Come accedere alla galleria di iPhone usando Siri senza conoscere il codice di blocco. Sbloccare iPhone senza conoscere codice di blocco: è possibile usando Siri

iPhone Apple

Come scavalcare il codice di blocco di un iPhone usando Siri

Il tuo iPhone è meno sicuro di quel che sembra, anche se hai installato l’ultima versione del sistema opertivo iOS di Apple. Non sto scherzando, anche se hai protetto il tuo iPhone con un codice di blocco che nessuno (a parte te) conosce, è comunque possibile sbloccare il tuo iPhone tramite Siri e accedere alla galleria in cui sono raccolte tutte le tue foto personali e private.

Non ci credi? Leggi questo articolo fino in fondo e scopri quanto è facile aggirare il codice di blocco di iPhone usando Siri. Chiunque, anche se non conosce il codice di blocco del tuo iPhone, può aggirare questa protezione sfruttando Siri e arrivare direttamente alla tua galleria fotografica, in cui potrà poi vedere tutte le tue foto.

Vediamo insieme come è possibile sbloccare un iPhone senza conoscere codice di blocco tramite Siri. 

Come anticipato, anche se hai impostato un codice di blocco sicuro e segreto per mantenere la tua privacy protetta su iPhone, non puoi comunque essere al sicuro, soprattutto se hai Siri attivo sul tuo smartphone.

Infatti, se hai attivato Siri sulla schermata di blocco del tuo iPhone, un aggressore può accedere alle tue foto anche senza conoscere il codice di blocco di iPhone e senza usare l’impronta digitale. 

Il pericolo in questione è stato segnalato da Bitdefender, società che produce uno dei migliori antivirus oggi in commercio e che da sempre è molto attiva sul fronte sicurezza. L’azienda, oltre ad aver segnalato la falla, ha anche spiegato in dettaglio la tecnica usata, cioè il metodo da seguire per sbloccare iPhone senza conoscere il codice di blocco. 

La cosa incredibile è che, oltre ad essere tremendamente semplice, la falla non è ancora stata corretta da Apple. 

Ecco come una qualsiasi persona può sbloccare iPhone senza sapere e conoscere il codice di blocco. 

Il procedimento è molto semplice, alla portata di tutti, anche dei meno esperti: basta solo un pò di abilità e scaltrezza. In pratica, infatti, l’aggressore deve avere accesso fisico al tuo iPhone (non può agire via Internet) e deve conoscere il tuo numero di telefono (cosa piuttosto facile, visto che basta chiederlo a Siri).

Fatto questo, l’aggressore chiama il tuo numero, seleziona sul tuo iPhone un messaggio per rispondere alla chiamata e ordina a Siri di attivare la funzione VoiceOver (che usa una voce automatica per leggere il contenuto dello schermo per chi ha problemi di vista).

Dopo alcuni altri passaggi che richiedono soltanto un po’ di rapidità e tempismo, diventa possibile accedere all’album delle foto usando l’espediente di aggiungere un nuovo contatto fittizio.

Ma questo metodo non permette solo di accedere alla tua galleria fotografica, visto che anche i messaggi sono accessibili seguendo questo trucchetto.

Insomma, con un semplice trucchetto chiunque può aggirare il codice di blocco del tuo iPhone ed accedere a messaggi e galleria. Una cosa bella grave, no?

Quali iPhone sono a rischio sicurezza?

A quanto pare, il difetto di sicurezza vale per iPhone e iPad (usando il nome FaceTime della vittima al posto del suo numero di telefono) e per tutte le versioni di iOS dalla 8.3 in poi fino alla versione più recente, la 10.2 beta.

Una dimostrazione in video è di seguito:

Come fare per evitare questo problema di sicurezza su iPhone?

Sicuramente Apple rilascerà un aggiornamento che correggerà questa falla, ma il problema resterà per tutti gli iPhone meno recenti (per esempio l’iPhone 4S), che Apple non aggiorna. Se hai uno smartphone vecchio che non viene aggiornato da Apple, segui i passaggi che trovi qua sotto per mettere in sicurezza il tuo iPhone. 

Come rimediare velocemente al problema e chiudere la falla di sicurezza su iPhone

Per rimediare a questa falla è possibile andare in Impostazioni – Touch ID e codice e poi disattivare la voce Siri in Consenti accesso se bloccato.

Ecco fatto: in questo modo sei riuscito a mettere una pezza al problema. Tutti gli altri, invece, possono aspettare che Apple rilasci un aggiornamento che corregge il problema o agire manualmente per pezzarlo.

Via http://attivissimo.blogspot.it

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!