Nuovo appuntamento con l’evento del giorno per i lettori di YLU.

Ogni giorno un nuovo appuntamento con i nostri lettori. Si chiama Evento del giorno e servirà a ricordare qualcosa accaduto nel giorno in cui ci troviamo negli anni passati. Buona lettura 🙂

Evento del giorno: nel 1997 accadde…A 122 anni e 164 giorni si spegne Jeanne Calment, l’essere umano più longevo di tutti i tempi.

Jeanne Louise Calment (pronuncia: /ʒan lwiːz kalˈmɑ̃/; Arles, 21 febbraio 1875 – Arles, 4 agosto 1997) è stata l’essere umano più longevo di cui si abbia avuto notizia certa.

La donna francese visse 122 anni e 164 giorni (pari a 44.724 giorni). Confermata dall’atto di nascita, tale longevità fu accuratissimamente documentata dagli studi scientifici sul suo caso, e la verifica richiese un dispiegamento di mezzi senza precedenti per un riscontro del genere. Condusse una vita estremamente attiva, tanto che cominciò a praticare la scherma a 85 anni, e a 100 anni andava ancora in bicicletta; inoltre fumò fino a 118 anni.

Jeanne Calment nasce il 21 febbraio 1875 alle 7 del mattino ad Arles (Francia) in Rue Collège du Roure da Nicolas Calment, carpentiere navale e da Marguerite Gilles, casalinga, proveniente da una famiglia di mugnai. I genitori avevano entrambi 37 anni e si erano sposati il 16 ottobre 1861, Jeanne era l’ultima di quattro figli, i suoi fratelli erano Antoine (1862-1866), Marie (1863-1865) e François (1865-1962). Jeanne Calment proveniva da una famiglia tradizionalmente longeva: suo fratello visse 97 anni, suo padre 93, sua madre 86, ma suo fratello Antoine morì a soli 4 anni, sua sorella a soli 2. Viene battezzata il 23 febbraio.

Fra 1881 e 1886 frequenta una scuola privata elementare in Place de la République. Nel 1885 partecipa al funerale di Victor Hugo con la sua famiglia al Pantheon di Parigi il 1º giugno. Nel 1888 incontra Vincent van Gogh che visita il negozio di suo padre e lo descrive come “sporco, mal vestito e sgradevole” e trovandolo “brutto, scortese e malato”.

L’8 aprile 1896 nella chiesa di Saint-Trophime in Place de la République ad Arles sposò il suo cugino di secondo grado Fernand Nicolas Calment (1868-1942). Vanno a vivere in un appartamento situato in Rue Gambetta e gestiscono il negozio “Nouveautés – Calment” che si trovava all’angolo tra Rue Gambetta e Rue Saint Estève, a cui nacque una figlia, Yvonne (1900-1934).

Nel 1906 la famiglia si trasferisce da Rue Léon Gambetta a Rue Saint Estève.

Il 18 settembre 1924 all’età di 86 anni muore la madre di Jeanne, Marguerite Gilles.

Nel 1926 la figlia Yvonne sposa Joseph Billot (nato il 5 marzo 1891), cavaliere della Legion d’Onore e capitano dell’Esercito francese. Il 23 dicembre dello stesso anno nasce il loro figlio Frédéric Billot. Jeanne in questo periodo vive nuovamente in Rue Gambetta.

L’8 gennaio 1931, all’età di 93 anni, muore il padre di Jeanne, Nicolas, mentre il 19 gennaio 1934 muore per polmonite sua figlia Yvonne, a soli 34 anni, lasciando a Jeanne il compito di crescere il nipotino. Il 2 ottobre 1942, poi, muore a 73 anni Fernand Nicolas Calment, il marito di Jeanne.

Il 3 marzo 1950 suo nipote Frédéric Billot sposa Renée Yvonne Taque, nata a La Londe-les-Maures nel Var il 20 gennaio 1926.

Il 1º dicembre 1962 muore il fratello di Jeanne, François Calment all'”Hospice de Chiavary” di Arles, all’età di 97 anni, e il 13 agosto 1963 a 36 anni muore in un incidente di moto suo nipote Frédéric Billot.

Nel 1965, all’età di 90 anni, priva di eredi, Jeanne Calment stipulò un contratto, comune in Francia, di vendita del suo appartamento condominiale en viager (o ipoteca inversa) all’avvocato quarantasettenne André-François Raffray. Raffray accettò di pagare una somma mensile sino alla morte della donna: all’epoca Jeanne aveva novant’anni e il valore dell’appartamento equivaleva a dieci anni di pagamento. Nonostante ciò, l’affare non si è rivelato vantaggioso per Raffray. La Calment è sopravvissuta infatti per più di trent’anni, mentre l’uomo fu stroncato da un cancro al colon nel dicembre 1994, settantasettenne, e trasmise l’obbligazione alla propria vedova.

Sempre nel 1965 Jeanne ritornò a vivere in Rue Saint Estève con la vedova di suo nipote, Renée Billot. Dopo aver vissuto nella sua abitazione fino all’età di 110 anni, nel 1985 la Calment si trasferì in una casa di riposo.