Google permette agli utenti di cancellare i propri dati dal motore di ricerca, ma arriva il servizio che rivela cosa è stato rimosso da Google

Sappiamo bene che, nelle scorse settimane, Google ha introdotto la funzione “Diritto all’oblio” per adattarsi alle leggi europee riguardanti la privacy degli utenti sul web.

In pratica, con queste nuove leggi europee sui dati degli utenti raccolti su Google, una qualsiasi persona ha la possibilità di richiedere a Google che determinati contenuti presenti sul web e indicizzati dal motore di ricerca venissero eliminati, cancellati e resi inaccessibili. Tutto questo per tutelare la privacy degli utenti online, ma sappiamo bene che in poco tempo questo strumento è diventata una sorta di censura senza controllo, utilizzata da persone condannate, malviventi, truffatori e altre persone di questo genere per nascondere informazioni scomode sul proprio conto. Direi che attualmente “Diritto all’oblio” non sta facendo esattamente quello per cui era nato, ma questo è un altro discorso da affrontare nelle opportune sedi.

Torniamo a parlare del “Diritto all’oblio” di Google e della sua scarsa efficacia, soprattutto ora che è nato un servizio che permette di scoprire tutto quello che è stato cancellato, rimosso e oscurato da Google in Europa. 

Non appena il servizio “Diritto all’oblio” di Google è stato lanciato, Big G ha ricevuto milioni di richiede di cancellazione ed eliminazione dei dati da parte di tantissimi utenti, che volevano fare sparire determinati articoli, news e informazioni su qualcosa che li riguardava e di cui evidentemente non andavano particolarmente fieri.

A quanto pare, però, lo strumento “Diritto all’oblio” di Google non funziona poi così bene.

Nel giro di poche settimane dal lancio di questa funzione, infatti, è già stato sviluppato un servizio incredibilmente utile e potente che permette di scoprire quello che è stato cancellato, rimosso e nascosto da Google tramite lo strumento “Diritto all’oblio”. In pratica, in modo estremamente facile ed immediato, chiunque ha la possibilità di scoprire cosa è stato cancellato e rimosso da Google, rendendo praticamente inutile lo strumento “Diritto all’oblio” appena lanciato da Big G.

Ma come è possibile che esista un sistema di questo tipo? Come fa a funzionare?

Semplice: la norma dell’Unione Europea sul “Diritto all’oblio” vale soltanto per le ricerche effettuati da utenti i cui computer risultano essere nell’Unione Europea, per cui basta usare Google.com invece di Google.it o Google.fr e simili (meglio se da un indirizzo IP non-UE reale o simulato con un tunnel/proxy, ma non sempre è necessario) per vedere anche i risultati rimossi.

Ecco come fa a funzionare Hidden from Google, un servizio che cataloga i risultati censurati e permette di sapere che cosa non si vuole che gli utenti UE possano leggere, attirando quindi maggiore attenzione proprio su quello che si voleva nascondere.

Se volete scoprire anche voi cosa è stato cancellato, rimosso, oscurato e nascosto da Google in Europa, vi consiglio di provare ad utilizzare questo strumento completamente gratuito. Scoprirete cose davvero interessanti e capirete in modo inequivocabile per cosa viene utilizzato attualmente il servizio “Diritto all’oblio”: una censura legalizzata dall’Unione Europea per nascondere agli utenti informazioni importanti e “scomode”, altro che protezione della privacy.

Link: http://hiddenfromgoogle.com/#

Via

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!