia perchè qui da noi il device non arriverà. E potrei andare avanti ancora.

Ma vediamo tutto nei dettagli. 

Venduto inizialmente soltanto nei Play Store online di Google, il nuovissimo Nexus 4 è andato a ruba in tutta Europa: utenti in Francia, Spagna, Germania e UK non hanno avuto nemmeno il tempo di veder comparire l’offerta che i pochi, anzi, pochissimi terminali a disposizione erano già finiti.

Certamente il prezzo offerto da Google per il suo smartphone di ultima generazione è davvero invitante, sia per il taglio di memoria da 8Gb (299€) che per quello da 16 Gb (379€).

Fin qui tutto sembra normale.

Nexus 4 è un ottimo smartphone, veloce, potente e aggiornato, venduto a un prezzo molto competitivo da Google sul Play Store, sia in USA che in alcuni store selezionati nel nostro continente.

Ma allora dove è il problema?

Il problema è semplice: in poche ore gli smartphone disponibili sono esauriti, molti utenti adesso lo vorrebbero acquistare, ma non possono farlo perchè non esistono esemplari disponibili tra le scorte di Google. Non si sa quando ne arriveranno altri e addirittura in alcuni Paesi come l’Italia lo smartphone non sarà proprio venduto a causa dei pochi dispositivi disponibili.

E, in tutto questo, Google ed LG si accusano a vicenda per scaricare le colpe l’uno sull’altro. 

Quando un azienda ha delle difficoltà con un prodotto o in questo caso con i suoi clienti, quello che dovrebbe fare è prima di tutto svolgere una politica di comunicazione chiara, riconoscere gli errori e lavorare per risolvere il problema recuperando così la propria brand reputation.

Se è vero che da un lato Google ha accusato LG di ritardi nella produzione, dall’altro non si può omettere che il sistema di vendita del nuovo smartphone è collassato dopo appena 15 minuti.

Il problema, secondo Google, è stato il numero impressionante di utenti che hanno cercato di acquistare il prodotto, facendo arrivare le scorte a zero in appena 15 minuti. Ma, a quasi un mese dalla sua comparsa, il Nexus 4 risulta essere ancora sold-out nei paesi in cui è commercializzato, dando la sensazione di un “caos” persistente all’ interno dei Play Store Online di Google.

Google Nexus 4: un esempio di quello che non si deve fare nel commercio elettronico

Ovviamente la compagnia non ha confermato nè rilasciato nuove notizie a riguardo.

Tenendo conto che il Nexus 4 è stato presentato come prodotto top class, non è pensabile che le previsioni di domanda siano state totalmente sottovalutate, soprattutto in vista del periodo festivo e a discapito delle migliaia di utenti che hanno cercato di comprare il dispositivo ad un prezzo accessibile.

Google Nexus 4: un esempio di quello che non si deve fare nel commercio elettronico

Anche la scelta del Play Store come unico canale di acquisto ha fatto si che i problemi per Google fossero maggiori: senza altre modalità di distribuzione, con una previsione di vendita e disponibilità dei prodotti inferiori rispetto alla richiesta del mercato il risultato è stato un danno alla propria immagine molto grave, senza contare il numero crescente di dispositivi venduti a prezzi irragionevoli su altre piattaforme di vendita online come ebay.

In Italia alcuni store online hanno provato a rivendere i Nexus 4 importati dagli USA o dalla Germania, ma i prezzi sono proibitivi: oltre 550€.

Insomma, come potete notare Google ha fatto un bel casino con questo Nexus 4. Stranamente il tutto è successo l’unica volta che il produttore è LG. Con i vecchi Nexus, prodotti da Samsung e HTC, non avevamo mai avuto nessun tipo di problema e i dispositivi erano arrivati anche in Italia senza intoppi.

Di chi sarà la colpa? Difficile dirlo. In ogni modo speriamo solo che col prossimo Nexus le cose cambino, altrimenti Google rischierebbe davvero grosso.

Via

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!

  • E tutto questo xk, google ha affidato a quelli incompetenti di LG il nuovo Nexus?