Cambiare gestore conviene sempre di più: ecco il nuovo studio di SosTariffe

In questi ultimi anni in Italia il mercato della telefonia, dell’elettricità e del gas sono stati liberalizzati. I clienti, quindi, hanno avuto massima libertà nel passare da un operatore all’altro, per cercare una migliore qualità del servizio e soprattutto un risparmio in bolletta.

I clienti più attenti, dunque, hanno avuto la possibilità di abbandonare i vecchi fornitori dei servizi in questione per passare a nuovi fornitori, andando alla ricerca di un pò di risparmio e convenienza. Ma, alla fine dei conti, cambiare operatore e gestore di questi servizi, serve a qualcosa? Ci ha fatto risparmiare?

Una recente ricerca di SOSTariffe, focalizzata proprio sul cambio operatore (telefonia, elettricità e gas) e pubblicata questa mattina, ha prodotto un risultato davvero molto interessante: cambiare gestore diventa ancora più conveniente. La ricerca, infatti, evidenzia risparmi in bolletta sempre più alti e fino al 45,5% in più rispetto al 2012, ovvero oltre 1200 euro in cinque anni. Mica male, no?

Da notare che la convenienza maggiore si riscontra nell’ADSL e nella telefonia fissa, dove la variazione arriva al 78%. 

Vediamo insieme tutti i dettagli della ricerca.

Cambiano le offerte nel 2013 e molti fornitori di Energia elettrica, Gas e soprattutto ADSL hanno previsto promozioni più vantaggiose, consentendo un aumento di risparmi fino al 78% per chi decide di cambiare operatore. E’ quanto emerge dal nuovo studio di SosTariffe.it, che ha confrontato le promozioni riservate ai nuovi clienti di energia, gas, ADSL e telefonia offerte nel 2012 con quelle proposte quest’anno.

L’indagine è stata condotta calcolando la convenienza, spalmata su cinque anni di utilizzo del servizio, dell’attivazione di nuove offerte in quattro categorie di utenze. Quest’analisi è stata condotta sulla base di tre profili di consumo con esigenze di consumo diverse: single, coppia giovane e famiglia di 4 persone.

Di seguito i risultati dell’analisi:

La coppia e la famiglia di 4 persone, in cinque anni di attivazione dei servizi, risparmiano rispettivamente il 32,7% e il 45,5% in più scegliendo una nuova tariffa rispetto al 2012. Il single è l’unico profilo che nel 2013 vede calare di circa il 21% il risparmio generato dal cambio fornitore e provider dei servizi in esame.

Per quanto riguarda l’ADSL e la telefonia, lo studio ha rilevato che è prassi comune da parte degli operatori offrire particolari sconti sul canone durante il primo anno di utilizzo, sconti che non hanno registrato particolari variazioni. Dal 2012 al 2013, tuttavia, è aumentata la durata media massima del periodo di sconto, passato dai circa 14 mesi nel 2012 ai 60 mesi nel 2013. Alcuni operatori offrono ora sconti fino a 5 anni o una tariffa scontata per sempre, generando così nel lungo periodo risparmi fino al 78% più alti, come evidenziato da questa tabella:

Per quanto riguarda l’energia elettrica, se si analizza il risparmio medio in un anno, l’aumento maggiore lo ottiene la coppia giovane passando da un risparmio del 7% del 2012 al 13% di oggi. Aumenta anche il risparmio del profilo famigliare che dal 5% del 2012 arriva all’8% del 2013. Quasi invariato il risparmio del single che passa dal 5% al 4%.

Sono rimasti sostanzialmente uguali anche i risparmi registrati con il mercato libero del gas.

Ma focalizziamoci sulla telefonia.

ADSL e Telefono:

Per effettuare la comparazione tra 2012 e 2013, SosTariffe.it ha innanzitutto delineato tre possibili profili di consumo dell’ADSL in casa, associando ad ognuno, la  tipologia di offerta più adatta e rilevando la spesa media che si ha oggi, e quella che si sosteneva un anno fa.

I profili di consumo ADSL e Telefonia fissa:

Single: il single è per definizione una persona che passa poco tempo tra le quattro mura domestiche, utilizza molto il cellulare e poco, quasi per niente, il telefono fisso. Appartenendo, molto probabilmente, ad una fascia di età giovane, il single necessita di un’offerta con velocità di download alta, più funzionale a chi utilizza internet per intrattenimento, lavoro o studio. Per questo l’ ADSL naked a 20 mega, senza la telefonia fissa, potrebbe essere la tipologia di offerta più adatta a questo profilo.

