Apple sotto inchiesta per le condizioni di lavoro in Cina

Apple è sempre sotto i riflettori per quanto riguarda le condizioni dei lavoratori Cinesi che assemblano i suoi prodotti. Negli ultimi 3 anni, più volte abbiamo segnalato le condizioni di lavoro, disumani, che sono costretti a subire i lavoratori Cinesi nelle fabbriche scelte da Apple che costruire iPad, iPod ed iPhone ma questa volta c’è di mezzo anche la BBC che ha fatto un reportage sulle condizioni di lavoro in Cina.

Infatti sembrerebbe che le aziende orientali non rispettano le norme imposte dalla California, almeno è quanto è emerso dal servizio fatto dalla BBC tramite un lavoratore in incognito nelle fabbriche “Apple”. Numerosi sono i casi di suicidi e di proteste dei lavoratori nella fabbrica di Foxconn dove, secondo la BBC, vengono mostrate violazioni gravi ai diritti e alla salute degli operai.

Dunque BBC in collaborazione con The Fair Labour Association, gruppo indipendente che ha accesso alle linee di produzione, avrebbero attestato che i lavoratori avrebbero a cui è stato garantito l’accesso sulle linee di produzione. Eppure anche dopo i numerosi controlli ed inchieste non molto è cambiato sulle linee di produzione dove anche nelle catene dove vengono prodotti gli iPhone 6, in Pegatron, le condizioni di lavoro sono disumane con lavoratori sono costretti a turni anche di 16 ore tanto da dormire direttamente sulle linee di produzione durante la loro pausa.

Proprio dopo la trasmissione del servizio della BBC, Tim Cook ha dichiarato di essere “profondamente offeso” dalle accuse della BBC e che nelle loro linee si rispettano le condizioni di lavoro, anche se a detta di molte indagini ed inchieste che mostrerebbero il contrario. Dunque Apple nega anche davanti all’evidenza.