Facebook adesso ci pedina ovunque su Internet, anche quando non siamo all’interno del social network e non stiamo usando l’app su smartphone. Ecco tutti i dettagli

Schermata 2015-02-06 alle 10.50.49

Qualche giorno fa in un articolo molto dettagliato abbiamo visto quante informazioni Google raccoglie sul nostro conto senza che noi ce ne rendiamo nemmeno conto. Se vi siete persi l’articolo, vi consiglio di leggerlo, lo trovate qui: Come controllare quello che Google sa di noi

Ce lo potevamo aspettare, ma scoprire in prima persona tutti i dati che Google raccoglie continuamente sul nostro conto è davvero incredibile.

La cosa ancora più incredibile è che, dove non arriva Google, arriva Facebook! Il social network in blu, infatti, ha recentemente cambiato le proprie regole di gestione della privacy e, accettandole, diamo il permesso a Facebook di spiare tutto quello che facciamo quando siamo online e offline.

Molti utenti non ci hanno fatto nemmeno caso, ma il 30 gennaio scorso Facebook ha aggiornato le proprie regole di gestione della privacy (la Normativa sui dati): con questa nuova formulazione, in pratica, Facebook ha il permesso di raccogliere informazioni sui suoi utenti anche quando sono scollegati da Facebook e stanno visitando altri siti o facendo ricerche nei motori di ricerca.

In pratica, se accettiamo le nuove norme, diamo il permesso a Facebook di spiarci in qualunque momento della giornata, anche quando navighiamo su internet per lavoro o per i fatti nostri e anche quando non siamo all’interno di Facebook.

Ma non è finita qui: le nuove regole introducono inoltre lo scambio di dati con WhatsApp e Instagram. Inoltre, sempre con queste nuove regole, Facebook può usare anche i segnali GPS, Bluetooth e Wi-Fi dei suoi utenti per localizzarli in qualsiasi momento, può raccogliere informazioni sui pagamenti effettuati su altri siti, e altro ancora.

In pratica Facebook ci può spiare 24 ore su 24, può raccogliere dati su quello che facciamo, quello che scriviamo su WhatsApp, quello che compriamo, i luoghi che visitiamo e tanto altro ancora. Possiamo dire addio alla nostra privacy, Facebook ci conosce meglio di nostra madre con queste nuove norme. 

Ovviamente, secondo Facebook, tutto questo serve a migliorare l’esperienza di utilizzare il social network mostrando soltanto pubblicità pertinenti, ma sappiamo bene che l’unico obiettivo di questa nuova operazione è quello di portare più soldi nelle tasche di Mark e soci.

Ovviamente possiamo NON accettare queste nuove norme di Facebook sulla privacy, ma l’unica strada percorribile è quella di eliminare il proprio profilo Facebook. Se volete continuare a usare Facebook, infatti, dovete dare al social network la possibilità di spiarvi sempre e ovunque, altrimenti siete liberi di passare ad altri social network.

Fate circolare la notizia, penso che abbia un’importanza fondamentale e che tutti dovrebbero conoscere le nuove norme di Facebook sulla privacy.

Via

Ecco di seguito alcuni punti del nuovo regolamento della privacy di Facebook. Traete voi le vostre conclusioni.

“In alcuni casi, le persone con cui condividi contenuti e comunichi possono scaricare o condividere di nuovo questi contenuti con altre persone all’interno e all’esterno dei nostri Servizi. Quando commenti un post di un’altra persona o metti “Mi piace” a un suo contenuto su Facebook, la persona in questione decide il pubblico che può vedere, commentare il contenuto o mettervi “Mi piace”. Se ha impostato la privacy su “Pubblica”, anche il tuo commento sarà visibile pubblicamente.”

“Se la proprietà o il controllo di tutti o parte dei nostri Servizi o delle relative risorse cambia, potremmo trasferire le tue informazioni al nuovo titolare.”

“Inoltre, possiamo accedere alle informazioni nonché conservarle e condividerle qualora riteniamo in buona fede che ciò sia necessario per: individuare, prevenire e gestire frodi e altre attività illegali; tutelare noi stessi, l’utente e altre persone, anche nell’ambito delle indagini; prevenire eventi che possano determinare danni fisici imminenti o decesso. Ad esempio, possiamo fornire informazioni sull’affidabilità del tuo account a partner terzi per evitare frodi e usi impropri all’interno e all’esterno dei nostri Servizi. Le informazioni che riceviamo su di te, compresi i dati delle transazioni finanziarie correlati agli acquisti effettuati tramite Facebook, possono essere consultate, elaborate e conservate per un periodo di tempo prolungato quando sono oggetto di un procedimento legale, di un’indagine governativa o di indagini riguardanti possibili violazioni delle nostre condizioni o normative oppure per evitare danni. Possiamo inoltre conservare le informazioni presenti negli account disabilitati che non rispettano le nostre condizioni per almeno un anno al fine di evitare il ripetersi di usi impropri o altre violazioni delle nostre condizioni.”

Se questa pagina di YourLifeUpdated.net ti è piaciuta e ti è stata d’aiuto, non perdere tempo, condividila sui social network! Clicca "Mi Piace" sulla pagina ufficiale di YourLifeUpdated su Facebook, seguici su Twitter Google+ per ricevere tante informazioni e consigli utili!