Il Google Play continua a crescere con un aumento del 50 % rispetto al 2013

https://lh4.googleusercontent.com/x7T5TwevNVYaWzbWsO7NOtKVMVfWZAnhOhyVbyFfWBZTYMWySri1n0dUBQvXuG5wN75T1lSs9uSZKAfPE_sB_1yJ2ZGz33JxvI5o3gQiDWCUngB5UYlBE2lhVvuDkwDZ7Q

Android è il sistema operativo mobile più diffuso al mondo. Circa l’80% di tutti gli smartphone venduti ha installato il famoso robottino verde, e sebbene il gap con iOS di Apple sia stato quasi colmato, alcune differenze risiedono ancora dei rispettivi store delle applicazioni.

Infatti sin dagli inizi, l’App Store attira sempre più sviluppatori perchè i guadagni sono maggiori, ma secondo recenti studi, dimostrano che il Google Play Store stia recuperando terreno e gli incassi siano quasi raddoppiati rispetto al 2013. L’impennata degli incassi si è registrata durante tutto il primo trimestre del 2014 fino a sfiorare quota 50% , rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Le applicazioni scaricare sullo store Google, oramai ha superato quota 1.5 milioni e la tendenza è sempre di incredibile crescita. Se da un lato, le applicazioni totali disponibili sono quasi 1 milione (circa 930.000) le installazioni stanno per diventare quasi doppie. Questo è un dato incoraggiante per gli sviluppatori poichè l’installazione dell’app fa guadagnare agli sviluppatori che rispetto ai primi 3 mesi del 2013 hanno incassato ben il 240% in più.

Negli Stati Uniti si scarica di più, con un incremento del 20% in un anno, ma Brasile (+160%), Russia (+90%) e India (+50%) sono le nazioni dove l’incremento è stato maggiore. Mentre per quanto riguarda i profitti, in Giappone (+140%), USA (+160%), Corea del Sud (+90%), Germania (+250%) e Regno Unito (+140%) dove si è più propensi a spendere nell’acquisto di app.

Guidano questa speciale classifica i giochi che ovviamente fanno incassare di più gli sviluppatori che grazie ai cosiddetti giochi freemium spingono l’utente a spendere per completare il gioco come anche gli acquisti in-app.

Insomma se Google facesse un po di attenzione alla sicurezza della app pubblicate sul Play Store e soprattutto imponesse degli standard qualitativi per le app potrebbe veramente spazzare via l’AppStore di Apple.

Via