Gmail bloccato in Cina: continua la guerra tra Google e la Cina.

Nuovo capitolo della querelle che vede come protagonisti Google e la Cina. Se da quest’estate la faida tra le due superpotenze, una digitale ed una reale, è aperta con la chiusura di alcuni servizi Google bloccati come Youtube e Maps da quest’estate, adesso anche Gmail risulta irraggiungibile per tutti coloro che vivono in Cina.

Stando alla dichiarazioni ufficiali, la Cina avrebbe dichiarato che non è stato oscurato il servizio mail di Google ma, dall’altra parte, Google fa sapere che i canali di distribuzione del servizio in Cina sono aperti e che non ci sono problemi rilevati dai loro sistemi. Questo significherebbe che il governo cinese ha oscurato Gmail senza dichiararlo apertamente, costringendo gli utenti che utilizzavano il client di Google a cambiare servizio mail.

I servizi di Google non sono gli unici ad essere irraggiungibili in Cina però, dato che anche siti come Facebook, Dropbox e simili non possono essere visitati regolarmente così come avviene nel resto del mondo. Fortunatamente, però, grazie alle VPN tutto questo blocco può essere bypassato pagando circa 9-10 dollari al mese e sfruttando reti straniere per connettersi a tutti questi siti oscurati.

E’ pur vero che in Cina esistono valide alternative a tutti questi servizi, ma oscurare siti che in tutto il mondo vengono visitati giornalmente sembrerebbe un po’ azzardato. La politica cinese dell’oscurantismo non è il massimo che ci si possa aspettare nel 2014, ma qui non sono nostri problemi dato che già ne abbiamo tanti altri 🙂