Coppia intrappolata per 13 ore nell’auto troppo tecnologica

2014-12-19 MY15_M35DOOR_INT_13_975x443-640x290

Una coppia di anziani è rimasta intrappolata nella propria auto per ben 13 ore: ecco cosa è successo ai coniugi Smith, bloccati per ore all’interno della propria auto senza possibilità di uscirne.

La tecnologia ormai pervade ogni aspetto della nostra vita e della nostra giornata: lo smartphone ci fa da sveglia, il tablet da giornale, il forno si accende con lo smartphone, il frigorifero ci avvisa quando qualcosa finisce e ovviamente anche la nostra automobile è piena di accessori e funzioni hi-tech che, in teoria, dovrebbero semplificarci la vita.

Quando la tecnologia si blocca, però, non è sempre così semplice risolvere i problemi. In Nuova Zelanda, infatti, è successa una cosa molto strana e per niente piacevole alla coppia di coniugi Smith. Vediamo nel dettaglio cosa è accaduto.

La vettura in questione non ha la chiave d’avviamento, ma soltanto un telecomando per le portiere. La coppia (65 anni lei, 68 lui) aveva lasciato il telecomando all’esterno dell’auto, il manuale della vettura era in casa e il venditore, a quanto dicono i coniugi Smith, aveva insistito molto sulle magnifiche funzioni automatiche dell’auto senza spiegare adeguatamente come aprire e chiudere le portiere manualmente dall’interno.

La coppia, all’interno dell’auto, si è trovata con le portiere chiuse all’improvviso e in modo automatico. I due hanno provato a tirare le maniglie, che però si muovono a vuoto se non si agisce anche sullo sblocco meccanico, e si sono quindi convinti che le portiere fossero bloccate. Dopo vari tentativi di chiedere aiuto e rompere i vetri dell’auto, l’uomo e la donna sono stati soccorsi l’indomani mattina: la signora Smith aveva perso conoscenza e suo marito stava faticando a respirare.

Risultato: la disavventura è costata ai coniugi tre giorni di ricovero.

La cosa incredibile è che il signor Smith si era autoconvinto che senza telecomando non fosse possibile aprire le portiere e quindi non aveva nemmeno provato ad aprirle usando il meccanismo di sblocco “fisico”, con gli appositi pulsanti. Se ci avesse provato, la disavventura sarebbe durata pochi minuti e non una notte intera. Bisogna però dire, a sua discolpa, che al buio, nel garage, il pulsante di sblocco delle portiere non era visibile.

Interessante notare, però, che da quando è stata resa nota la loro vicenda si sono fatte avanti anche altre persone che hanno riferito di disavventure analoghe con le loro auto keyless.

Un’ultima cosa: prima di dire che i signori Smith sono degli ingenui, fatevi una domanda: come si abbassano manualmente i finestrini della vostra auto dotata di alzacristalli elettrici? E come si chiude il tettuccio elettrico in vetro se si scarica la batteria o si guasta il motorino?

Sono ancora così ingenui questi coniugi? 😀

Via

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!