https://i2.wp.com/i2.cdn.turner.com/cnnnext/dam/assets/150217173143-18-selfies-0218-restricted-super-169.jpeg?resize=615%2C346

Un selfie ha tradito l’ISIS. Sebbene il gruppo abbia alte misure di sicurezza alcuni bachi proprio nell’utilizzo delle nuove tecnologie vengono meno ed un autoscatto ha tradito un’importante base per il gruppo del califfato che ha scatenato un attacco aereo dell’US Air Force.

Infatti un banale  selfie pubblicato online ha permesso all’esercito Americano di individuare l’esatta posizione di alcuni militanti dell’ISIS ed in poche ore è scattato l’attacco che ha portato all’intera distruzione di una base segreta ISIS. L’autoscatto, pubblicato da un militante durante un turno di guarda, dunque è stato fatale per la scoperta della base segreta. Infatti grazie al selfie pubblicato online è stato possibile rintracciare e dunque distruggere dalla US Air Force la base segreta dell’ISIS in meno di 24 ore. La notizia è trapelata proprio dagli uomini dell’ISIS che avevano pubblicato una foto vantandosi delle proprie capacità di comando e controllo della base segreta e proprio questa foto goliardica gli è stata fatale. Ecco cosa è stato annunciato dal governo degli USA:

I nostri ragazzi stavano lavorando all’Hurlburt (una base dell’USAF in Florida, nda) quando, tramite i social network, hanno avvistato una fotografia di un’idiota in piedi davanti a questo comando» racconta il generale Hawk Carlisle «per farla breve, dopo appena 22 ore eravamo già lì con tre JDAM al seguito.