Come installare Mac OS X El Capitan da USB. Guida per installare OS X El Capitan da chiavetta USB. Installazione Mac OS X El Capitan da USB

Guida completa e dettagliata per installare Mac OS X El Capitan da USB

Ecco la guida per fare l’installazione di Mac OS X El Capitan da USB

Disponibile OS X 10.11 El Capitan: il nuovo sistema operativo per Mac promette “migliorie e perfezionamenti”. Si scarica gratis dal Mac App Store. Da ieri sera Apple ha ufficialmente rilasciato OS X 10.11 El Capitan sul Mac App Store in un archivio da 6.08 GB.

Guida per l’installazione pulita da zero di El Capitan da USB

OS X 10.11 integra aggiornamenti relativi a gestione delle finestre, alle app integrate, nelle funzioni di ricerca con Spotlight e miglioramenti nelle prestazioni. Esteticamente non cambia molto; i cambiamenti più importanti, infatti, sono nei “motori interni”.

Di particolare rilievo è l’integrazione di Metal, tecnologia grafica Apple che promette di accelerare Core Animation e Core Graphics e incrementare la velocità del rendering a livello sistema sfruttando meglio CPU e GPU e aumentare l’efficienza in generale.

El Capitan supporta tutti i Mac introdotti nel 2009 e in data successiva e alcuni modelli introdotti nel 2007 e 2008.

OS X 10.11 è stato rilasciato in versione beta agli sviluppatori l’8 giugno di quest’anno. Sono state nel frattempo distribuite varie versioni preliminari. Nel corso dei mesi di prova si è dimostrato un sistema operativo molto robusto e affidabile.

El Capitan ha ricevuto recensioni molto buone sui principali siti di tecnologia, soprattutto per quanto riguarda la sua velocità e i benefici che porta anche sui Mac più datati, vecchi fino a otto anni.

Le cose da sapere su El Capitan, il nuovo sistema operativo Apple

Ecco una guida con le novità e tutto il resto per chi ha un Mac.

Apple ha lavorato molto per alleggerire il suo sistema operativo, in modo che possa fare più o meno le stesse cose di prima, ma consumando meno risorse del computer. Secondo i test realizzati dalla stessa Apple, in media in El Capitan i programmi si aprono 1,4 volte più velocemente rispetto a Yosemite, mentre la velocità durante il passaggio da un programma all’altro è raddoppiata. Le animazioni sono più fluide e anche la gestione di più schermi con un unico computer è stata migliorata.

Split View. Con Yosemite si potevano impostare le finestre a tutto schermo, facendo sparire la barra del menu e il Dock. In El Capitan l’opzione rimane, ma ne è stata aggiunta una nuova che permette di dividere lo schermo in due parti per affiancare una seconda applicazione. Qualcosa di simile avviene già da qualche anno sui computer da quando esiste Windows 8.

Mission Control. Il sistema per vedere con un solo colpo d’occhio tutte le finestre dei programmi aperte è stata rivista e resa più ordinata.

Come funziona Spotlight su El Capitan. L’opzione per cercare file all’interno del Mac ha nuove opzioni per ottenere informazioni come il meteo, i risultati delle partite e dà la possibilità di cercare video online direttamente dalla sua finestra.

Note. L’applicazione per le annotazioni è stata aggiornata in modo da essere compatibile con quella nuova già disponibile da qualche settimana grazie a iOS 9. Nella nuova versione oltre ai testi si possono inserire immagini, mappe, elenchi da spuntare, titoli, disegni e altri tipi di formattazioni. Le note sono sincronizzate tra i propri dispositivi Apple tramite iCloud.

Mail. Il programma per la posta elettronica è stato rivisto e alleggerito. Il modo in cui viene controllata la posta (IMAP) è stato rivisto per rendere più rapida la visualizzazione dei messaggi. Nella visualizzazione a tutto schermo sono state aggiunte opzioni per aprire più mail per volta, cosa che non si poteva fare con Yosemite. Selezionando del testo in un messaggio si può impostare automaticamente un promemoria, utilizzando l’opzione “Condividi” dal menu contestuale (tasto destro). Facendo scorrere due dita verso destra sul trackpad si può segnare un messaggio come letto o come da leggere, facendo lo stesso movimento verso sinistra si cancella il messaggio. Anche la ricerca è stata migliorata ed è più semplice e veloce trovare le mail con le parole chiave, anche in modo discorsivo.

Safari. El Capitan porta con sé una nuova versione di Safari. C’è un’opzione per bloccare le schede in modo da averle sempre disponibili, utile per esempio per avere a portata di mano le schede dei social network o della posta elettronica (un sistema simile c’è da qualche anno su Google Chrome). Sotto al campo di ricerca vengono mostrate le risposte mentre si sta digitando, mentre un’altra opzione permette di togliere l’audio a tutte le schede aperte.

Il cursore di El Capitan. Se si muove rapidamente un dito sul trackpad per qualche istante il cursore diventa enorme, cosa che può tornare utile quando lo si perde di vista (inizialmente pensavo fosse un bug di sistema).

