In quest’articolo: Ferrari 458 M, anticipazioni sul Work in Progress di Maranello atteso per Ginevra 2015

Ferrari 458 M
Ferrari 458 M

[dropcap]F[/dropcap]errari: Nuove informazioni circolano in rete circa la nuova versione della Ferrari 458 M attualmente in fase di test. Dal prototipo si nota subito il doppio terminale di scarico e un nuovo disegno per i cerchi ma solo al posteriore.

Secondo indiscrezioni la Ferrari 458 M dovrebbe sviluppare ben 670CV, accelerazione in soli 3,4 secondi per lo scatto da 0-100 e ben 325km/h di velocità massima.

Ecco la gallery con gli scatti inediti



Ferrari 458

La Ferrari 458 è un’auto sportiva, con carrozzeria di tipo berlinetta, costruita dalla casa automobilistica italiana Ferrari dal 2009. La Ferrari 458 si divide in tre modelli: ItaliaSpider (presentata l’8 settembre 2011 a Maranello) e Speciale (dal 2013).

Si tratta di una vettura a due posti, con motore 8 cilindri disposti a V. La denominazione della vettura fa un riferimento alla cilindrata (di 4,5 litri), seguito dal numero dei cilindri del motore. La vettura è stata presentata in anteprima sul web il 28 luglio 2009, mentre la presentazione ufficiale è avvenuta alla 63ª edizione del Salone dell’auto di Francoforte che si è svolta dal 17 al 27 settembre 2009.

Il nuovo prodotto, secondo i comunicati aziendali, è frutto di un’importante evoluzione tecnica che le consente di ottenere emissioni e consumi inferiori rispetto al precedente modello “F430”, pur avendo maggiore cilindrata e potenza. Tale miglioramento è merito del contenimento dei pesi e dell’attenzione a una valida profilatura aerodinamica che genera un carico verticale di 140 chilogrammi a 200 km/h con un coefficiente di resistenza aerodinamica pari a 0,33 Cx.

La 458 Italia monta un motore V8 di 90° montato in posizione posteriore-centrale, dotato sia di iniezione diretta che indiretta, per gestire gli alti regimi dei quali il propulsore è capace, affiancato a un cambio elettroidraulico a doppia frizione con 7 rapporti, tecnologia che la casa italiana aveva già sperimentato sulla recente California. Il propulsore è caratterizzato da un rapporto di compressione particolarmente elevato (12,5:1), ottenuto anche grazie a una ridotta altezza di compressione dei pistoni.

La vettura è sviluppata su un telaio in lega d’alluminio realizzato con tecnologie di derivazione aerospaziale, con sospensioni anteriori a triangoli sovrapposti e multilink per quelle posteriori.

La vettura è dotata di un’unica centralina Magneti Marelli abbinata al manettino Ferrari di derivazione Formula 1. Un’unica centralina consente di gestire e disinserire l’E-Diff (differenziale elettronico), il F1-Trac (sistema di trazione) e l’ABS.

Particolare attenzione è stata prestata all’ergonomia degli interni e dei comandi di guida, questi ultimi tutti raggruppati sul volante per garantire una maggiore concentrazione alla guida senza distogliere le mani dallo stesso. Alla creazione e alla messa a punto della vettura ha partecipato, come consulente, il pilota automobilistico pluri-iridato di Formula 1 Michael Schumacher.