Xposed Android: cosa è, come funziona, come si usa, quali sono i migliori moduli

Xposed Framework: esploriamo il ”Cydia” di Android. 

Xposed è il framework dei nostri sogni: permette di modificare qualsiasi cosa di Android in pochi semplici passi. E il programma perfetto per tutti gli smanettoni.

Xposed-Framework-for-Android-Guide

In questi giorni abbiamo tanto sentito parlare di Xposed per Android, ma sono sicuro che solo pochi di voi conoscono davvero questo Xposed e sanno cosa consente effettivamente di fare. Ecco perchè ho deciso di aiutarvi a conoscere meglio Xposed per Android scrivendo una guida dettagliata e precisa che vi permetterà di andare a conoscere meglio questo interessante programma per smartphone e tablet Android.

Iniziamo facendo un semplice paragone, in modo da semplificare un pò le cose agli utenti meno esperti. Allora, tutti voi conoscete Cydia e il jailbreak per iPhone. Immaginate che il Jailbreak dell’iPhone corrisponda al root del vostro dispositivo Android, mentre Xposed corrisponda a Cydia per iPhone. Come su iPhone serve il jailbreak per avere Cydia, su Android serve il root per avere Xposed. Xposed è un programma che permette, grazie ad appositi moduli (una sorta di sotto-programma), di personalizzare al 100% il vostro smartphone e tablet Android.

Grazie ai privilegi di root, Xposed permette di cambiare grafica, funzioni, impostazioni, icone, funzionalità al vostro dispositivo Android in modo semplice, facile ed immediato. Ma torniamo a fare il nostro paragone con iPhone. Dopo aver scaricato Cydia sul vostro iPhone, in pratica non noterete differenze reali sul vostro smartphone: questo perchè Cydia è un semplice portale, una base di partenza che vi permette di modificare, personalizzare e cambiare funzionalità al vostro iPhone installando programmi aggiuntivi, che possono essere scaricati gratuitamente o a pagamento da Cydia. Ancora una volta, Xposed è identico a Cydia: una volta installato, non vi accorgerete della sua presenza, perchè per sfruttare Xposed dovrete scaricare e installare “pacchetti” aggiuntivi, chiamati moduli di Xposed, disponibili gratuitamente o a pagamento.

Xposed è una sorta di base di partenza, necessaria per installare i singoli moduli, che vi permetteranno appunto di personalizzare a fondo il vostro dispositivo Android. Cydia su iPhone contiene al proprio interno una serie di repository da cui è possibile installare applicazioni di ogni tipo, da Winterboard ad Auxo fino a Velox, che vanno a modificare ogni singola parte del sistema: transizioni, barra di stato, trasparenze, barra del multitask e così via. Come detto, Xposed è una sorta di Cydia per Android, che vi permette di stravolgere praticamente ogni funzionalità del vostro dispositivo. Non sarà più necessario cambiare firmware su Android, vi basterà utilizzare Xposed per personalizzare e modificare ogni singolo aspetto del vostro device, e non solo a livello grafico, ma anche per quanto riguarda le funzionalità del sistema operativo.

La filosofia di Xposed Framework è semplice: il programma permette di modificare il proprio sistema Android in modo estremamente facile e immediato e, in pratica, porta il modding su Android a un livello veramente semplice e banale, in modo che chiunque possa personalizzare il proprio Android facilmente e velocemente, senza che sia necessario cambiare firwmare e formattare ogni volta il dispositivo.

Requisiti Xposed Android

Per fare funzionare Xposed per Android è necessario l’accesso root ed Android 4.0.3 o superiori.

Come installare Xposed su Android

Prima di fare qualsiasi cosa, fatevi un bel backup del vostro dispositivo Android. Se avete una recovery modificata, consiglio di fare un bel Nandroid Backup in modo da ripristinarlo facilmente e velocemente in caso di problemi. Va comunque detto che è praticamente impossibile fare danni allo smartphone o al tablet Android con Xposed, ma non si sa mai.

Dopo una veloce panoramica su Xposed per Android, è arrivato il momento di installarlo per provarlo in prima persona.

Il framework si installa con un semplice APK che possiamo reperire da qui: LINK | Xposed Framework.

[Guide] Getting started with Xposed Framework-xposed1-copy-copy.png

[Guide] Getting started with Xposed Framework-xposed2.png

Una volta installato, avviatelo. Al primo avvio dovrete abilitare il framework, tappando su Framework e selezionando installa. In questo modo, con un paio di click, avete concluso l’installazione e l’aggiornamento del framework e per attivarlo definitivamente è necessario un riavvio del terminale.

