In quest’articolo: Ecco un’originale curiosità, vi siete mai chiesti s’è possibile curare la carie in modo naturale? Vediamo come

prevenzione-carie

[dropcap]C[/dropcap]arie Dentali: Acerrima nemica dell’uomo e non solo è la carie dentale, malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto, dentina) su base infettiva, che origina dalla superficie e procede in profondità, fino alla polpa dentale. A causarla sono i comuni microrganismi presenti nel cavo orale, principalmente quelli adesi al dente nella forma di placca batterica, che se non mantenuti sotto controllo attraverso le comuni pratiche di igiene orale, o nel caso di abbassamento delle difese immunitarie, riescono a dissolvere la matrice minerale e organica che costituisce il dente, creando lesioni cavitate.

Il sintomo principale è il dolore, che compare però spesso solo quando il processo è sceso molto in profondità, interessando l’organo pulpare (pulpite). Il trattamento prevede l’asportazione del tessuto infetto e la sua sostituzione con materiale adatto (odontoiatria conservativa), e, nel caso di coinvolgimento pulpare avanzato, l’asportazione del tessuto pulpare e la sua sostituzione (endodonzia).

Ma al di la dell’attuale avanzamento scientifico in campo odontoiatrico è possibile curare naturalmente la carie dentale?

La soluzione è l’Attivatore X



Conosciuto come vitamina K2, si tratta di un composto simile alla vitamina K che svolge un ruolo importante nello sviluppo delle ossa facciali, fra cui i denti. Le diete moderne ne sono particolarmente povere, quindi uno sforzo consapevole per integrarlo nella tua alimentazione ti aiuterà a curare la carie. Alcuni cibi che contengono la vitamina K2sono:

  • I crostacei (soprattutto aragosta e granchio)
  • Olio di fegato di razza
  • Midollo osseo
  • Burro liquido chiarificato. Si tratta di burro biologico. Più è scuro e più è ricco di vitamina K2, così ne dovrai consumare meno.

Ecco alcune alternative

  • Prova l’olio di fegato di merluzzo fermentato. Alcuni studi suggeriscono che le carie sono causate anche dall’assenza di vitamine grasse nelle dieta moderna. L’olio di pesce fermentato, anziché distillato, è molto ricco di vitamine D e A, entrambe fondamentali per la rimineralizzazione dei denti.
  • Limita l’assunzione di zuccheri e carboidrati. Sebbene sia impossibile evitarli del tutto, puoi limitarne il consumo eliminando gli spuntini fra i pasti.
  • Mangia cibi ricchi di calcio. Rafforza i denti, quindi aumenta le tue riserve di questo minerale. Il modo migliore per integrarlo consiste nel mangiare i latticini come latte, formaggio e yogurt.
  • Bevi molta acqua. Aiuta a guarire la carie perché lava i residui di cibo e neutralizza l’acido presenti nella bocca. Cerca di arrivare a due litri al giorno.
  • Lavati i denti regolarmente. In questo modo i batteri responsabili della carie rimangono per breve tempo sui denti. Inoltre lo spazzolino rimuove i residui di cibo, eliminando la fonte di zucchero per i batteri. Lava i denti almeno due volte al giorno e considera di farlo anche più spesso.
  • Aumenta il consumo di fluoruro. Rafforza i denti, previene la carie e aiuta il processo di guarigione delle carie che si stanno formando. Lo puoi trovare nell’acqua, nei dentifrici e nei gel dentali. Controlla se il tuo Comune addiziona il fluoruro all’acqua; in caso contrario acquista un dentifricio specifico o chiedi al tuo dentista di prescriverti un gel da strofinare sui denti.