Violati 83 milioni di conti correnti della Jp Morgan.

Pesante attacco hacker subito dalla Jp Morgan Chase, la più grande banca americana. Come riporta il New York Times, infatti, uno dei più pesanti, se non il più pesante, attacco hacker è stato subito da una delle banche colosso degli USA.

Sono stati violati circa 83 milioni di conti correnti, 76 dei quali di privati mentre altri 7 relativi a piccole imprese. Un danno enorme quello subito dalla banca e dai suoi clienti che, in un’epoca contraddistinta dalla crisi, devono anche fare i conti con imprevisti del genere.

Non si conoscono le cifre esatte del danno, ma si tratta di uno degli attacchi più dannosi di sempre, con l’ipotesi che gli hacker possano essere collegati con l’Italia e con il sud Europa in generale. Fortunatamente, come dichiarato da esponenti della banca stessa, non sono stati rubati soldi o altri dati, anche se questo non vuol dire che non siano stati fatti danni.

Attualmente non si conoscono altri dettagli e Jp Morgan, dopo questo pesante attacco hacker, ha dichiarato che d’ora in poi verranno spesi 250 milioni di dollari l’anno per preservare gli utenti da simili eventi, rendendo quindi la sicurezza uno dei punti fondamentali da cui partire nei prossimi anni.