Migliori Moduli Xposed Android

[Guide] Getting started with Xposed Framework-xposed1.png

Come vi abbiamo anticipato, da solo Xposed non serve a niente in pratica. Per usarlo, infatti, dovrete scaricare e installare manualmente i singoli moduli di Xposed, che sono tutte quelle applicazioni che possono andare a modificare vari parti del sistema.

I moduli di Xposed possono essere scaricati e installati in due modi:

  • manualmente: li cercate sul web, magari su XDA, li copiate sul telefono e li installate con un normale file manager (sono normalissimi APK)
  • dal programma: c’è una sezione download che vi permette di scaricare i moduli Xposed in modo facile e veloce. Di default ci sono tanti moduli all’interno di questa sezione, ma se volete dei moduli particolari li dovete cercare manualmente su Google ed XDA. Per ogni modulo, all’interno del programma, troverete anche una breve descrizione per capire di cosa si occupa e cosa permette di fare.

Scegliete voi la modalità di download da seguire.

[Guide] Getting started with Xposed Framework-xposed3.png

Come per Cydia, anche per Xposed sono disponibili infiniti moduli da scaricare e utilizzare liberamente sui vostri dispositivi Android. Il problema è che ne esistono così tanti che trovare quelli migliori è davvero difficile. Per questo troverete di seguito la lista con i migliori moduli di Xposed da scaricare e installare sui vostri dispositivi Android. Ovviamente cercheremo di tenere aggiornata la lista il più possibile, ma solo con il vostro contributo potremo renderla davvero completa, per cui, se conoscete dei moduli di Xposed che non sono presenti in lista, non esitate a segnalarli nei commenti.

Scaricare un modulo non basta per attivarlo e renderlo operativo. Una volta che avrete scaricato il modulo di vostro interesse, per attivarlo dovete procedere manualmente. Ogni volta che installate un modulo Xposed su Android, compare una notifica nella barra delle notifiche. A questo punto, a installazione terminata, dovete cliccare sulla notifica e arriverete alla sezione Moduli di Xposed. Da qui potete attivare e disattivare i singoli moduli di Xposed cliccando sulla casella che si trova di fianco al loro nome.

 Xposed Framework for Android 10

In questo modo potete attivare e disattivare i singoli moduli di Xposed su Android. Facile, vero? Come abbiamo detto, per rendere operative le modifiche dovrete riavviare il vostro device.

Se volete maggiori dettagli su Xposed li trovate qui: Xposed Framework on XDA-Developers

Ora ecco a voi la lista con i migliori moduli Xposed per Android. 

3Dot Menu per Xposed Android

Immette in tutte le applicazioni il tasto menu, che sulla maggior parte dei device viene nascosto a causa della presenza dell’apposito tasto sul terminale.

Pie Controls

Gravitybox per Xposed Android

Si tratta di un tweak davvero fenomenale, davvero sbalorditivo, che consente da solo di stravolgere il vostro Android. Ad esempio, è possibile posizionare l’orologio al centro, cambiare le scritte del provider in proprie frasi sia nella lockscreen che nel pannello delle notifiche e tante altre cose. Nello stesso tempo, permette di aggiungere una sorta di Pie Control sul vostro Android, proprio come quello che troviamo nei custom firmware Paranoid Android. Questo modulo farà davvero tantissime modifiche e personalizzazioni al vostro device, sicurametne è da provare. Ecco una breve lista delle cose che vi permetterà di fare Gravitybox per Xposed. 

Lockscreen Tweaks

Lockscreen Lockscreen tweaks

Aggiunge un cerchio colorato che indica la carica rimanente della batteria attorno all’anello che solitamente è presente nella lockscreen su Android. E’ altamente personalizzabile e consigliato per chi utilizza Dashclock widget.

Status Bar Tweaks

Satus bar

Permette di personalizzare completamente la barra di stato di Android: potete colorare il testo, cambiare l’icona della batteria e sostituirla con un cerchio, personalizzare l’orologio per mostrarlo al centro e tanto, ma tanto altro ancora.

Power Menu Tweaks

Power menu

Aggiunge nuove funzionalità al menù Power di Android. Vi permette ad esempio di avere a disposizione maggiori funzionalità per il riavvio, potete riavviare direttamente lo smartphone o il tablet Android in recovery, scattare e catturare screenshot, fare una registrazione video di quello che succede sullo schermo e tanto altro ancora. Avrete davvero tantissime opzioni a disposizione.

Navigation Bar Tweaks

Potete spostare e cambiare la disposizione dei tasti di navigazione di Android. Particolarmente indicato per quegli smartphone che hanno i tasti virtuali, per invertire la loro disposizione, per spostare il tastoIindietro e quello Home o anche solo per cambiare colore e dimensione di questi tasti.

