Nuovo appuntamento con l’evento del giorno per i lettori di YLU.

Ogni giorno un nuovo appuntamento con i nostri lettori. Si chiama Evento del giorno e servirà a ricordare qualcosa accaduto nel giorno in cui ci troviamo negli anni passati. Buona lettura 🙂

Evento del giorno: nel 1948 accadde…Viene scoperta da un gruppo di scienziati statunitensi la vitamina B12

La cobalamina (o vitamina B12) venne isolata e caratterizzata a seguito di una serie di ricerche in merito all’anemia perniciosa. Nel 1926 si scoprì che nel fegato vi è un fattore capace di curare tale patologia ed esso venne isolato e cristallizzato nel 1948. La struttura della vitamina B12 venne chiarita nel 1956.

La vitamina B12 è una sostanza di colore rosso, cristallina, igroscopica, fotosensibile ed altamente solubile in acqua; è formata da un anello corrinico (composto da 4 anelli pirrolici e tre ponti metinici) con al centro un atomo di cobalto coordinato da quattro atomi di azoto. Il cobalto presenta, inoltre, due legami di coordinazione perpendicolari rispetto al piano dell’anello. Il primo di essi si stabilisce con una molecola di 5,6 dimetilbenzimidazolo legata, a sua volta, ad un ribosio 3-fosfato. Il secondo legame si stabilisce con diversi gruppi (R) i quali possono essere:

  • cianidrico -CN (cianocobalamina)
  • ossidrilico -OH (idrossicobalamina)
  • metile -CH3 (metilcobalamina)
  • 5-deossiadenosile (5′-deossiadenosilcobalamina).

Soltanto al ph del succo gastrico la B12 viene liberata nello stomaco, e legatasi con le glicoproteine salivari (dette anche cobalofiline, leganti R o aptocorrine, poi distrutte nell’intestino tenue), si lega al fattore intrinseco a ph 6.5 mediata dal recettore Ca-dipendente.

Le forme metabolicamente attive sono la metil- e la 5′-deossiadenosilcobalamina. La cianocobalamina è un artefatto che si forma durante i processi di estrazione in quanto si utilizza la papaina, proteasi che viene attivata dall’aggiunta di CN-. L’idrossicobalamina è la forma naturale con cui la vitamina viene di solito assunta.

Nello stomaco, l’ambiente acido e la pepsina staccano la cobalamina dalle proteine cui si trova associata ed essa, poi, si lega allacobalofillina, proteina che viene secreta nella saliva. Nel duodeno, l’azione delle proteasi provenienti dal pancreas determina la degradazione della cobalofillina e la cobalamina, aiutata dall’ambiente alcalino, si lega ad una glicoproteina che viene rilasciata dalle cellule parietali dello stomaco: il fattore intrinseco.

Il complesso vitamina-fattore intrinseco viene riconosciuto da uno specifico recettore, situato sugli enterociti dell’ileo, che lega il tutto e, tramite un processo di endocitosi, ne permette il trasporto all’interno della cellula. La vescicola così formata raggiunge la parte opposta dell’enterocita e, fondendosi con la membrana basolaterale, libera il tutto all’esterno. Durante questo processo, la cobalamina si stacca dal fattore intrinseco (forse per azione delle vescicole lisosomiali) ed una volta all’esterno viene legata da due proteine di trasporto che portano la vitamina ai tessuti: la transcobalamina I e la transcobalamina II. Il complesso che si forma con tali proteine viene riconosciuto da un recettore specifico che permette l’ingresso della vitamina nelle cellule, ancora una volta per endocitosi.

L’atomo di cobalto (un elemento altrimenti estremamente tossico per l’organismo) nell’idrossicobalamina si trova nello stato diossidazione +3. Per ottenere la forma attiva, interviene una flavoproteina reduttasi, utilizzante NADH, che riduce il cobalto prima a +2 e poi a +1. Sotto questo stato di ossidazione il cobalto si può legare al C5 di una molecola di ATP, spiazzandone i tre gruppi fosfato, e dare origine alla 5-deossiadenosilcobalamina.

Sotto forma di deossiadenosilcobalamina, la vitamina B12 interviene in due processi:

  • conversione di metilmalonil-CoA in succinil-CoA tramite l’enzima metilmalonil-CoA mutasi
  • sintesi dei 2-desossiribonucleotidi.

Sotto forma di metilcobalamina interviene in questa reazione:

  • conversione di omocisteina in metionina tramite l’enzima omocisteina metiltrasferasi e l’ausilio del metiltetraidrofolato.

È interessante notare che questa reazione è una delle poche in cui vengono in contatto la vitamina B12 e l’acido folico. Se tale reazione non avviene si blocca la trasformazione di metiltetraidrofolato in tetraidrofolato, con conseguente accumulo del primo composto. La diminuzione del tetraidrofolato e del suo derivato metilentetraidrofolato determina un blocco degli enzimi che necessitano di questi due composti. Ciò comporta una disfunzione delle vie metaboliche producenti purine e desossitimidina monofosfato.

Poiché le reazioni interessate dalla 5-deossiadenosilcobalamina intervengono nel metabolismo degli acidi grassi si ritiene che un loro blocco possa interessare soprattutto le membrane neuronali e questo spiegherebbe il coinvolgimento neurologico molto frequente in caso di carenza di vitamina B12.