http://img.prntscr.com/img?url=http://i.imgur.com/0DbCtBl.png

Se Apple fa registrare sempre numeri da paura anche se non come un tempo, la casa della mela morsicata inizia a mostrare i primi segni di cedimento. Da un lato i nuovi iPhone non tirano più come un tempo, lo dimostrano i dati sottotono rispetto alle previsioni ma ora Apple deve iniziare a rivedere un altro suo settore.

Infatti secondo recenti dati, Apple ha spedito il 40% in meno di notebook in questo inizio 2016 e che fanno registrare il tonfo negativo maggiore da 20 anni a questa parte.

I dati sono stati pubblicati da TrendForce (immagine in apertura articolo) che mostra come i nuovi notebook Apple siano letteralmente crollati in questi mesi forse anche per merito dei PC con Windows 10 che vendono bene ed hanno anche un prezzo decisamente inferiore a quelli Apple.

Se po si mettiamo una scarsità di modelli presentati, l’impossibilità di fare offerte ed abbassare il prezzo, il conto è presto fatto con Apple che deve stare a guardare gli avversari vendere molti più desktop.

I dati sono impietosi ed ormai la cadenza precisa dei rilasci di Apple fa si che gli appassionati ad esempio non acquistino il loro iPhone prima dell’estate, tanto poi a Settembre viene presentato quello nuovo, così come i possessori di notebook che aspettano una nuova versione ogni 2/3 anni e dunque il mercato diventa saturo entro qualche mese dalla presentazione non consentendo ad Apple di aumentare le sue quote.