Phone Tweaks

Grazie a questo modulo di Xposed potete assegnare allo smartphone determinate azioni da compiere quando sta squillando. Ad esempio, se lo smartphone squilla e voi lo girate, potete fare in modo che la suoneria si azzeri, che la chiamata venga rifiutata in automatico o altro ancora. Potete anche avere la foto di chi vi sta chiamando direttamente in full screen, cosa non supportata nativamente da tutti gli smartphone Android.

Insomma, GravityBox è davvero impressionante. Ecco un risultato finale di come potrebbe apparire il vostro device Android dopo che lo avrete personalizzato un pò con questo modulo di Xposed.

Pie Controls Transparent recent

Non male, vero? Con GravityBox potrete veramente trasformare completamente ogni aspetto e funzionalità del vostro dispositivo Android. Non manca, ovviamente, la possibilità di aggiungere vari toggles alla barra delle notifiche e di personalizzarne grafica e funzionalità e, usndo questo tweak, scoprirete presto nuove funzionalità che non ho elencato per ora. Sicuramente da provare ed installare, vi offre un’infinità di personalizzazioni differenti per i vostri smartphone e tablet Android.

XPrivacy per Xposed Android

Xprivacy

XPrivacy permette di modificare le impostazioni della privacy per ogni singola app che avete installato. Ad esempio, se non volete che un determinato programma acceda ai vostri SMS, potete farlo con questo tweak. La vostra privacy sarà sempre al sicuro.

App Settings per Xposed Android

App Settings 2

App Settings permette di personalizzare alcune impostazioni sulle singole applicazioni che avete installato su Android. Ad esempio, per ogni app che avete installato su Android potrete cambiare le dimensioni del testo, il colore, la lingua di default, la risoluzione, la densità di pixel e tanto altro ancora. In questo modo avrete pieno controllo sulle applicazioni che avete installato sul vostro Android. Si tratta ovviamente di impostazioni avanzate che normalmente non potreste personalizzare e modificare.

Tinted Status Bar per Xposed Android

Tinted Status Bar

Tinted Status Bar cambia il colore della barra di stato di Android prendendo i colori dell’applicazione che state usando. Molto carina come idea.

Xposed Additions per Xposed Android

Xposed Additions

Questo modulo di Xposed permette di rimappare i tasti hardware fisici del vostro smartphone o tablet. Ad esempio, se un pulsante si rompe e non funziona più, potete emularlo via software o potete fare in modo di usare lo stesso pulsante per un’altra azione. Ad esempio, potete fare in modo che i tasti volume vi permettano di accendere o spegnere lo smartphone.

Alternative All-in-Ones a GravityBox per Xposed Android

Come abbiamo visto, GravityBox per Xposed è un tweak davvero completo sotto ogni punto di vista. Se però questo non vi piacesse, ecco qualche alternativa a GravityBox per Android:

  • Tweakbox
  • XblastTools
  • XuiMod

Tutti e 3 hanno funzioni simili.

Segnalo che per rendere effettive le modifiche dei singoli moduli di Xposed, dovrete riavviare lo smartphone. 

Ricordiamo che il vero  punto di forza di questi moduli ma anche dello stesso Xposed Framework è che si può applicare a qualsiasi ROM, a patto questa sia rootata. Con Xposed potrete dire addio ai custom firmware, per personalizzare Android come vorrete vi basterà Xposed con i giusti moduli. Anche sui firmware originali potete avviare e usare Xposed senza alcun problema, avrete solo bisogno del root.

Sicuramente possiamo affermare che Xposed sia un incredibile programma, utilissimo e davvero completo. Se non l’avete mai provato, è arrivato il momento di farlo. Penso che nei prossimi mesi questo programma sarà in grado di offrire ancora più funzionalità, fino a diventare la vera alternativa ai custom firmware per Android. Chi non vuole cambiare firmware, infatti, con questo programma avrà gli stessi vantaggi e molti meno problemi. Che gran invenzione!

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!

  • Lave

    L unico neo… Speriam che qualche buon anima pia avesse la voglia di effettuare una versione in italiano, anche se, da quanto ho capito, credo che con i continui aggiornamenti, sarà davvero difficile starci a dietro…
    Cmq, me lo scarico perché son curioso di provarlo.
    Complimenti davvero per l ottima recensione!
    Lave

    • Grazie, sono felice che l’articolo sia stato apprezzato 😉

  • Eolovive

    Grazie , ottima guida.
    solo non capisco cosa sia quell’immagine sotto 3Dot … in sostanza, come ottieni quel menu rosso che arriva da destra?