Nuovo appuntamento con l’evento del giorno per i lettori di YLU.

Ogni giorno un nuovo appuntamento con i nostri lettori. Si chiama Evento del giorno e servirà a ricordare qualcosa accaduto nel giorno in cui ci troviamo negli anni passati. Buona lettura 🙂

Evento del giorno: nel 1939 accadde…Progetto Manhattan: al presidente statunitense Franklin D. Roosevelt viene consegnata una lettera firmata da Albert Einstein, che incita gli Stati Uniti a sviluppare rapidamente un programma per la realizzazione della bomba atomica

Il Progetto Manhattan fu il nome di un programma di ricerca e sviluppo in ambito militare che portò alla realizzazione delle prime bombe atomiche durante la seconda guerra mondiale. Fu condotto dagli Stati Uniti d’America con il sostegno di Regno Unito e Canada. Dal 1942 al 1946 il programma fu diretto dal generale Leslie Groves del corpo del Genio militare degli Stati Uniti.

La componente militare del progetto fu designata Manhattan District; “Manhattan” sostituì gradualmente il nome in codice ufficiale, Development of Substitute Materials, designando l’intero progetto. Nel tempo, il progetto assorbì l’analogo progetto britannico, Tube Alloys. Il Progetto Manhattan iniziò con poche risorse nel 1939 ma crebbe fino ad occupare più di 130 000 persone e costò quasi 2 miliardi di dollari americani. Oltre il 90% dei costi fu impiegato per costruire edifici e produrre materiale fissile, con solo il 10% impiegato per lo sviluppo e la produzione di armi. L’attività di ricerca e produzione ebbe luogo in più di 30 siti diversi negli Stati Uniti, Regno Unito e Canada.

Durante la guerra furono sviluppati due tipi di bomba atomica. Fu realizzata una relativamente semplice gun-type fission weapon usando l’uranio-235, un isotopo contenuto solo per lo 0.7% nell’uranio naturale. Dal momento che è chimicamente identico all’isotopo più comune, l’uranio-238, ed ha quasi la stessa massa, è risultato difficile da separare. Furono utilizzati tre metodi per l’arricchimento dell’uranio: elettromagnetico, gassoso e termico. Gran parte di queste attività ebbero luogo a Oak Ridge, nel Tennessee.

In parallelo con il lavoro sull’uranio fu svolto uno sforzo per produrre plutonio. Vennero costruiti dei reattori a Oak Ridge e nel sito di Hanford, nello stato di Washington, in cui fu irradiato l’uranio per ottenere plutonio. Dopodiché il plutonio fu separato chimicamente dall’uranio. Il tipo di arma così sviluppata si rivelò impraticabile da usare con il plutonio perciò venne ideata un’arma che utilizzasse un’implosione più sofisticata. La progettazione e realizzazione di questa nuova arma venne condotta nel principale laboratorio di ricerca e sviluppo a Los Alamos, nel Nuovo Messico.

Il Progetto Manhattan fu inoltre incaricato di condurre attività di intelligence sul Programma nucleare militare tedesco. Il personale del Progetto Manhattan, nell’ambito dell’Operazione Alsos, fu inviato in Europa, talvolta oltre le linee nemiche, dove raccolse materiale e documenti del programma tedesco oltre che arruolare scienziati tedeschi.

Il primo ordigno nucleare della storia era una bomba a implosione che venne fatta detonare nel corso del Trinity test, condotto a 56 km a sud-est di Socorro, Nuovo Messico, presso l’Alamogordo Bombing and Gunnery Range il 16 luglio 1945. Little Boy, una bomba gun type, e Fat Man, una bomba a implosione, furono rispettivamente usate per bombardare le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki. Negli anni dell’immediato dopoguerra, il Progetto Manhattan condusse test nucleari sull’atollo di Bikini nell’ambito dell’Operazione Crossroads, sviluppò nuove armi, promosse lo sviluppo del United States Department of Energy national laboratories, sostenne la ricerca medica nel campo dellaradiologia e gettò le basi della marina nucleare. Mantenne inoltre il controllo delle armi nucleari statunitensi sino alla creazione, nel gennaio 1947, della United States Atomic Energy Commission.

Malgrado le precauzioni prese per tenere segreto il Progetto Manhattan le spie sovietiche vennero a conoscenza delle operazioni condotte dal governo statunitense per la costruzione della bomba atomica.