Nuovo appuntamento con l’evento del giorno per i lettori di YLU.

Ogni giorno un nuovo appuntamento con i nostri lettori. Si chiama Evento del giorno e servirà a ricordare qualcosa accaduto nel giorno in cui ci troviamo negli anni passati. Buona lettura 🙂

Evento del giorno: nel 2000 accadde…A Roma parte l’hackmeeting 2000

L’hackmeeting è un incontro annuale italiano sul tema delle nuove tecnologie. Vi prendono parte appassionati di informatica, in particolar modo attivisti delle libertà digitali.

Il primo Hackmeeting viene organizzato al Cpa di Firenze da: Strano Network, mailing list Cyber Rights, Hacklab di Firenze, Avana BBS, ECN, Freaknet, Decoder, Metro Olografix e la rete Cybernet, che decidono di fare un meeting a seguito del primo giro di vite contro gli hacker italiani (il cosiddetto Italian Crackdown del 1994).

I media iniziavano ad accorgersi del fenomeno digitale e identificavano il tentativo di capire la logica delle nuove tecnologie come fenomeno “criminale”. La comunità hacker invece voleva sottolineare che il computer era uno strumento di massa, domestico e non solo tecnico-universitario o militare, di controllo o di mercato. L’informazione che passava su quella rete di PC doveva essere libera. Radio Cybernet, prima webradio italiana, trasmetteva i seminari sul web. Da allora, la radio ci sarà praticamente ogni anno.

I tre giorni di Firenze sono quelli in cui nasce l’attuale impianto dell’hackmeeting. Il messaggio era: usciamo dal digitale e portiamo nel reale e alla portata di tutti questioni tecniche e opportunità di comunicazione diretta; siamo noi a dirtelo senza mediazioni (lo slogan “don’t hate the media, become the media” da lì a qualche anno avrebbe affiancato “information wants to be free”).

Quell’anno esce Kryptonite, un libro che raccoglie howto su strumenti specifici, legati alla privacy e all’anonimato (anonimous remailer, gpg, packet radio).

L’intenzione divulgativa dell’hackmeeting è chiara. All’hackmeeting partecipa tutta la scena più rappresentativa dell’underground italiano. La prima generazione di hacker che si riconosce nel termine non nel senso più comunemente attribuito dai media.

Strumenti tecnici: corsi di Linux per principianti e workshop sulla accessibilità delle tecnologie e dei siti.