Coppia giovane: una coppia giovane è improntata a ottenere il massimo dai servizi con la minima spesa, dovendo far fronte ad eventuali spese di una recente convivenza. Questo profilo di consumo ha la necessità di effettuare alcune chiamate da casa, ma non molte. La coppia giovane, dunque, può decidere di sottoscrivere l’offerta ADSL e telefono con il canone più basso, più verosimilmente un’offerta con connessione ad internet flat e chiamate con il pagamento del solo scatto alla risposta. Un’altra soluzione potrebbe essere quella di sottoscrivere un’ADSL naked e utilizzare il cellulare come per il profilo “single”.

Famiglia: una famiglia con almeno due figli piccoli o adolescenti può collegare più device contemporaneamente alla stessa rete, ed essere interessata a sottoscrivere un’offerta per l’ADSL con una velocità di download maggiore (anche 20 mega). Per questo profilo, inoltre, il numero di chiamate da fisso aumenta e, pertanto, per la famiglia può essere più adatta l’offerta ADSL e telefono con chiamate gratuite.

Canoni mensili medi e durate delle promozioni medie:

Per valutare la spesa di ogni singolo lo studio di SosTariffe.it  ha, dunque, analizzato le offerte del mercato ADSL prendendo in esame le tariffe con solo collegamento internet (ADSL naked), i pacchetti che prevedono l’ADSL e le telefonate con il pagamento dello scatto alla risposta o con un costo al minuto (che hanno du nque un costo anche se minimo) e le promozione per internet con telefonate totalmente gratuite.

Il primo dato che si evince dalla tabella è che le tra le offerte ADSL naked a 20 mega e quelle ADSL e telefono con scatto, sempre a 20 mega, c’è poca differenza di prezzo, se prendiamo in esame  il prezzo in promozione. Questo potrebbe essere una prima motivazione che può far propendere il secondo profilo di consumo, la coppia giovane, verso la sottoscrizione di una tariffa ADSL con telefonate, invece che la sola ADSL.

Per quanto riguarda i canoni medi tra 2012 e 2013, come vedremo più avanti, non sono state rilevate  grandi differenze, mentre la durata medie dei periodi, per i quali viene applicato lo sconto, è di gran lunga aumentata dal 2012. Dai 14,40 mesi di media che troviamo come durata maggiore nel 2013, passiamo ai 60 mesi del 2013. 

ADSL e Telefono: la variazione dei canoni in un anno e confronto tra le offerte

Andiamo ad analizzare nel dettaglio le variazioni dei canoni, sia in promozione che fuori promozione, intercorse tra il 2012 e il 2013. Nella tabella successiva si possono notare le evidenze di questo confronto:

Con “costo medio fuori promo” si intende il canone standard mensile che l’utente viene a pagare dopo il periodo di promozione riservato a chi effettua la portabilità da altro provider. Con “costo medio in promo primo anno” si intende, invece, il canone mensile che si sostiene il primo anno di attivazione del servizio comprensivo, dunque, di eventuali costi.

Dal confronto della situazione che c’era nel 2012 con quella che troviamo oggi si nota subito che questi costi non sono sostanzialmente cambiati in un anno. Ciò che si spendeva, dunque, l’anno scorso il nuovo utente che attiva un’ADSL oggi lo spende anche nel 2013.

Tuttavia da questa tabella si possono notare altre considerazioni:

