Anonymous vs SAP (sindacato Polizia) attacco hacker: ecco i dettagli

Nella serata di ieri il team di Anonymous Italia ha attaccato un altro portale legato alla Polizia. Questa volta è il down per mano di Anonymous è toccato al SAP (Sindacato Autonomo di Polizia), che rappresenta l’ultima “vittima”, in ordine cronologico, di Anonymous.

La nota rete di hacktivisti ha infatti nuovamente colpito un sindacato della Polizia a pochissimi giorni di distanza dalla pubblicazione online di documenti e altro materiale sottratto al SIULP (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia). Il team di Anonymous, dunque, sembra non volersi fermare e continuano, giorno dopo giorno, gli attacchi ai portali della Polizia italiana.

Nella giornata di ieri, domenica 26 maggio 2013, con un nuovo post pubblicato sul blog ufficiale di Anonymous Italia, è stato annunciato un attacco appena compiuto ai danni del sito ufficiale del SAP (sap-nazionale.org). 

Così come era avvenuto nei precedenti casi, anche quest’ultima azione ha portato alla pubblicazione online di dati, mail e altro materiale “trafugato” dal database del sito colpito. Come è accaduto l’ultima volta, anche in questo caso un apposito link postato all’interno del comunicato di rivendicazione di Anonymous porta direttamente al download dei file rubati durante tale attacco alla Polizia, consentendo a chiunque di visualizzare i dati rubati agli utenti registrati ai portali attaccati.

Anche questa volta è comparso un breve comunicato sul sito di Anonymous Italia:

La vendetta contro le pedine dello stato continua!
Problem, officer?Aspettateci ancora, non pensate che sia finita qui

Come possiamo facilmente notare, dunque, le azioni dimostrative e gli attacchi contro la Polizia da parte di Anonymous non sarebbero affatto terminati, come dimostrato anche da un altro video pubblicato su Youtube.

In quest’ultimo filmato sarebbe stata anche annunciata una nuova (doppia) “operazione” da parte di Anonymous: si tratterebbe della cosiddetta OpReVenge / OpTrasparenza, della quale però al momento non abbiamo dettagli precisi, anche se sono certo che non sarà necessario attendere troppo per scoprirlo.

Ad ogni modo, ricordiamo che anche l’attacco appena descritto farebbe parte della controffensiva lanciata dagli hacktivisti in seguito all’operazione della Polizia Postale di qualche giorno fa, durante la quale sarebbero stati arrestati alcuni presunti membri di Anonymous.

Nei prossimi giorni, comunque, sentiremo ancora parlare di Anonymous. Vi terremo aggiornati in merito.

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!