Nuovo appuntamento con l’evento del giorno per i lettori di YLU.

Ogni giorno un nuovo appuntamento con i nostri lettori. Si chiama Evento del giorno e servirà a ricordare qualcosa accaduto nel giorno in cui ci troviamo negli anni passati. Buona lettura 🙂

Evento del giorno: nel 1856 accadde…Viene aperto il casinò di Monte Carlo

Il Casinò di Monte Carlo è un complesso dedicato al gioco d’azzardo e di intrattenimento situato a Monte Carlo, nel Principato di Monaco. Esso comprende un casinò, il Grand Théâtre de Monte Carlo e la sede de Les Ballets de Monte Carlo. Il Casinò di Monte Carlo è di proprietà della Société des Bains de Mer de Monaco, una società per azioni in cui il governo di Monaco e la famiglia Grimaldi hanno una quota di maggioranza. La società possiede anche i principali alberghi, club sportivi, stabilimenti, ristorazione ed alcuni locali notturni in tutta Monaco.

Il 5 agosto 2005, la struttura ospita una tappa del Live at Last Tour di Anastacia. I ricavati del concerto sono andati tutti in beneficenza per la croce rossa.

Nel 1854 il gioco d’azzardo fu legalizzato dal principe Florestano I di Monaco. Il casinò aprì nel 1856 in un villaggio vicino al porto. IlPrincipe Carlo III ordinò la costruzione di un nuovo quartiere chiamato Monte Carlo, e un nuovo casinò entrava in questo progetto. La costruzione dell’edificio attuale è iniziato nel 1858. Per rendere il casinò di maggior successo fu dato in concessione per 50 anni ad un individuo di nome François Blanc nel 1861. L’apertura di nuove strutture avvenne nel 1863.

Il casinò e la speculazione immobiliare a Monte Carlo portarono velocemente grande fortuna alla famiglia Blanc e alla famiglia regnante. Carlo III, quindi, decise di abolire ufficialmente tutte le tasse nel Principato di Monaco. Nel 1878, Marie Blanc, la ricca vedova di François Blanc (morto nel 1877), incaricò l’architetto Charles Garnier di rinnovare il Casinò di Monte Carlo e costruire all’interno un teatro prestigioso (il Grand Théâtre de Monte Carlo), cosicché quello nuovo risultò sontuosamente decorato con arazzi lussuosi, dipinti, e dettagli dorati e barocchi: nello stille, insomma, allora in voga. Il casinò è sicuramente all’origine delle fortune di Carlo III di Monaco e dei suoi successori (Alberto I, Luigi II, Ranieri III ed Alberto II), che poi si moltiplicheranno in parte con operazioni speculative immobiliari, in parte con banche e finanza.

Dal 1863 il casinò è gestito dalla Société des Bains de Mer.

Il suo fatturato annuo non è più ormai che una piccola parte dei ricavi del principato e dellafamiglia Grimaldi.