Chi pagherà per il flop del Galaxy Note 7 in Samsung: Ecco qualche nome

Quali dirigenti, ingegneri e responsabili verranno licenziati in Samsung per la vicenda Galaxy Note 7 esplosivo?

La catastrofe del Galaxy Note 7 che va a fuoco è solo la punta dell’iceberg di casa Samsung. Nell’azienda Sud Coreana molte teste sono cadute e molte altre, anche di livello, sono pronte a cadere. Anche se le ripercussioni sull’azienda si vedranno effettivamente solo nell’ultimo bilancio del 2016 il tam tam mediatico creato dalla vicenda Note 7 ha già avuto le prime cadute in azienda ma molte altre cadranno con il tempo.

https://i0.wp.com/uswitch-mobiles0-contentful.imgix.net/qhi9fkhtpbo3/6n2VHaejXaGM8CuOWM00iY/b347bf2fdd1b75b70e54ba447d338eaf/vaerc573j76pppc9p3zz.jpg?w=640&ssl=1

Sarà uno dei miti che passeranno alla storia. Il Galaxy Note 7 di Samsung è il primo smartphone ritirato ufficialmente dal mercato perchè va letteralmente a fuoco e non si tratta solo di un problema di batteria ma proprio di ingegnerizzazioni del dispositivo con ricadute sulle linee di produzione, fornitori, test non soddisfacenti, ingegneri poco attendi e molto altro.

Chi rischia il posto di lavoro in Samsung dopo la vicenda Note 7?

Sicuramente Koh Dong-jin, dirigente dal 2007 a capo della divisione mobile di Samsung Electronics, è colui che rischia più di tutti. Si è presentato in sala stampa chinando il capo per scusarsi dell’accaduto, promettendo un pronto riscatto per ritrovare la fiducia degli utenti ma potrebbe non bastare.

Insieme a lui ovviamente c’è il team che ha seguito la linea di sviluppo del nuovo dispositivo che era rivoluzionario con una nuova S-Pen e lo scanner dell’iride … e la batteria esplosiva 🙂 cose mai viste su un dispositivo del genere con una raffinatezza nell’utilizzo senza precedenti.

Non solo, Samsung rivedrà anche il team che testa le batterie ed i dispositivi prima che vengano lanciati. Questo perchè Samsung è tra le poche ad avere un test team interno e non esterni come la maggior parte delle aziende. Quindi le batterie sono state testate direttamente nei laboratori Samsung, con insuccesso.

Samsung cercherà altri produttori di componentistica interna oltre che delle batterie che ovviamente sono più sotto controllo.

Dunque un filiera senza termine che potrebbe portare a gravi ripercussioni in casa Samsung anche perchè si prevedono profitti in calo almeno per tutto il prossimo trimestre.