  • ADSL NAKED: queste offerte potrebbero non essere più convenienti neanche per chi utilizza poco il telefono di casa. Anche chi ha un utilizzo sporadico del servizio telefonico domestico, infatti, può trovare una maggiore convenienzanel sottoscrivere una tariffa ADSL e telefono. Questo non solo perchè, come si vede dalla tabella, la differenza tra i canoni è davvero poca, ma anche perché chi attiva un’ADSL naked deve comunque installare una linea telefonica con il conseguente pagamento del canone Telecom di circa 16 euro al mese.
  • Convenienza ADSL e telefonate con scatto e velocità a 20 mega: se si analizza il costo sostenuto il primo anno di attivazione del servizio, si nota subito laconvenienza della ADSL con telefonate con scatto e velocità a 20 mega con un canone mensile che si attesta intorno ai 27 euro. Questo è decisamente minore rispetto alla stessa tipologia di offerta con velocità minori (dai 7 mega ai 10 mega), ma è di poco superiore alle ADSL naked a 20 mega. Dunque si tratta di offerte decisamente molto appetibili per qualsiasi tipologia di utente.
  • ADSL e telefonate senza scatto a 7 mega registrano la diminuzione maggiore: l’unica variazione di prezzo tra 2012 e 2013 significativa la registrano le offerte ADSL e telefonate senza scatto e con velocità a 7 mega. Per chi desidera sottoscrivere un’offerta con telefonate gratuite è dunque il momento ideale per attivare una delle tariffe con velocità a 7 mega. Questo perchè il costo standard è diminuito, rispetto all’anno scorso, del 5,7%, come il costo in promozione sostenuto il primo anno che diminuisce del 7,3%.

ADSL e Telefono: variazioni del periodo di promozione e attuazione dello sconto

Una delle evidenze più interessanti, come già accennato, rilevate grazie a questo studio è la durata degli sconti applicati al periodo di promozione riservato ai nuovi clienti. Gli operatori, infatti, prevedono una riduzione del canone standard richiesto per usufruire del servizio che può essere ripetuto per un determinato periodo di tempo.

La tabella seguente mostra le variazioni intercorse tra il 2012 e il 2013, prendendo in esame i periodi promozionali medi applicati alle singole categorie di offerte:

questa tabella si nota:

  • Il periodo medio promozionale di sconto è aumentato per quasi tutte le offerte ADSL.
  • Il periodo medio promozionale che ha subito l’incremento minore è quello applicato alle offerte ADSL naked.
  • Il maggior incremento lo registrano le offerte ADSL con telefonate gratuite e velocità di download a 8/10 mega, con un incremento che supera l’80%.
  • In generale le ADSL e telefono hanno periodi promozionali molto più lunghirispetto al 2012, se si analizza il periodo maggiore per ogni anno in esame si nota che si è passati dai 14,40 mesi di media del 2012 ai 60 mesi del 2013. Si tratta di un incremento del 78%.
  • La tipologia di offerta che garantisce il periodo di sconto più lungo è l’ADSL con telefonate gratuite e velocità di download a 8/10 mega.

In realtà i periodi promozionali disponibili nel 2013 sono ancora più lunghi di quelli descritti attraverso questo studio. Molte delle offerte prese in esame, infatti, hanno uno sconto sul canone per i nuovi clienti applicati per sempre, ovvero lungo tutta la durata della fornitura del servizio. Per comodità di calcolo, per elaborare il risparmio medio che si ottiene anche con questa tipologia di offerte, sono stati considerati 60 mesi come periodo di applicazione dello sconto promozionale. Cinque anni, infatti, può essere considerato il periodo dopo il quale è plausibile che una persona possa essere interessata a cambiare operatore Adsl a causa di un trasloco o delle migliorate condizioni di altre offerte presenti sul mercato.

Altra considerazione importante è la seguente: allungandosi i tempi di attuazione dello sconto sul canone mensile aumenta il risparmio totale che si ha sottoscrivendo quella determinata tariffa, che analizzeremo nei prossimi paragrafi.

ADSL e Telefono: considerazioni sul risparmio con le promozioni ADSL nel 2012 e 2013

E veniamo ad uno dei punti fondamentali dello studio: è aumentato il risparmio rispetto all’anno scorso per quanto riguarda le promozioni dedicate ai nuovi clienti che attivano il servizio ADSL con un nuovo provider?

ome abbiamo già accennato in precedenza non sono variate le offerte dal 2012 in termini di canoni medi mensili sia in promozione che fuori promozione. Per questo ilrisparmio che si ha il primo anno di attivazione rimane più o meno invariato. 

Altre evidenze le possiamo estrapolare da questa tabella:

La tabella prende in esame il risparmio massimo ottenibile ogni mese il primo anno di attivazione. Questo dato è stato estrapolato sottraendo, per ogni categoria e fascia di tariffe, il canone fuori promozione più alto con quello in promozione più basso. Il risultato mostra, dunque, il risparmio massimo ottenibile in quella specifica fascia di offerte. 

