Apple spinge sull’adozione dello standard HEIF: Vicina la morte delle immagini JPEG?

Il formato JPEG delle immagini è destinato ad essere sostituito da HEIF. Stessa qualità ma pesano la metà

Il JPEG, formato nato nel 1992 per standardizzare la diffusione delle immagini digiali, in tutti questi anni si è evoluto pochissimo andando a migliorare poco rispetto ad oltre 20 anni fa.

Dunque si è raggiunto quasi subito il limite di sviluppo di questa standard per immagini e foto in digitale e da qualche anno i giganti della tecnologia stanno sviluppando nuove soluzioni.

La soluzione si chiama HEIF, acronimo di High Efficiency Image File Format, e rappresenta la naturale evoluzione del JPEG con la stessa qualità ma con un peso in MB della metà.

Durante l’ultimo WWDC di San Jovè, Apple ha presentato agli sviluppatori l’intenzione di passare alla nuova tecnologia di memorizzazione e gestione delle immagini che porterà tanti benefici.

Infatti tra i punti di forza oltre ad occupare la metà dello spazio su memoria, HEIF supporta le immagini Live, la funzione Cinemagraph, che sono immagini animate composte da soggetti fissi e mobili, HDR e molto altro.

Dunque i benefici sono davvero tanti e sono sicuro che questo standard prenderà piede molto velocemente anche se il buon e caro vecchio JPG sarà duro da morire visto che in un quarto di secolo di vita ha creato di fatto lo standard universalmente riconosciuto e supportato da milioni di dispositivi.

Infine HEIF dovrà superare lo scoglio maggiore, cioè affermarsi in altre realtà al di fuori di Apple, poichè oltre all’azienda dalla mela morsicata, altri giganti non adottano e leggono questo tipo di immagini, come Google, Adobe ed altre grosse aziende del settore.

Che inizi la lotta allo standard del “dopo JPG” oppure HEIF avrà successo?

1 COMMENT

  1. Per ora chi ha installato iOS 11 si lamenta di questo formato..vedremo se le cose miglioreranno con i futuri aggiornamenti..ma probabilmente anche Android e altri adotteranno questo formato in futuro..occupa effettivamente la metà dello spazio

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here