Qualche giorno fa Google ha registrato un brevetto con la chiara intenzione di sviluppare una tastiera senza barra spaziatrice. Il nome non lascia ad adito ad inganno poiché si chiama “Tastiera senza tasto per la barra spaziatrice” ed il brevetto è stato rilasciato al Patent & Trademark Office degli Stati Uniti che potrebbe essere una nuova tastiera alternativa usata sui futuri Chromebook.

Il brevetto spiega anche il meccanismo che permetterebbe di capire quando l’utente ha finito di digitare la parola ed inserire lo spazio automaticamente. Il lavoro dovrebbe essere svolto da una sensore posto sotto il trackpad che analizzerebbe i movimenti della nostra mano e intuirebbe la fine della parola inserendo lo spazio automaticamente. Al momento oltre a Google anche altre società sono a lavoro su tecnologie simili anche in ottica di recupero spazio soprattutto sui  portatili con Apple che sul suo MacBook da 12 pollici che ha ridisegnato la tastiera in modo da sfruttare ogni spazio disponibile sul case ridisegnando non solo il layout ma anche il font ed il meccanismo di pressione.

Dunque in un futuro non troppo lontano potremo dire addio al tasto più ingombrante della nostra tastiera sempre utilizzando nuove tecnologie come sensori e scrittura predittiva fatta a livello software.