SEGUI il canale Telegram Offerte di YourLifeUpdated: sconti esclusivi su Amazon e Gearbest ogni giorno selezionati per te! 

Se Facebook sospende l’account, chiede la carta d’identità e blocca il profilo, ecco come bisogna comportarsi

Facebook ti ha sospeso il profilo? Non sei il solo. Negli scorsi giorni il social network ha bloccato diversi politici e scrittori, ma anche persone comuni, chiedendo di verificare i propri account. Ecco cosa bisogna fare per risolvere il problema.

Nella notte di martedì molti profili italiani di Facebook, in particolare alcuni di scrittori e politici, sono stati sospesi senza alcun apparente motivo. Inaspettatamente, dunque, gli utenti coinvolti hanno ricevuto un messaggio di posta elettronica che chiedeva loro la conferma dell’identità tramite la presentazione di un documento o con altre precisazioni sulla reale paternità del profilo.

All’inizio si era pensato ad un’attività politica, ma in poche ore il social network ha dato una spiegazione di tipo tecnico:

” Facebook ha chiesto ad alcuni suoi utenti di verificare i dettagli del proprio account. Si tratta di una procedura richiesta regolarmente a tutte le persone iscritte a Facebook, volta a garantire l’autenticità dei profili – sia che si tratti di persone comuni o di personaggi pubblici – e a mantenere alta la qualità dell’esperienza degli utenti sulla piattaforma“.

La risposta non dà lumi sulla motivazione che ha portato alla verifica, ma sembra che il tutto sia legato a verifiche successive a un attacco hacker subito da Adobe, che in qualche modo avrebbe coinvolgo anche Facebook, che, di conseguenza, avrebbe bloccato gli account le cui password, o meglio gli hash delle password, corrispondevano con quelle sottratte ad Adobe.

Alcuni dei profili bloccati martedì appartengono ad esponenti del Partito Radicale (Massimo BordinRita BernardiniGianfranco Spadaccia), mentre fra gli altri anche Loredana Lipperini, giornalista di Repubblica,  Pierluigi Battista del Corriere della Sera, e le scrittrici  Eva Clesis e  Marilù Oliva.

I profili irraggiungibili (sospesi e bloccati da Facebook) erano stati contraddistinti da un  pollice incerottato che veniva visualizzato dagli utenti in cerca degli amici scomparsi dal social network.

Insomma, Facebook ha deciso di fare una bella pulizia all’interno dei suoi utenti in modo da smascherare gli account fasulli e da evitare che qualcuno, per gli scopi più disparati, continui a creare account fittizi dietro ai quali non c’è una persona realmente esistente. In questo modo, però, Facebook non ha fatto altro che diffondere il panico tra gli utenti, che si sono visti il profilo inaspettatamente bloccato o sospeso.

Dunque, se anche il tuo profilo Facebook è stato recentemente bloccato o disabilitato non entrare subito nel panico, segui i consigli che trovi di seguito e, se sei certo di non aver violato le norme del social ntwork, puoi stare tranquillo: nel giro di poche ore il tuo account tornerà online senza problemi.

Come in qualsiasi altra community online, infatti, anche all’interno di Facebook è necessario rispettare delle regole, che vengono implicitamente accettate quando ci si iscrive al network. In caso di violazione delle regole, Facebook  ha quindi tutto il diritto di sospendere e bloccare determinati account. La cosa strana, però, avviene quando Facebook si mette a sospendere e bloccare account senza nessun motivo apparente, come è accaduto qualche giorno fa.

Se anche il tuo profilo Facebook è stato bloccato o sospeso, ecco come puoi fare per riattivarlo. 

Prima di tutto, vediamo quali possono essere i motivi che hanno portato al blocco, alla sospensione e alla disabilitazione del tuo account Facebook.

Motivi della disabilitazione di un account su Facebook

Possono essere vari, ma in generale sono:

  • account falsi
  • creazione o pubblicazione di contenuti che violano la Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità di Facebook
  • comportamenti che causano insicurezza, minaccia o molestia per gli altri.

Cosa succede quando un account Facebook viene bloccato, sospeso, disabilitato o disattivato

Di solito, Facebook notifica una violazione del regolamento all’utente inviando una email e segnalando l’accaduto su un box nell’homepage di Facebook. A volte, se la violazione è molto grave, Facebook può arrivare alla disattivazione totale senza alcun preavviso.

Il tuo account di Facebook è stato bloccato? Meglio, perchè lo puoi sbloccare

Se il tuo account Facebook è stato bloccato, puoi stare tranquillo, perchè significa che è ancora attivo, semplicemente c’è un blocco temporaneo legato a un determinato problema. In sostanza, questo strumento va visto come un avvertimento: stai facendo qualcosa di sbagliato e, prima di buttarti fuori dal social network, Facebook cerca di fartelo capire con le “buone”. Il blocco del profilo di Facebook ne limita alcune funzioni, ma farà comunque restare attivo l’account, che non sarà eliminato.

Se il tuo profilo di Facebook è stato bloccato, ecco cosa puoi fare.

