Lo sapete che può essere pericoloso collegarsi a una Wi-Fi pubblica? Ecco spiegato il perchè

Perché connettersi a una rete WiFi pubblica può essere pericoloso? Proviamo a scoprirlo in questo articolo.

Tutti voi, almeno una volta vi siete connessi ad una rete WiFi pubblica, gratuita o a pagamento. Magari nella piazza della vostra città, oppure all’estero mentre prendevate un caffè in qualche bar, o ancora nel vostro hotel. Ma avete mai pensato che collegarsi ad una rete WiFi pubblica può essere pericoloso? Non lo sapevate? Allora, in questo articolo, cerchiamo di capire perchè è pericoloso collegarsi ad una rete WiFi pubblica e quali rischi può comportare questa operazione.

Prima di tutto, bisogna fare una premessa. Non tutti gli hotspot e le reti WiFi pubbliche sono uguali.

In generale, quelle più affidabili sono quelle offerte dal vostro comune, dalla biblioteca o da enti pubblici, visto che, almeno a livello teorico, sono quelle più controllate e sicure, dove a gestire la rete WiFi non dovrebbero esserci malintenzionati. Però non fidatevi troppo, perchè a volte anche all’interno di queste rete WiFi pubbliche si nascondono delle insidie, soprattutto se qualche hacker o truffatore si è collegato per rubare i vostri dati personali.

Sicuramente, però, correte dei rischi maggiori se vi collegate a delle reti WiFi aperte che appartengono a sconosciuti, che trovate magari mentre girate per strada e che non sono riconducibili a nessuna attività commerciale o a nessuna istituzione (per intenderci, la tipica rete WiFi aperta che apparentemente è del solito bonaccione che non la protegge con password, ma che in realtà potrebbe essere una trappola per rubare i vostri dati personali).

Detto questo, vediamo quali possono essere i rischi a cui si va incontro quando ci si collega ad una rete WiFi pubblica. 

Rischio 1: i siti su cui navigate potrebbero essere visti da terzi (Snooping)

Prima di tutto, quando usate una rete WiFi pubblica, prestate la massima attenzione ai siti che richiedono l’inserimento dei vostri dati personali, come mail, password, numero di carta di credito ed altro. Quando siete connessi ad una rete WiFi pubblica dove non c’è protezione SSL, chiunque può facilmente intercettare i vostri dati privati, come password, nome utente, codici della carta di credito e altro ancora.

Non servono hacker avanzati: ricordo che tempo fa, con un semplice programmino per Android, ero riuscito ad intercettare i dati di accesso di Facebook di tantissimi miei amici che usavano la connessione dell’università per accedere al social network. Il programmino, molto semplicemente, faceva una scansione della rete WiFi, cercava eventuali dispositivi NON connessi in SSL, rubava i dati di accesso di Facebook e li rendeva disponibili in pochi secondi. E vi assicuro che io non sono un hacker, così come vi assicuro che ho fatto questa operazione informando i miei amici di ciò che stavo facendo 🙂 

Per proseguire con gli esempi, pensate che qualsiasi persona può spiare la navigazione internet dei dispositivi connessi alla rete WiFi pubblica su siti web non crittografati usando ad esempio il piccolo programma gratis Firesheep, oppure alcuni malintenzionati potrebbero usare strumenti più avanzati come Wireshark per catturare e analizzare il traffico internet dei dispositivi collegati alla rete WiFi pubblica in questione.

Come vedete, comunque, senza protezione SSL è pericolosissimo connettersi ad una rete WiFi pubblica: chiunque, usando semplici programmi già pronti, può controllare i siti che visitate, vedere cosa scrivete su internet, rubarvi i dati di accesso a vari siti e altro ancora.

Dunque, controllate che la rete WiFi a cui vi connettete e, soprattutto, i siti che aprite, siano protetti dalla cifratura SSL (secure socket layer), che permette di cifrare i dati in transito dal server al computer in modo da rendere molto difficile la loro intercettazione (a patto che non abbiate a che fare con hacker professionisti e davvero molto esperti). Giusto per tranquillizzarvi, comunque, vi ricordo che in generale che le transazioni verso siti e portali di una certa importanza come banche, poste, e-commerce, social network e altro vengono gestite in automatico tramite SSL, ma un controllo in più da parte vostra non fa mai male.

