Nuovo appuntamento con l’evento del giorno per i lettori di YLU.

Ogni giorno un nuovo appuntamento con i nostri lettori. Si chiama Evento del giorno e servirà a ricordare qualcosa accaduto nel giorno in cui ci troviamo negli anni passati. Buona lettura 🙂

Evento del giorno: nel 1923 accadde…Stati Uniti: La Checker Cab mette in strada il suo primo taxi

Il taxi (/ˈtaksi/) (in italiano anche tassì) è un’automobile che effettua un servizio trasporto di passeggeri pubblico su piazza a pagamento, ovvero su stazionamento in apposite aree pubbliche, specificatamente in una città con alla guida un autista, definito “tassista” o “taxista”.

A differenza del trasporto pubblico di linea, dove il percorso e le fermate di salita e discesa sono decisi dall’ente locale affidatore del servizio o dal gestore della linea ferroviaria, tramviaria e di autobus, il servizio offerto dal taxi è definibile come “porta a porta”. Il taxista in sosta nel parcheggio, o raggiunto con l’eventuale apparecchiatura radiotaxi o app smartphone specifica, acquisisce la richiesta dell’utente, quindi lo preleva all’indirizzo concordato che dev’essere all’interno del comune di appartenenza (o del comprensorio) e lo trasporta infine alla destinazione richiesta. Il taxi può essere fermato “al volo” anche per strada. Il servizio è normalmente obbligatorio, tranne alcune deroghe, in tutta l’area comunale mentre è facoltà del conducente accettare o meno una destinazione al di fuori di quest’area.

In Italia, per poter effettuare questo tipo di attività, il singolo cittadino deve provvedere a una “iscrizione a ruolo” la quale si ottiene previo superamento esame orale da parte di una commissione provinciale presso la Camera di Commercio. Per iscriversi all’albo occorre anche avere il certificato di abilitazione professionale, detto CAP (KB), dopodiché è possibile diventare titolare di una licenza specifica rilasciata dall’Amministrazione comunale del Comune di competenza. Il titolare della licenza può anche farsi sostituire per la guida del taxi per un determinato periodo e per specifiche condizioni da conducenti in possesso del certificato di abilitazione professionale. Inoltre, per effettuare il servizio, l’autovettura deve essere di colore bianco o grigio(dipende dalle regioni), avere almeno 4 porte, avere installato un dispositivo luminoso di riconoscimento posto sul tetto che rechi la scritta “TAXI” e deve avere, se previsto dal regolamento comunale, anche un tassametro piombato e omologato all’interno della stessa in ottemperanza alle norme del codice della strada. I regolamenti per il rilascio della licenza differiscono in ogni caso da comune a comune da nazione a nazione.