http://img.prntscr.com/img?url=http://i.imgur.com/uqVFT5O.png

Esiste ancora ed ha segnato la nostra vita per i primi anni di scuola fin dall’800, la lavagna ed il gessetto, sono stati i primi metodi di comunicazione tra i maestri e gli alunni ma con l’avvento delle nuove tecnologie potrebbe sparire ed in alcuni casi lo ha già fatto.

Infatti ad oggi si stanno testando diversi strumenti più moderni, utili e completi  e con i finanziamenti in questi anni alla scuola molto è stato fatto. Infatti l’Istituto Comprensivo Margherita Hack di San Vito al Tagliamento (PN), usa da diversi anni una lavagna digitale.

L’Istituto, già molto attento all’utilizzo delle nuove tecnologie per aumentare e stimolare l’apprendimento dei suoi alunni, come spiega il dirigente scolastico Rocco Garripoli, ha ad esempio attrezzato tutte le aule con videoproiettori interattivi Epson grazie anche al Comune ed i risultati sono eccellenti perchè si è notato un maggiore apprendimento da parte dei ragazzi.

Sono 20 i videoproiettori da installare nelle classi della scuola secondaria e anche gli insegnanti sono entusiasti con risultati che hanno superato le aspettative in termini di prestazioni ed efficacia nel supporto della didattica. Ma non solo, il personale è stato formato per utilizzare queste lavagne digitali e che ormai vengono usati in tutte le materie e che permette ad esempio di cercare un video su internet, scrivere sullo schermo grazie alle due penne digitali, oppure usare le dita e molto altro perchè tutto facile ed intuitivo anche per gli alunni che apprezzano l’avvicinamento alla tecnologia già alla scuola secondaria.

E voi rimpiangerete gessetti e cancellina?

SHARE
Previous articleOfferte Amazon 22 Maggio 2016 by YourLifeUpdated.net
Next articleDoom Walktrough Part 3 | Video
Sono Brindisino ma emigrato a Torino da più di 10 anni per Studio e poi per Lavoro. Amo la mia terra, la mia donna e tutto ciò che è TECNOLOGICO in particolare la Telefonia ed Android. Amo tutti gli Sport ma la Corsa è la mia valvola di sfogo dove stacco la spina da tutto tranne che dal mio Smartphone che mi segue anche durante gli Allenamenti. Il mio motto "1 o 0. Vivo o Morto"