Cosa succede a chi truffa online? Da oggi è sempre truffa aggravata

Sempre aggravata la truffa online: maggiore protezione per l’acquirente

Grandi novità per la tutela dei diritti di tutti gli utenti che acquistano prodotti online, nuovi o usati. Da oggi, infatti, nella compravendita online su siti come Subito.it distanza e anonimato, pur consapevoli, non pregiudicano i diritti degli acquirenti truffati.

Ecco tutti i dettagli.

In passato erano pochi gli utenti che si fidavano a fare acquisti online di prodotti nuovi o usati, ma nel 2017 queste operazioni sono molto più diffuse. Praticamente chiunque (o quasi) ha iniziato a comprare e vendere su internet oggetti usati: smartphone, tablet, vestiti, console e tanto altro ancora.

Vendere e comprare online è indubbiamente un metodo semplice e veloce per consentire ai venditori di liberarsi di oggetti vecchi, indesiderati e inutilizzati, mentre agli acquirenti permette di ottenere prodotti di loro interesse a prezzi vantaggiosi. Il discorso diventa ancora più interessante quando si parla di prodotti tecnologici, il cui prezzo si svaluta alla velocità della luce: spesso e volentieri, infatti, molti utenti comprano smartphone e tablet al day one anche solo per provarli e successivamente li rivendono su Subito.it, eBay o eBay Annunci a cifre leggermente più basse rispetto al prezzo originale.

Tutti ci guadagnano con questo sistema, tranne quando una delle due parti prova a truffare l’altra. E solitamente online è il venditore che truffa: si fa pagare e non spedisce nulla, oppure spedisce prodotti completamente diversi da quelli concordati.

Proprio per evitare problemi di questo tipo, se compro online, cerco sempre di incontrare di persona il venditore. E quando questo non è possibile cerco di ottenere più informazioni possibili per evitare di essere fregato. Ma questo non è sufficiente: i truffatori più abili, infatti, riescono a fregare i soldi alle sfortunate vittime in tutti i modi e nella maggior parte dei casi la fanno sempre franca.

Spesso, infatti, i truffatori online non vengono denunciati perchè si tratta di cifre basse: chi si prende la briga di denunciare qualcuno per 30-40 euro rubati online? E’ più il tempo perso in caserma che altro. E sappiamo benissimo che tanto questi soldi non tornano più indietro.

Altre volte, invece, questi truffatori vengono denunciati, ma servono 5-10 anni prima che ci sia il processo e vengano effettivamente giudicati colpevoli. E anche quando questo avviene, sappiamo benissimo che viviamo in Italia, dove i colpevoli veri non vengono (quasi) mai puniti.

Da oggi, però, c’è un’ulteriore tutela a difesa di chi compra online: la truffa online, infatti, è diventata aggravata. 

A rendere più sicuro il mondo dei mercatini online, infatti, ci ha pensato la Cassazione tramite la sentenza 17937. In pratica da oggi tutti coloro che vorranno fare acquisti su mercatini dell’usato online saranno totalmente tutelati e garantiti in caso di truffa. La lontananza fisica e sopratutto l’anonimato non sono infatti scusanti per pregiudicare i diritti degli acquirenti.

In particolar modo la sentenza della Cassazione riguarda il caso di un residente a Roma che aveva venduto due PC e un iPad a prezzi convenienti su Subito.it. Agli acquirenti però aveva recapitato beni totalmente differenti, pur avendo ricevuto regolare bonifico su una carta a lui intestata.

Scattata la denuncia e avviato l’iter giudiziario presso il tribunale di Sassari, i giudici non avevano riconosciuto la truffa aggravata, che prevede la possibilità di arresto o sequestro dei beni per “rifondere” le vittime di raggiro.

A loro parere i siti di compravendita online determinano dei rischi correlati al fatto che si rinuncia a visionare i beni e ci si affida alla buona volontà dell’interlocutore virtuale. Questa “rinuncia” non porrebbe l’acquirente in una condizione di “minorata difesa” poiché la distanza accomuna entrambe le parti in gioco.

La Corte Suprema ha invece ribaltato la tesi, spiegando che Internet è una “realtà virtuale e smaterializzata”, ma il reato di truffa si consuma nel momento in cui si consegue fisicamente il profitto.

La circostanza oggettiva della distanza e il pagamento che normalmente avviene prima della consegna pone il venditore in una posizione di forza rispetto all’acquirente. Per altro una dinamica truffaldina che “de visu” non potrebbe concretizzarsi con altrettanta facilità.

In sostanza, ottenere il pagamento prima della consegna del bene pone il venditore in una posizione di vantaggio, cosa che non avverrebbe in uno scambio di persona.

Dunque con la sentenza 17937 viene formalmente accolta la richiesta di non attuare misure cautelari in caso di compravendita online a distanza.

Magari non cambierà niente a livello pratico, ma a livello teorico da oggi chi compra online e viene truffato sarà maggiormente tutelato.

Consigli per evitare truffe online

Io, comunque, consiglio sempre di seguire queste indicazioni quando si compra online:

  • non limitarsi alle email con il venditore, ma provare a scrivere su WhatsApp o chiamarlo telefonicamente. Parlare con una persona ci aiuta a capire chi effettivamente abbiamo dall’altra parte
  • cercare il nome o la mail del venditore su Facebook per vedere se ha un profilo
  • dare un’occhiata al profilo WhatsApp, giusto per vedere la faccia del venditore o la sua foto profilo
  • cercare nome o mail del venditore su Google, magari qualcuno ha già segnalato da qualche parte eventuali problemi pregressi legati ad un’altra compravendita
  • farsi mandare foto di un documento di identità del venditore
  • evitare pagamenti con ricarica Postepay o bonifico
  • meglio pagare con PayPal, anche se ci sono commissioni più elevate
  • in caso di pagamento con bonifico, l’intestatario del conto deve corrispondere ai dati del documento che avete richiesto in foto
  • se possibile, incontrare il venditore a metà strada per conoscere la persona e provare la merce dal vivo
  • farsi mandare varie foto del prodotto in vendita, magari con un foglio di carta che indica la data del giorno in cui sono state scattate le foto

Questi consigli non vi proteggeranno al 100% dalle truffe online, ma sicuramente vi aiuteranno a limitare i danni in caso di problemi o comunque vi terranno lontani dai truffatori meno esperti.

Avete altri consigli da aggiungere a questi per evitare le truffe online?

Seguici su Telegram per ricevere in tempo reale tutte le news e offerte esclusive!

Seguici su YouTube per guardare tutte le nostre guide e recensioni sul mondo della tecnologia

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here