In quest’articolo: Camera dei Deputati: Via libera al taglio degli Stipendi dei Dipendenti! Fissato tetto massimo annuale….Ecco i dettagli

1391873357-camera-deputati

[dropcap]C[/dropcap]amera dei Deputati: Con 13 voti a favore, cinque astensioni e due membri non partecipanti al voto, l’Ufficio di Presidenza della Camera dei Deputati ha approvato la riforma del trattamento del personale, che porterà a un taglio degli stipendi.

Ciò significa la fine della “bella vita” per i dipendenti di Camera e Senato? Pare proprio di no, infatti il piano prevede l’introduzione di un massimo per le retribuzioni, fissato a 240mila euro e di altri tetti per tutte le categorie a partire da gennaio 2015. Un provvedimento che colpirà tutti i lavoratori e non piace alle 21 sigle sindacali che rappresentano circa 800 dipendenti di Palazzo Madama e i circa 1.300 di Montecitorio.

Il tetto massimo per le retribuzioni di chi lavora in Parlamento sarà fissato a 240mila euro al netto delle indennità di funzione (che in questa legislatura sono state ridotte fino al 70%) e degli oneri previdenziali. Alla Camera oggi sforano i tetti circa 80 persone, ma i tagli colpiranno in proporzione tutte le categorie di lavoratori. Se passerà il piano, in quattro anni tutti gli stipendi dovranno scendere per scaglioni annuali fino al tetto determinato per la categoria, mentre chi non ci arriva ancora vedrà il proprio stipendio fermarsi non appena raggiunta la propria soglia di riferimento.

Si prevedono tempi duri anche per loro no? A me pare proprio di no!

  • Fausto Franzoni

    Un grazie al Movimento 5 Stelle. Unica alternativa allo sfascio del paese.