E se Google Babel fosse un servizio di traduzione in Tempo Reale?

Chi di voi si ricorda di Google Babel alzi la mano? Sebbene sia stato rumoreggiato da varie fonti antecedenti al lancio di Hangouts e si pensava che Babel fosse solo il nome in codice di quest’ultimo, ecco che oggi veniamo a conoscenza di un altro progetto segreto sviluppato da Google che permetterebbe la traduzione in tempo reale dal nome Babel, appunto.

Stando a quanto dichiarato da Hugo Barra alla redazione britannica del The Tims, BigG è al lavoro su una tecnologia che permetterà in futuro di tradurre le telefonate in tempo reale. Per capirne il funzionamento è utile ricorrere a un esempio: uno dei due interlocutori parla in inglese, mentre l’altro ascolta quanto detto in italiano, senza tempi di attesa. Lo stesso avviene anche nella direzione opposta, ovvero con le frasi pronunciate in italiano tradotte ed emesse in inglese dall’altoparlante dello smartphone.

Al momento Barra ha parlato solo di una prima fase di test e non si sa, se e quando verrà presentato questo nuovo servizio by Google e sicuramente ci saranno ancora fasi di sviluppo importanti poichè il test è stato effettuato in una stanza del tutto priva, o quasi, di rumori ambientali o disturbi di altro tipo, con i soggetti coinvolti che parlano scandendo le parole alla perfezione. In un contesto simile, secondo Barra, l’accuratezza della traduzione ha raggiunto una soglia molto vicina al 100%.

L’ambito in cui la tecnologia si troverà ad operare nel mondo reale potrebbe essere però ben diverso, dunque c’è bisogno di perfezionarla prima di metterla a disposizione degli utenti. Questa nuova incarnazione di Google Babel è basata sullo stesso sistema che già regola il funzionamento di Google Traslate sul Web, che ad oggi supporta 71 lingue di tutto il mondo.