Da questa tabella si può notare che:

  • Più  il pacchetto di offerte è completo e maggiore è la velocità di downloadcommercializzata con la tariffa, più alto è il risparmio massimo che si può ottenere
  • Tra il 2012 e il 2013 il risparmio massimo ottenibile subisce variazioni in base alle offerte prese in esame,
  • L’aumento di risparmio massimo ottenibile maggiore lo si riscontra per le  tariffe ADSL e telefonate gratuite con velocità 20 mega.

Il dato, tuttavia, più rilevante nella comparazione tra 2012 e 2013 delle tariffe ADSL lo mette in mostra la seguente tabella:

La tabella mostra il risparmio totale medio che si può ottenere sottoscrivendo quelladeterminata tipologia di tariffa. Il dato si trova moltiplicando lo sconto che si ottiene sul canone standard per il numero di mesi per il quale viene applicato e sottraendo al risultato eventuali costi di attivazione.

Anche da questa tabella possiamo estrapolare alcune evidenze:

  • Il risparmio totale è aumentato in tutti i casi rispetto al 2013, questo perché, come abbiamo visto nel paragrafo precedente, sono aumentati i periodi di attuazione degli sconti
  • Gli aumenti vanno dal 3% al 78%
  • La tipologia di offerte sulle quali si registra un aumento maggiore sono le tariffeADSL con telefono e nello specifico quelle con telefonate gratuite
  • Nel 2013, dunque, sottoscrivendo un’offerta ADSL e telefono si può risparmiare oltre 680 euro, ovvero 532 euro in più rispetto al 2012.
  • Dunque il risparmio per chi effettua la portabilità della linea ad altra linea è aumentato rispetto al 2013, ma l’utente può beneficiare di tale aumento solo serimane con lo stesso operatore fino alla fine del periodo per il quale viene applicato lo sconto sul canone mensile.  

Il risparmio ottenibile dai profili di consumo analizzati: 

Tornando ai profili di consumo analizzati possiamo adesso calcolare quanto possono arrivare a risparmiare le diverse tipologie di consumatori, sottoscrivendo l’offerta ADSL e telefono più adatta alle proprie esigenze.

La tabella mostra il risparmio medio totale che ogni profilo ottiene attivando l’offerta associata oggi, riportando l’aumento rispetto al 2012. Viene indicato, inoltre, ilrisparmio totale medio che si potrebbe

ottenere sottoscrivendo un’altra tipologia di offerta, magari con più servizi, ma che può dare un risparmio maggiore rispetto alla tariffa di più vicina al profilo di consumo.

In particolar modo si può notare che:

  • single attivando un’offerta ADSL naked a 20 mega risparmiano il 3% in più rispetto all’anno scorso, ma risparmierebbero oltre 300 euro in più sottoscrivendo un’ADSL e telefono con scatto alla risposta, sempre a velocità di download a 20 mega.
  •  La coppia giovane risparmia il 57% in più rispetto al 2012, con una convenienza di oltre 365 euro grazie alle offerte ADSL e telefonate con scatto alla risposta con velocità a 20 mega. Anche questo profilo risparmierebbe il doppio, oltre 680 euro, se sottoscrivesse la stessa tipologia di offerte, ma con chiamate gratuite.
  • La famiglia che attiva oggi l’ADSL e telefonate gratuite con 20 mega di velocità di download risparmia oggi il 61% in più rispetto a 12 mesi fa, convenienza che ammonta a circa 476 euro.

Senza dubbio si tratta di una ricerca davvero molto ben fatta e che dimostra come, stando particolarmente attenti alle varie offerte, cambiare operatore risulti davvero conveniente.

Peccato che la ricerca non consideri le ore che bisogna perdere attaccati al telefono in caso di problemi, agli anni di vita che si perdono cerando di risolvere tutti i problemi legati al passaggio da un operatore all’altro e al nervosismo che si crea ogni volta che si incontra uno dei mille problemi legati a questo passaggio. Ho vissuto questa esperienza sulla mia pelle e vi assicuro che avrei preferito continuare a pagare di più anzichè passare ore e ore al telefono con una miriade di operatori incompetenti che non sapevano aiutarmi e mi creavano solo altri problemi. E’ vero, non sempre accade questo, ma purtroppo questa situazione si verifica molto spesso.

Prima di cambiare operatore per risparmiare qualcosina, dunque, mettete in conto anche la possibilità di dover perdere tantissimo tempo per risolvere eventuali problemi che potrebbero insorgere durante il passaggio. 

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!