Chiude Grooveshark, il popolare servizio che permetteva di ascoltare musica in streaming gratis. Grooveshark chiude definitivamente i battenti

Addio a Grooveshark: chiude il celebre portale di musica in streaming

Grooveshark-620x350

La RIAA ha vinto e Grooveshark è stato costretto a chiudere i battenti. Chiusura definitiva per Grooveshark. 

Pochi giorni fa vi abbiamo comunicato che Grooveshark, il celebre servizio di musica in streaming, rischiava una multa da ben 700 milioni di dollari per violazione di copyright. Se vi siete persi la notizia, potete consultarla a questo indirizzo: Problemi per Grooveshark: 700 milioni di dollari di multa?

In pochi giorni, però, la vicenda riguardante Grooveshark è evoluta, ma in negativo. Il celebre sito internet, infatti, è stato costretto a chiudere i battenti definitivamenteGrooveshark, dunque, chiude per sempre. 

La RIAA, l’Associazione Americana dell’Industria Discografica, ha vinto la propria battaglia: Grooveshark, di fronte al rischio di dover pagare oltre 700 milioni di risarcimento, ha definitivamente chiuso i battenti e pubblicato un post di scuse, che possiamo trovare nella homepage del sito

Oggi chiudiamo Grooveshark. Abbiamo iniziato quasi dieci anni fa con lo scopo di aiutare i fan a condividere e scoprire musica. Nonostante le migliori intenzioni, abbiamo commesso dei gravissimi errori. Non siamo riusciti ad assicurarci le licenze dai detentori di copyright per l’enorme quantità di musica presente nel servizio. Quello è stato un errore. Ci scusiamo.

Poche parole per spiegare in modo chiaro cosa succederà a Grooveshark. Il servizio chiude oggi i battenti per sempre, per evitare di dover pagare oltre 700 milioni di dollari di multa per aver permesso agli utenti di scaricare e condividere canzoni in modo illegale e violando i diritti d’autore su oltre 4000 brani nei primi mesi di vita del servizio.

Si chiude dunque l’esperienza di Grooveshark, con circa 35 milioni di utenti che ora dovranno rivolgersi altrove per ascoltare musica gratis in streaming. Probabilmente si sposteranno verso servizi alternativi e concorrenti come Spotify, Deezer e simili: sicuramente le alternative per ascoltare musica in streaming su internet non mancano. 

Segnalo inoltre che Grooveshark non ha soltanto chiuso i battenti, ma, come parte dell’accordo con la RIAA, ha dovuto eliminare tutti i file che violavano il copyright e consegnare alla RIAA la proprietà del portale e delle app ufficiali. Una bella batosta, ma una scelta corretta per evitare di dover pagare una multa colossale. In questo modo, infatti, i creatori di Grooveshark non dovranno pagare la maxi multa paventata negli ultimi giorni e sono usciti praticamente indenni da questa brutta vicenda.

Il portale, comunque, prima di andare completamente offline, ha ringraziato tutti gli utenti:

E’ stato un privilegio conoscere molti di voi e condividere musica con voi. Grazie per essere stati dei fan così appassionati. I vostri amici di Grooveshark, 30 aprile 2015.

E così Grooveshark ci abbandona per sempre. Un vero peccato.

Voi usavate Grooveshark per ascoltare musica gratis in streaming? Che servizi userete adesso? 

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!