Eccoci pronti con un’altra guida dedicata a tutti gli appassionati di fotografia. Dopo i consigli degli scorsi giorni, ovvi vi spieghiamo come fare per fotografare la superluna di questa sera.

Arriva la Superluna: sfida a chi saprà fotografare l’ombra della notte. Con i nostri consigli potrete fotografare la superluna nel migliore dei modi.

Come fotografare la superluna (2)

Anche se buona parte dell’Italia sarà coperta da nuvole e maltempo, qualcuno riuscirà sicuramente a vedere la bellissima luna di questa sera e tanti di voi vorranno senza dubbio fotografarla per avere un ricordo indelebile di questa bellissima luna. Oggi, quindi, vi spieghiamo come fare e come atterezzarvi per fotografare la superluna di sabato 12 luglio 2014. 

Prima, però, una breve spiegazione su cosa sia questa superluna di cui tutti stanno parlando. 

Cosa è la superluna? Perchè è così speciale? Cosa ha di particolare?

Quando il fenomeno di luna piena coincide con la presenza del satellite nel punto più vicino fra la luna e la terra nell’orbita lunare è possibile osservare la cosiddetta “superluna”.

Sarà un’Estate all’insegna delle super-Lune.

Il cielo tra i mesi di Luglio e Settembre regalerà spettacolo in grande quantità, dato che tra Lune grandi, comete, sciami di stelle cadenti e congiunzioni di pianeti, ci sarà molto da osservare. L’evento della Super-Luna consiste nel momento di massimo avvicinamento della Luna con il pianeta Terra: mediamente il nostro satellite si trova a circa 383.000 chilometri di distanza, ma a volte può trovarsi più lontana (apogeo, il momento di massima lontananza) o più vicina (perigeo, il momento di massima vicinanza). Questa sera ci sarà il primo evento di super-Luna, che non coincide, come molto spesso accade, con le fasi lunari.

Generalmente la super-Luna viene classificata tale quando si trova ad una distanza di circa 360.000 chilometri dalla Terra (il termine tecnico è perigeo-syzygy del sistema Terra-Luna-Sole, ovvero configurazione in linea retta dei tre corpi celesti sopracitati). Oggi la super-Luna si troverà ad una distanza di circa 364.000 chilometri dalla Terra. Il 10 Agosto, Notte di San Lorenzo e dello sciame delle Perseidi, la super-Luna si troverà ad una distanza di 363.000 chilometri dalla Terra, la Luna più grande e luminosa dell’anno. L’8 Settembre (proprio il giorno del mio compleanno) è atteso il terzo evento della super-Luna, dato che si troverà ad una distanza di circa 364.800 chilometri.

Se volete fotografare questo fenomeno della superluna, la cui prima data è proprio stasera, ecco alcuni consigli per ottenere scatti efficaci e per fotografare al meglio la luna. 

La prima cosa da fare, ovviamente: è essere pronti al momento giusto. Ecco le tre date di quest’anno in cui si verificherà questo fenomeno:

  • Sabato 12 Luglio
  • Domenica 10 Agosto
  • Martedì 9 Settembre

La superluna vera e propria sarà quella del 10 Agosto, quando la luna si troverà a 356,896 chilometri dalla Terra, ma anche nelle altre due date potrete osservare lune piene di dimensioni particolarmente importanti.

Equipaggiatevi nel modo giusto

Per fotografare un fenomeno così particolare (e per fare foto alla Luna in generale) è bene avere almeno:

  • Fotocamera reflex con obbiettivo telescopico, o fotocamera compatta con lungo zoom ottico
  • Treppiede
  • Telecomando per la fotocamera o possibilità di impostazione con timer

Come fotografare la superluna e come fare fotografie perfette alla Luna in generale

Abbandonate le impostazioni automatiche

Prendete il controllo della vostra fotocamera: impostate il valore degli ISO a un livello basso, come 100 o 200, per minimizzare il rumore.

I tempi di apertura dipenderanno invece dalla luce ambientale presente e dall’effetto che volete ottenere: tenete comunque presente che la luna è una fonte di luce piuttosto forte, e si muove in modo sorprendentemente veloce, quindi dovrete usare dei tempi abbastanza brevi.

Per regolarvi, potete utilizzare la regola del reciproco: utilizzando un f/16, scattate utilizzando come tempo il reciproco del vostro valore ISO. Ad esempio, se scattate ad ISO 100. provate con 1/100 di secondo, o valori vicini.

Fate molte prove

Un’apertura ad f/16 potrebbe essere troppo stretta: testate anche fino a f/11. Il vantaggio di avere più date a disposizione è proprio che potete sperimentare variando i vostri valori, annotandovi i risultati (che potrete comunque analizzare il giorno dopo al computer assieme ai dati di scatto) per perfezionare la vostra tecnica ed arrivare veramente pronti al momento importante.

Usate la messa a fuoco manuale

L’autofocus e scarse condizioni di luce in genere non vanno troppo d’accordo. Utilizzare la messa a fuoco manuale vi permetterà di decidere esattamente ciò che volete ottenere.

Utilizzate il metodo di misurazione dell’esposizione adatto

Decidete che foto volete ottenere:

  • Se ciò che cercate è una luna solitaria che si staglia su un cielo nero (o su un panorama composto da silhouette scure), la misurazione spot vi permetterà di esporre correttamente solo il corpo celeste.
  • Se nell’inquadratura avete altri elementi, ad esempio facenti parte del panorama, che non volete far scomparire, potrete invece utilizzare la misurazione valutativa o a matrice.

In ogni caso, provate a realizzare vari scatti scorrendo fino a un paio di stop in più o in meno, per essere sicuri che almeno una foto sia utilizzabile.

Fate scomparire i tremolii

Oltre all’utilizzo di un cavalletto, praticamente obbligatorio in questo tipo di casi, anche il modo in cui avviate lo scatto può introdurre del movimento indesiderato: ecco perché è consigliabile avere un telecomando con cui avviare la cattura dell’immagine senza dover fisicamente toccare la fotocamera.

In alternativa, potete semplicemente utilizzare un autoscatto: impostate la macchina fotografica con i valori che desiderate, e poi avviate l’autoscatto per rimandare la cattura del tempo necessario per evitare di registrare i movimenti causati dalla vostra mano.

Giocate con la composizione

Il classico scatto della luna sul cielo scuro è sicuramente affascinante, ma non troppo creativo né originale. Pensate quindi a ciò che avete attorno: potreste ad esempio catturare l’inizio della superluna, utilizzando panorami ed edifici come sfondo.

Questi erano alcuni consigli, che speriamo vi possano essere utili per le vostre sessioni fotografiche, sia di stasera che per le prossime. Se riuscite a realizzare qualche scatto notevole, mostratecelo nei commenti!

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!