Mappe. In El Capitan, come su iOS 9, sono state aggiunte nuove mappe tridimensionali di alcune città e soprattutto le informazioni sul trasporto pubblico.

San Francisco, il nuovo font. El Capitan usa un nuovo font che si chiama San Francisco, al posto del classico Lucida Grande. Secondo Apple il nuovo font è più leggibile.

Foto. L’applicazione per gestire le fotografie dà la possibilità di scaricare e aggiungere plug-in realizzati da altri sviluppatori. Si possono quindi usare filtri di vario tipo, sistemi più accurati per la rimozione dei difetti nelle foto rispetto a quelli predefiniti del programma ed effetti di vario tipo. Selezionando più fotografie con El Capitan è possibile modificare in un solo colpo informazioni come orario, nomi e informazioni geografiche.

Disk Utility. L’applicazione per gestire il disco rigido dei Mac è stata aggiornata con una nuova barra che mostra quanta memoria è ancora disponibile e quanto occupano i diversi tipi di file.

Backup. Prima di passare a un nuovo sistema operativo è consigliabile effettuare un backup delle informazioni contenute sul proprio computer.

Requisiti per scaricare, installare e provare Mac OS X El Capitan 10.11 Build 15A284 Final

– iMac (Metà 2007 o seguenti)
– MacBook Air (Fine 2008 o seguenti)
– MacBook (Fine 2008 Aluminum, or Inizio 2009 o seguent).
– Mac mini (Inizio 2009 o seguenti)
– MacBook Pro (Metà/Fine 2007 o seguenti)
– Mac Pro (Inizio 2008 or seguenti)
– Xserve (Inziio 2009)

OSX El Capitan: come creare penna USB avviabile

Ora non mi resta che lasciarvi il download link per scaricare e provare Mac OS X El Capitan 10.11 Build 15A284 Final.

Download Mac OS X El Capitan 10.11 Build 15A284 Final Italiano

Potete scaricare Mac OS X El Capitan 10.11 Build 15A284 Final Italiano da QUI. Consiglio di procedere con il download tramite App Store per comodità, ma scegliete voi quale strada seguire.

Guida completa e dettagliata per installare Mac OS X El Capitan da USB

Se invece volete installare Mac OS X El Capitan da chiavetta USB, ecco la guida che fa per voi. Grazie alle nostre indicazioni precise e dettagliate, potrete installare installare Mac OS X El Capitan da chiavetta USB facendo un’installazione pulita e da zero.

Andiamo dunque a vedere come effettuare un’installazione pulita di Mac OS X El Capitan utilizzando una penna USB.

Guida per l’installazione pulita di El Capitan da USB

La guida è molto semplice e veloce, sicuramente alla portata di tutti.

NOTA: la chiavetta USB deve essere almeno da 8GB. Ovviamente tutti i file presenti al suo interno saranno cancellati, quindi controllate che al suo interno non ci siano file importanti. Tenete anche conto del fatto che, facendo un’installazione pulita e da zero di Mac OS X El Capitan, perderete TUTTI i file presenti sul vostro computer.

Prima di procedere, fate un backup di TUTTI i file importanti, altrimenti li perderete per sempre. 

Dopo che avete fatto tutti i backup del caso e scaricato tutti i file necessari, potete procedere con l’installazione pulita e da zero di Mac OS X El Capitan tramite chiavetta USB. 

Una volta che avrete scaricato Mac OS X El Capitan, dovete scaricare anche l’applicazione gratuita “El Capitan USB” da QUI.

Una volta avviato il programma El Capitan USB, non dovete fare molto altro: selezionate la penna USB sulla quale trasferire El Capitan e cliccate sul pulsante “Trasferisci”. Aspettate che il trasferimento venga completato in automatico dal programma, non dovrete fare altro.

Una volta che il trasferimento sarà completato, potete inserire la penna in qualsiasi Mac vogliate aggiornare a Mac OS X El Capitan e procedere con l’installazione.

In particolare, per installare Mac OS X El Capitan tramite chiavetta USB, dovete tenere premuto il tasto Opzioni ( ⌥ ) della tastiera in fase di avvio per selezionare la penna come disco di avvio, che aprirà la procedura guidata per l’installazione del sistema operativo da zero

NOTA: come abbiamo già detto, un’installazione da zero tramite chiavetta USB formatta l’intero Hard Disk prima di installare El Capitan, con conseguente perdita di tutti i vostri dati. Se non avete ancora fatto il backup, annullate tutto e fatelo prima di installare Mac OS X El Capitan e perdere tutti i vostri dati.

Installare Mac OS X El Capitan da USB | Conclusioni

Abbiamo concluso con la nostra guida completa e dettagliata per installare Mac OS X El Capitan da USB e installare da zero Mac OS X El Capitan da USB. 

Per dubbi, problemi o domande lasciate un commento a fine articolo e vi aiuteremo.

El Capitan USB: creare gratis una chiavetta USB

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!