Cosa fare se vengo bloccato su Facebook

Visto che l blocco è temporaneo, devi cercare di farlo rimuovere.

Prima di tutto leggi l’e-mail di notifica del blocco ricevuta da Facebook e segui esattamente ciò che c’è scritto. In teoria, trascorso il periodo di tempo indicato nella mail, il tuo account dovrebbe essere ripristinato automaticamente da Facebook e tutte le principali funzionalità dovrebbero tornare attive.

Cosa fare se un account Facebook viene disabilitato

Già da diverso tempo Facebook, per evitare la presenza di account con nomi falsi o scambi di persona, ha chiesto ad alcuni utenti di verificare il loro account con carta d’identitàMentre viene verificata l’identità della persona, l’account Facebook viene disabilitato. In questi ultimi giorni sono molte le segnalazioni di profili e account bloccati o disabilitati per motivi di riconoscimento dell’autenticità. Per fortuna la sospensione è solo temporanea e legata alle politiche sempre più stringenti di Facebook che vuole che gli account siano verificati in caso di dubbio, che siano profili di persone autentiche, sia che si tratti di persone famose che di nomi comuni.

Il criterio usato da Facebook ed i motivi nel fare queste richieste non è certamente casuale, ma nemmeno si riesce bene a intuire. Così a occhio, cercando i vari casi, sembrerebbe che gli account di cui è richiesta la verifica siano soprattutto quelli con un nome famoso o comune e con molti amici. E’ probabile anche che questi account ritenuti sospetti siano anche stati segnalati come falsi da qualcuno. Inoltre, un altro fattore che sembra comune è che la sospensione dell’account per motivi di sicurezza avvenga a persone che usano Facebook in viaggio, collegandosi da città diverse.

Qualsiasi sia il motivo, il modo per evitare che accada è usando nome e cognome vero e verificando il proprio profilo tramite numero di cellulare. Chi verifica il suo cellulare non dovrebbe ricevere questo avviso di sospensione e non sarà costretto a inviare la sua carta d’identità a Facebook. Per verificare il numero di cellulare, lo si deve scrivere in questa pagina e poi confermarlo col codice che si riceve tramite SMS (è gratis)
Il numero di cellulare può poi essere tenuto privato nelle informazioni del profilo, visibile solo a noi.

Se il tuo account Facebook è stato disabilitato, la cosa è un pò più grave, ma non è ancora detta l’ultima parola.

Prima di tutto, se ritieni che il tuo account Facebook sia stato disabilitato per sbaglio e vuoi riottenerlo, devi compilare questo form http://www.facebook.com/help/contact/?id=260749603972907 e spiegare tutte le tue ragioni. Dovresti ricevere una risposta da Facebook nel giro di alcune ore.

Se però sono passati giorni e ancora non hai ricevuto una risposta, prova a scrivere una mail all’indirizzo: disabled@facebook.com spiegando ancora una volta le motivazioni per le quali credi che il tuo profilo sia stato disattivato per sbaglio. 

Se, anche dopo questa seconda mail, non hai ricevuto risposte (aspetta qualche giorno, almeno 3 o 4), prova con l’ultima possibilità per abilitare nuovamente il tuo account Facebook. Se il tuo account Facebook è stato disattivato e disabilitato ingiustamente, puoi provare ad inviare un tuo documento (carta di identità) a Facebook per fare capire che effettivamente dietro al tuo profilo c’era una persona vera. Puoi inviare il tuo documento da questo form: http://www.facebook.com/help/contact/?id=183000765122339

Se non si ha la carta d’identità si può inviare il passaporto oppure la patente, il tesserino sanitario, la scheda elettorale e qualsiasi altro documento (anche non ufficiale) che riporti nome, data di nascita e foto. Si possono anche inviare, ad esempio, l’abbonamento del bus, tesserini lavorativi, analisi mediche, una bolletta o la tessera della biblioteca. Se si invia un documento particolare, si possono oscurare tutte le informazioni tranne nome e data di nascita. Il documento può essere fotografato oppure scansionato.

Facebook chiarisce anche, nella pagina di supporto, che qualsiasi documento inviato per verificare l’autenticità del profilo sarà cancellato immediatamente e non verrà conservato.

Se non si invia nulla e si attende qualche giorno, Facebook potrebbe comunque sbloccare il profilo e farlo tornare utilizzabile. In qualsiasi caso, quando si rientra in possesso dell’account, cambiare la password e aggiungere la verifica del numero cellulare nel caso accada di nuovo.

A questo punto, se le tue ragioni sono valide e il tuo account Facebook era stato disabilitato per errore, con il documento dovresti riuscire a risolvere e ad ottenere nuovamente il tuo account Facebook. Se avete avuto il profilo sospeso da Facebook per qualche motivo, fate sapere. 

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

26 COMMENTS

  1. Ieri sera apro facebook dal cellulare e mi dice che per motivi di sicurezza non posso accedere, mi chiede una mia foto, dicendo che dopo il controllo sarà eliminata. Come mai? Cosa è successo?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here