https://i1.wp.com/img.tgcom24.mediaset.it/binary/web/90.$plit/C_4_articolo_2114128__ImageGallery__imageGalleryItem_0_image.png?w=640

Accade anche questo che una donna si disfa di un vecchio PC e che tutta la Silicon Valley la ricerchi in lungo e largo perchè quel vecchio computer della Apple era in realtà un Apple I, che è un oggetto da collezione.

Infatti Apple I fu costruito in solo 200 esemplari assemblati da Steve Jobs, Steve Wozniak e Ron Wayne in persona nel 1976 e che durante un’asta è stato venduto per 200mila dollari. La casa d’asta che ha venduto l’oggetto ha come regola che metà del ricavato spetti al legittimo proprietario e quindi è partita la caccia alla misteriosa donna.

Il computer faceva parte di un partita segnalata dalla donna all’azienda che si occupa di recuperare apparecchiature elettroniche che aveva dismesso in occasione della liberazione della sua autorimessa avvenuta dopo la morte del marito. Questo è quanto è emerso per voce si Victor Gichun, vice presidente della Clean Bay Area, la compagnia di recupero dei rifiuti elettronici, ed ha aggiunto che la donna non ha voluto la ricevuta fiscale e non ha neanche lasciato un numero di telefono.

Giuchun ha confermato che dopo aver aperto la scatola della signora non potevano credere ai loro occhi di avere sotto mano un Apple I ed hanno subito pensato ad un falso ma dopo averlo analizzato è stata appurata la sua autenticità e messo all’asta dove se l’è aggiudicato un uomo per una collezione privata. Secondo voi la donna si farà viva?