Volete comprare il Pebble dall’Italia? Mettete in conto, oltre alla spedizione, 50 euro (circa) di dogana

Negli scorsi giorni ho acquistato lo smartwatch Pebble dagli USA per un amico. Lui ha voluto comprare quello “vecchio”, cioè con cinturino in silicone e non quello realizzato in alluminio.

Ai 150$ del Pebble, ho dovuto aggiungere circa 25$ di spedizione, per un totale di circa 175$. Un prezzo tutto sommato accettabile per un prodotto comunque innovativo e che sicuramente vale i soldi spesi.

Ho ordinato il Pebble lunedì sera e oggi mi è stato consegnato alla velocità della luce. Quando però ho aperto al corriere, è arrivata la brutta sorpresa: oltre ai soldi che avevo già pagato, ho dovuto spendere quasi 50 euro di dogana. Proprio così: per comprare il Pebble in Italia ho dovuto pagare circa 45 euro di spese doganali. Sapevo che il costo dei servizi doganali si aggirava sui 30 euro, ma a quanto pare questa cifra è aumentata recentemente fino a toccare i 50 euro quasi.

Mi sembra veramente assurdo: su una spesa di circa 130 euro per il Pebble mi fanno pagare quasi 50 euro di spese doganali. Per cosa poi? Penso che tutto questo sia assurdo, ma ormai non so neanche perchè continuo a sorprendermi di fronte a queste assurdità italiane.

Se anche voi state pensando di comprare il Pebble, ad ogni modo, mettete in conto che sicuramente dovrete pagare, oltre al prezzo dell’orologio e della spedizione, anche 50 euro di dogana. Non saranno tantissimi, ma avevo preventivato una spesa di circa 130 euro e andare a spenderne 180 mi fa girare discretamente i cosiddetti. Non ho ragione?

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!

  • roberto

    a te sembrano assurde… a me invece troppo poche….. le spese doganali dovrebbero servire a proteggere dalla concorrenza estera i prodotti italiani….. non ti lamentare poi se non c’è lavoro in italia…….

    • Ma cosa c’entra?? Il Pebble non lo vendono in Italia, non ho alternative per comprarlo. Un conto è considerare cose che sono anche in Italia, un conto è considerare cose che in Itlaia NON ci sono e quindi se le voglio devo prenderle per forza fuori!

  • roberto

    tu dici che non c’entra….. io ti rispondo che se invece di aumentare oggi le tasse doganali di importazione le avessero aumentato 20 anni fa….. oggi avresti comprato un pebble marchiato che so…Olivetti ad esempio…. il problema del lavoro in italia è stato appunto questo…. un politica scellerata sulle importazioni che non hanno protetto il lavoro interno…… ti ricordi Prodi come festeggiava e incoraggiava i gruppi che aprivano la propria produzione all’estero?????? infatti sono andati tutti a produrre all’estero…. perché gli conveniva più che in italia considerando anche i costi di trasporto e le tasse doganali….. lo sai che la maggior parte dell’ortofrutta che giornalemte mangi viene dal nordafrica????? e lo sai che i produttori sono italiani???? va bene cosi… ti lascio a lamentarti per aver speso 50 euro in più per il tuo giocattolo… evidentemente a 25 anni è giusto ragionare cosi…

    • Va bene..piangi e lamentati..tipico degli italiani..io il lavoro non lo trovato, mi sono dato da fare e mi sono creato un blog e adesso faccio 2 lavori e presto lancerò anche una mia applicazione. Anzichè piangere dalla mamma perchè non c’è il lavoro, basta usare il cervello e provare a crearselo. Certo che è piu facile lamentarsi e non fare un tubo.

      PS: laurato con 110 e lode in economia trovavo lavoro per 300 euro al mese o stage non pagati..ribadisco: con il cervello e un pò di impegno le cose si possono cambiare, ma piangersi addosso è piu facile.

      1000 anni fa nel mondo non c’erano confini. Vuoi tornare al Medioevo?