Dalla Germania arrivano i distributori di elettricità per le Auto

BMW, Ford e Volkswagen lanciano i distributori elettrici in Europa

E’ quello che manca veramente affinché le auto elettriche prendano piede veramente in tutto il mondo. Una vera e propria rete di distributori dove poter ricaricare le batterie della nostra auto elettrica in pochi minuti. Se le tecnologie delle auto elettriche sono migliorate tantissimo negli ultimi anni, è ormai indispensabile una rete di distributori capillare che permetta di ricaricare la batteria quando siamo in viaggio. Qualcosa inizia a muoversi dalla Germania.

https://i2.wp.com/cdn4.www.greenstyle.it/wp-content/uploads/2012/05/ricarica-auto-elettrica.jpg?resize=640%2C426

Finalmente qualcosa sembra muoversi nel campo delle auto elettriche, non solo auto ma ora sarebbe al vaglio una bella proposta, proveniente dalla Germania.

Infatti i colossi tedeschi dell’auto come BMW, Ford e Volkswagen oltre che Mercedes avrebbero annunciato la firma dell’accordo che porterebbe alla creazione di una società unica per portare dei distributori elettrici in tutta Europa.

Infatti se l’evoluzione tecnologica dell’auto elettrica prosegue spedita, ad oggi non è possibile fare lunghi percorsi con l’auto elettrica perchè non sono disponibili stazioni di ricarica in modo capillare.

L’accordo prevede di installare colonnine di ricarica ogni 200/300 km e più diffuse vicino ai centri urbani permettendo di ricaricare la batteria dell’auto in circa 10 minuti, il tempo di prendere un caffè.

Al momento con la tecnologia Supercharger di Tesla, è possibile ricaricare la batteria in 30 minuti assicurando un’autonomia di 270km.

Il gruppo tedesco vuole migliorare la tecnologia in modo che si possa ricaricare la batteria in soli 10 minuti. L’installazione della rete avverrà già nel 2017 con circa 400 impianti in Europa che diventeranno migliaia entro il 2020.

Le stazioni supporteranno tutti i metodi e gli standard di ricarica attuali, Combined Charging System (CSS). Al momento sono ancora aperte le trattative per allargare i componenti dell’associazione con altre case automobilistiche come Fiat-Chrysler, General Motors e Hyundai e poi sono ancora da definire i prezzi per fare il pieno di elettricità.