Ad ogni modo, se volete essere sicuri al 100% da questo punto di vista, potete usare una VPN, cioè una rete privata e chiusa che andrà a criptare tutti i dati che scambierete con la rete internet. In questo modo eventuali malintenzionati vedranno che state navigando, ma non potranno mai vedere i siti che visitate, quello che scrivete sul web, i tasti che premete e le vostre password. Esistono varie soluzioni per usare una VPN, sia gratuite che a pagamento e sono tutte molto valide. Io, ad esempio uso Spotflux Lite per Google Chrome, un’estensione che mi permette di navigare su internet in modo completamente anonimo, proteggendo i miei dati e la mia privacy alla perfezione e in modo completamente gratuito.

In alternativa, vi consiglio di scaricare e installare il componente aggiuntivo HTTPS Everywhere per Chrome, Firefox e Opera, in grado di criptare la navigazione su svariati siti internet e di proteggere la vostra navigazione sul web.

Rischio 2: accesso da parte di terzi ai vostri file privati

Un altro pericolo grosso rappresentato dalla connessione ad una rete WiFi pubblica è rappresentata dalla possibilità che altri utenti connessi alla vostra stessa rete WiFi possano accedere ai vostri dati personali che avete salvato sul disco fisso del vostro PC. Anche in questo caso, non servono hacker professionisti: basta infatti che, se avete un PC con sistema operativo Windows, la vostra connessione sia contrassegnata come “Sicura” e le condivisioni di determinati tipi di files siano attivate: in questo modo tutti gli altri computer o dispositivi collegati alla stessa rete WiFi a cui siete connessi anche voi avranno la possibilità di visionare i file da voi condivisi. In questo caso, ad esempio, non serve un hacker o una persona esperta: se i vostri file sono condivisibili, verranno visualizzati automaticamente dai PC degli altri utenti connessi alla vostra rete WiFi.

Tale opzione si può controllare ed eventualmente modificare accedendo in Pannello di controllo > Rete e Internet > Centro connessioni di rete e condivisione:

Rischio 3: trasmissione di malware o virus

Oltre a tutti questi rischi, non dobbiamo dimenticare la possibilità di essere infettati da virus o malware di qualsiasi tipo, che possono essere trasmessi tra PC connessi alla stessa rete WiFi. Per questo vi consiglio di disattivare immediatamente tutte le condivisioni di rete, oppure contrassegnare l’hotspot in Windows come “Rete Pubblica”: in questo modo abbasserete il rischio che altri utenti possano accedere ai vostri file privati e, soprattutto, che dei virus vengano trasmessi dalla rete WiFi al vostro computer.

Concludendo, dunque, possiamo affermare senza dubbio che usare una Wi-Fi pubblica è comodo, soprattutto se gratuita, ma, come abbiamo visto, può portare a dei rischi anche abbastanza elevati. 

Se vi collegate ad una rete WiFi gratuita, il consiglio è quello di usare sempre una connessione VPN per creare una connessione protetta. Inoltre, per incrementare la vostra sicurezza online, consiglio di non accedere a siti in cui dovete visualizzare o inserire informazioni strettamente personali, come il conto in banca o il numero della vostra carta di credito. Questo, ovviamente, non vi proteggerà al 100% da eventuali attacchi hacker, ma almeno ridurrà i rischi a cui siete sottoposti quando connessi ad una rete WiFi gratis.

Allo stesso tempo è di fondamentale importanza che sul computer sia attivo un firewall (quello di Windows va bene), che il sistema operativo sia sempre aggiornato e che, ovviamente, su Windows sia presente un software antivirus (anche gratuito, ma sempre ben aggiornato).

Come ultimo consiglio, comunque, ricordate bene quanto segue: diffidate sempre da quelle reti wireless che trovate in giro e non protette da password di accesso, perchè potrebbero essere finte e realizzate appositamente per rubare i vostri dati personali o per truffarvi.

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!

  • Danilo_BB

    Da Android e IOS, come faccio per navigare in https ?
    Quali altri accorgimenti devo usare per evitare che i miei dati presenti sul cellulare non vengano visti da altri sconosciuti ?
    Grazie