Ricarica rapida o batteria più capiente sugli smartphone? [Editoriale]

E’ meglio una batteria di grandi dimensioni o la ricarica rapida per ricaricare velocemente lo smartphone? Ecco alcune riflessioni

Cambio spessissimo smartphone ma quelli che uso di più durante un anno sono alla fine 4 o 5 modelli che li uso come telefoni principali. Un fattore determinate che mi spinge ad usare uno smartphone è sicuramente la durata della batteria ma anche i tempi di ricarica.

Se state valutando l’acquisto di un nuovo smartphone e volete valutare se prendere un dispositivo con una batteria capiente o che integri la ricarica rapida, continuate a leggere per trovare tutti gli spunti per decidere al meglio.

https://i2.wp.com/photos.appleinsidercdn.com/gallery/14448-9998-iphone6s-batteryandtapticengine-l.jpg?w=696

Durata o ricarica veloce?

Per mesi ho usato un Apple iPhone 7 Plus che mi assicurava un giorno e mezzo di autonomia senza problemi ma con tempi di ricarica che oltrepassavano le 2 ore, mentre da circa 2 mesi uso il nuovo Samsung Galaxy S8+ che ha un durata della batteria di oltre un giorno ed integra la ricarica rapida che permette di avere lo smartphone completamente carico in circa 70 minuti.

Ricarica rapida: Lusso o necessità?

Ora che uso il Galaxy S8, quando rientro a casa la sera, ho una percentuale del 20-25% di carica della batteria, lo attacco al carica batterie originale prima di iniziare a cenare, il tempo di lavare i piatti e toc è già carico.

Che figata!!!

La ricarica rapida implementata su tanti smartphone di fascia alta, come la tecnologia Quick Charge di Qualcomm, permette di ottenere la batteria di uno smartphone ricaricata in molto minor tempo di una batteria che non possiede questa tecnologia. In media una batteria si ricarica in meno di 1 ora è mezza e può raggiungere la ricarica del 50% in circa 30 minuti.

Quindi con le varie tecnologie di ricarica rapida della batteria avremo un fedele alleato, il carica batterie, che permetterà di ottenere la ricarica necessaria per arrivare a tarda notte senza problemi in pochi minuti.

Durata della batteria maggiore. Serve davvero?

Se da un lato la ricarica veloce è importante, è bene avere una batteria che permetta di usare lo smartphone senza passare dal carica batteria almeno per una giornata intera, il massimo sarebbe usarlo per due giorni interi ma qui forse, al momento, chiediamo troppo.

L’iPhone 7 mi assicurava due giorni di autonomia con un utilizzo intenso anche se non intensissimo, ma a sera dovevo lasciarlo sotto carica almeno 2 ore e mezza, affinché la batteria si ricaricasse completamente e devo dire che questi tempi sono davvero troppi.

Conclusioni

Dopo mesi di test sulla mia pelle, posso dire che la ricarica rapida del Galaxy S8 è di gran lunga la migliore per il mio utilizzo. Ho comunque uno smartphone che assicura una durata della batteria, anche sotto stress, di una giornata intera, e che a tarda serata con pochi minuti di ricarica, si va dai 30 minuti per un utilizzo spot fino a circa 75 minuti per la ricarica completa, e che permette di ottenere tutta l’energia necessaria per un’altra giornata lavorativa.

Poi ovviamente è tutto soggettivo ma credo che un tempo di ricarica accettabile sia tra 1 ora e 30 minuti e le due ore, se si sfora questo limite si rischia di buttare al vento l’alta autonomia dello smartphone.

E voi come la pensate? Scrivetelo nei commenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here