Basta sono stufo!!! Cambio Operatore [Editoriale]

Il titolo dice tutto, sono stufo ed oggi dopo anni di onorato servizio ho deciso di cambiare operatore telefonico sul mio smartphone. Dopo anni ed anni in cui sono stato Wind, dopo l’ennesimo cambio di condizioni contrattuali senza via di uscita ho deciso di passare ad altro operatore, vendendomi al miglior offerente.

https://i0.wp.com/zaltel.it/wp-content/uploads/2016/01/Cambiare-operatore-telefonico.jpg?resize=583%2C360

Qualche giorno fa ricevo il seguente SMS:

Modifica contrattuale: la informiamo che a partire dal primo rinnovo successivo al 14/07/2016, All Inclusive Super Big cambia: l’offerta si amplia con 1GIGA in piu’ e il costo diventa 11,58 euro ogni 4 settimane. Puo’ recedere o passare ad altro operatore senza penali entro 30gg. Il Giga extra sara’ disponibile, senza costi aggiuntivi, gia’ dal prossimo rinnovo del 28/06/16. Chiami il 155 per informazioni o per cambiare opzione

Siccome non sono d’accordo con la modifica chiamo il 155 ed anche dopo aver insistito mi dicono che non c’è nulla da fare che accettare la modifica. Chiudo la chiamata con l’operatore ed ovviamente mi metto alla ricerca di un’alternativa.

Chiamo Vodafone, 3 Italia ed anche TIM ed alla fine riesco a farmi attivare la TIM Special Top che prevede Minuti illimitati e 3GB in 4G a 10 euro ogni 4 settimane che ovviamente è molto meglio di quella che avevo precedentemente e senza aumenti di volta in volta. Infatti diverso tempo fa avevo subito l’aumento dell’IVA per “adeguamento contrattuale” ed ora mi vogliono obbligare ad avere 1GB in più al costo di 1,5 euro senza possibilità di disattivarla in nessun modo.

Purtroppo la pratica di Wind non sola, perchè anche Vodafone, TIM e 3 Italia stanno applicando in queste settimane cambi “unilaterali” di contratti, si perchè non c’è possibilità di scelta, o accetti o te ne vai e siccome i soldi sono miei, io ho deciso di andarmene.

L’AGCOM vigila su queste “marchelle” degli operatori telefonici come la recente multi a TIM per l’attivazione di TIM PRIME ma la situazione è sempre fuori controllo perchè gli operatori ne escogitano ogni volta una diversa per aumentare i costi degli abbonamento che in periodi di vacche magre proponevano soglie altissime e costi molto bassi ma che con il tempo sono diventate insostenibili ma se uno firma un contratto lo si deve rispettare da ambo le parti senza aumenti OBBLIGATORI.

La pratica è molto diffusa e non colpisce solo gli operatori telefonici mobili ma anche quelli fissi, servizi come Sky e Mediaset Premium e molti, molti altri che cambiano le regole del gioco in corso senza possibilità di rinunciare e rimanere come pattuito.

Come difendersi dagli aumenti degli operatori telefonici

Abbiamo noi il potere economico in mano e quindi siamo liberi di “venderci al miglior offerente” trattando soglie, GB e prezzo così come accade in un mercato libero dove il cartello non ha sempre ragione e non può cambiare le regole, come ad esempio il cambio su 28 giorni e non più sul mese effettivo e via dicendo.

Infine dovete sapere che esistono diversi metodi per far valere i propri diritti, la prima è inviare una segnalazione sul sito dell’AGCOM, mentre la seconda è monitorare il sito Change.org dove sono presenti tante petizioni che poi vengono inviate direttamente agli interessati come ad esempio questa sul cambio su 28 giorni di Vodafone, TIM e Wind.

  • francesco.SP

    gli aumenti unilaterali fanno parte del contratto che si accetta quando si attiva un abbonamento.
    sperare che un abbonamento da 10 euro attivato oggi, costi uguale fra 2anni è pura utopia. a meno di garanzie esplicite: prezzo bloccato per x mesi, ecc.

    • CashDroid

      Non è vero. Quando si sottoscrive un contratto dove non è menzionata una data di scadenza fissata le regole del contratto firmato non possono essere adeguate in corso.
      Ecco perchè l’AGCOM continua a multarle.

  • Nome Cognome

    Il mio contratto WIND alla stipula (4 anni fa) citava la seguente frase: “per sempre e senza modifiche contrattuali, unilaterali, ogni mese solare, ecc….” e già dalla riduzione dal mese ai 28 giorni, all’aumento di iva, in seguito all’aumento di tariffa imprescindibile, hanno violato le clausole. Per conto loro, invece, “la situazione è questa, e se non le sta bene, cambi operatore”. E così farò. Nel frattempo, da quasi 8 mesi…. non ho più ricaricato, boicottandoli.