Ormai è Pokemon GO mania in tutto il mondo. Dopo il lancio negli Stati Uniti che ha fatto esplodere i server sin dal primo giorno, Pokemon GO è sbarcato anche in Europa e nel nostro paese ed i server di Nintendo e Niantic non hanno retto il colpo e da ieri pomeriggio fino a questa mattina, sono stati offline con l’impossibilità da parte dei giocatori di giocare con scene di panico in tutto il mondo ma c’è un grosso retroscena.

Non è un problema del vostro dispositivo ma i server sono andati giù per l’eccessivo carico di utenti connessi a libello globale con un giorno intero per i sistemisti per rimettere apposto la situazione o meglio fino al prossimo accesso di milioni di utenti in contemporanea che rimanderanno giù i server a meno che non si corra ai ripari.

Dunque i server di Pokémon GO sono stati ufficialmente down per circa 24 ore anche per colpa degli hacker.

I retroscena però dicono che i server siano stati attaccati da un gruppo di hacker che hanno messo sotto assedio i numerosi server messi in piedi da Niantic e Nintendo per questo gioco che sta avendo un successo mondiale. Dunque se i prima analisi si pensava ad un sovraccarico dei server, probabilmente anche quello ha inciso, gli hacker hanno messo la loro impronta con un attacco che ha portato i server ad andare giù per quasi 24 ore.

Non so voi ma a pochi giorni dal lancio in Italia di Pokèmon GO, che è disponibile per piattaforme Android ed iOS, ho notato tantissime persone, sopratutto ragazzini, in giro spaesate che cercavano il loro Pokemon usando la fotocamera dello smartphone. Dalle 10 di questa mattina però i giocatori di questo giochetto stupido ma virale hanno ripreso a giocare. Speriamo che i server di Niantic reggano il colpo.