Cina: App Store web-based permette di scaricare applicazioni illegalmente senza jailbreak

pirate-ios-app-store-from-china-01-680x511

Come abbiamo ribadito più volte anche su YourLifeUpdated, il jailbreak è una procedura indispensabile per chiunque voglia personalizzare un pò il proprio dispositivo Apple, sia esso un iPhone, un iPod o un iPad.

Con il jailbreak, infatti, è possibile installare Cydia, un portale di applicazioni alternativo che consente agli utenti di scaricare e installare i cosiddetti tweak, che sono in sostanza delle modifiche al sistema operativo iOS di Apple. Grazie a Cydia, ai tweak e a chi li sviluppa, è possibile superare le tantissime limitazioni che Apple impone al proprio sistema operativo ed è possibile personalizzare il dispositivo in base ai propri gusti e alle proprie preferenze.

Con i tweak di Cydia e il Jailbreak, infatti, è possibile cambiare tema al proprio iPhone, aggiungere widget in stile Android alla home, personalizzare la lockscreen e la homescreen, cambiare le informazioni mostrate nella barra delle notifiche di sistema, aggiungere degli switch rapidi per le impostazioni di sistema, sbloccare il bluetooth e tanto altro ancora. In pratica, esiste un tweak per ogni occasione e necessità.

Ma il jailbreak consente anche di scaricare e installare applicazioni craccate su iPhone, iPod e iPad. Con il jailbreak e alcuni tweak particolari, infatti, è possibile scaricare e installare gratis praticamente qualsiasi applicazione che normalmente sarebbe a pagamento. Si tratta di un’operazione illegale, che ovviamente ad Apple non va molto a genio: ecco perchè, ogni volta che viene rilasciato un nuovo tool per il Jailbreak, Apple corre ai ripari per cercare di contrastarlo.

Fino ad oggi, l’unico modo per installare applicazioni a pagamento in modo gratuito era offerto dal jailbreak. Senza di esso, infatti, era possibile scaricare e installare le applicazioni a pagamento su iPhone, iPod e iPad solo acquistandole regolarmente da AppStore, pagando il prezzo richiesto dagli sviluppatori.

Ma le cose stanno per cambiare. Anzi, in Cina sono già cambiate!

Il sito TechInAsia ha segnalato nella giornata di ieri che il sito cinese 7659.com è riuscito a creare una particolare procedura che consente agli utenti di scaricare e installare tranquillamente su iPhone, iPod e iPad qualsiasi tipo di applicazione che normalmente sarebbe a pagamento, anche senza jailbreak!

Il portale fa capo ad una società che si chiama YouRanTianDi Technology con sede a Pechino. Mediante un’applicazione che si scarica all’interno del computer, il sito permette di effettuare il download delle applicazioni gratuitamente. Il tutto funziona mediante lo sfruttamento delle licenze business che permettono, in teoria, di far scaricare ai propri dipendenti un numero illimitato di applicazioni contenute nel portafoglio aziendale. In base alle recenti statistiche, il portale ha permesso di dimezzare il numero di dispositivi sottoposti al jailbreak in Cina.

L’autore del progetto sarebbe tale KuaiYong, un hacker noto per aver realizzato altri progetti simili in passato, che avrebbe utilizzato delle licenze particolari per superare i sistemi di sicurezza che consentono alle applicazioni dell’App Store di non essere piratate. Il nuovo sito 7659.com è essenzialmente solo uno store in cui è possibile prelevare le app opportunamente modificate e installarle sul proprio iPhone, iPod touch o iPad. Il tutto, come abbiamo detto, senza jailbreak! Sarà come installare una qualsiasi app gratuita su iPhone, con la differenza che queste, almeno in linea teorica, sarebbero a pagamento.

L’ingegnoso hacker cinese ha voluto mantenere un basso profilo al di fuori del suo stato per evitare di catturare l’attenzione dei media stranieri, ma a quanto pare non è riuscito nel suo intento, visto che ne parlano i media di mezzo mondo. Per cercare di limitare la diffusione del servizio, però, il sito è disponibile solo in lingua cinese e inoltre utilizza la geolocalizzazione per reindirizzare i visitatori all’esterno della Cina: gli utenti che non accedono al sito dalla Cina, infatti, non possono svolgere nessuna operazione sul portale (non ho provato con un proxy o con un IP modificato, se qualcuno di voi lo prova ci faccia sapere se funziona).

Come reagirà Apple a questo nuovo affronto? In passato Apple ha combattuto duramente siti come AppTrackr, portandolo alla chiusura, ma in questo caso la situazione è leggermente diversa. Secondo 9To5Mac, infatti, l’azienda dovrà procedere con cautela in Cina dopo aver perso alcune dispute legali per la questione della garanzia dei dispositivi (Tim Cook si è scusato personalmente con i clienti).

Noi, come sempre, vi terremo aggiornati e vi faremo sapere se il sito dovesse essere reso disponibile anche agli utenti che non risiedono in Cina. 

Nel frattempo, se avete fatto il jailbreak, potete dare un’occhiata a questi nostri focus:

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!